Il petrolio scende del 3% poiché il blocco in Cina alimenta i timori della domanda

Una piattaforma petrolifera pompa olio in un campo vicino a Calgary, Alberta, Canada, il 21 luglio 2014. REUTERS/Todd Korroll

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • La Shenzhen cinese espande le restrizioni COVID-19 con l’aumento dei casi
  • L’attività delle fabbriche in Cina si riduce ad agosto a causa dell’indebolimento degli ordini
  • L’indice del dollaro è salito al livello più alto degli ultimi 20 anni
  • L’OPEC+ vede un mercato più ristretto nel 2022 e nel 2023

HOUSTON (Reuters) – Giovedì i prezzi del petrolio sono scesi di quasi il 3%, poiché il nuovo blocco del coronavirus in Cina ha accresciuto i timori che l’aumento dell’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse stiano influenzando la domanda di carburante.

Il greggio Brent è sceso da $ 2,90 a $ 92,74 al barile, in calo del 3%, entro le 12:30 EST (1730 GMT). I future sul greggio US West Texas Intermediate sono scesi di $ 2,72, o del 3%, a $ 86,83 al barile.

“La domanda di petrolio nel mondo occidentale, così come in Cina, è stagnante, mentre le forniture si stanno gradualmente espandendo, in gran parte sulla scia del boom dello shale negli Stati Uniti”, ha affermato Norbert Rucker, analista di Julius Baer.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Le attività delle fabbriche in Asia sono crollate ad agosto poiché le restrizioni alla diffusione del nuovo coronavirus in Cina e le pressioni sui costi hanno continuato a danneggiare le aziende, secondo i sondaggi mostrati giovedì, attenuando le prospettive per la fragile ripresa della regione. Leggi di più

Shenzhen, l’hub tecnologico nel sud della Cina, ha inasprito le restrizioni COVID-19 mentre i casi continuano ad aumentare. I grandi eventi e l’intrattenimento al coperto sono stati sospesi per tre giorni nel più popoloso quartiere Bao’an della città. Leggi di più

READ  Uber addebita un supplemento carburante

Il principale indice azionario europeo è sceso ai livelli più bassi in sette settimane a causa dell’intensificarsi delle preoccupazioni per i forti aumenti dei tassi di interesse per combattere l’inflazione record. Leggi di più

L’indice del dollaro ha raggiunto il massimo da 20 anni dopo che i dati statunitensi hanno mostrato la forza resiliente dell’economia, dando alla Federal Reserve più spazio per aumentare i tassi di interesse. Un dollaro forte rende il petrolio in dollari più costoso per i detentori di altre valute.

Insieme al “dollaro USA estremamente forte, sta causando un’ulteriore liquidazione di fondi in futures sul petrolio greggio”, ha affermato Dennis Kessler, vicepresidente senior del trading di BOK Financial.

Anche un possibile rinnovo dell’accordo nucleare del 2015 con l’Iran che consentirà al membro dell’OPEC di aumentare le proprie esportazioni di petrolio ha influito sui prezzi.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto di sperare di concludere un accordo nei prossimi giorni. Leggi di più

La volatilità del mercato petrolifero è cresciuta quest’anno a causa delle preoccupazioni per la carenza di forniture nei mesi trascorsi da quando la Russia ha inviato forze militari in Ucraina e mentre l’OPEC lotta per aumentare la produzione.

La produzione dell’OPEC ha raggiunto 29,6 milioni di barili al giorno nell’ultimo mese, secondo un’indagine Reuters, mentre la produzione statunitense è salita a 11,82 milioni di barili al giorno a giugno.

Entrambi sono ai massimi livelli da aprile 2020. Leggi di più

Tuttavia, il mercato petrolifero avrà un piccolo surplus di soli 400.000 barili al giorno nel 2022, molto meno di quanto previsto in precedenza, secondo l’OPEC e i suoi partner – noti come OPEC + – a causa della mancanza di produzione nei suoi membri, dati da l’organizzazione ha mostrato. Leggi di più

READ  Il presidente di New Peloton respinge la proposta di vendita dell'azienda

Il gruppo prevede un deficit nel mercato petrolifero di 300.000 barili al giorno nel 2023.

Nell’ultimo tentativo di immettere il petrolio venezuelano nel mercato, Chevron Corp ha presentato una nuova domanda al governo degli Stati Uniti per espandere la sua licenza per operare in Venezuela, hanno detto le fonti. Leggi di più

Nel frattempo, la US Energy Information Administration ha dichiarato mercoledì che le scorte di greggio statunitensi sono diminuite di 3,3 milioni di barili, mentre le scorte di benzina sono diminuite di 1,2 milioni di barili.

La Casa Bianca ha detto che i ministri delle finanze del Gruppo dei Sette nazioni ricche discuteranno il limite proposto dall’amministrazione ai prezzi del petrolio russo quando si incontreranno venerdì. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Ahmed Ghaddar a Londra e Yuka Obayashi a Tokyo. Montaggio di Jason Neely, Kirsten Donovan, David Gregorio e Alexander Smith

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews