Il petrolio aumenta mentre la carenza di offerta torna a concentrarsi

Serbatoi di stoccaggio del petrolio greggio dall’alto al Cushing Oil Center, a Cushing, Oklahoma, 24 marzo 2016. REUTERS/Nick Oxford

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • L’OPEC + ha opzioni per affrontare le sfide, compresi i tagli
  • L’Iran abbandona alcune delle sue richieste per un accordo nucleare – funzionario degli Stati Uniti
  • Avanti: Rapporto sull’approvvigionamento di petrolio API, 2030 GMT

LONDRA (Reuters) – Martedì il petrolio è salito di $1 al barile, con un’offerta più ristretta di nuovo al centro dell’attenzione poiché l’Arabia Saudita ha lanciato l’idea di tagli alla produzione OPEC+ per sostenere i prezzi e un possibile calo delle scorte di greggio statunitensi.

Lunedì, l’agenzia di stampa saudita ha riferito che il ministro dell’Energia saudita ha affermato che l’OPEC+ ha i mezzi per affrontare le sfide, compresi i tagli alla produzione, citando i commenti fatti da Abdulaziz bin Salman a Bloomberg in un’intervista. Leggi di più

Il greggio Brent, il benchmark globale, è aumentato di 77 centesimi, o dello 0,8 percento, a $ 97,25 al barile entro le 0814 GMT. Il greggio US West Texas Intermediate è aumentato di 94 centesimi, o dell’1,0%, a $ 91,30.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Se il taglio alla produzione dell’OPEC o dell’OPEC+ post-settembre sia giustificato o meno”, ha affermato Tamas Varga di BVM oil brokerage. “Nonostante la recente debolezza causata dall’inflazione, il mercato petrolifero sembra aver raggiunto il minimo di recente”.

Il petrolio è aumentato nel 2022, avvicinandosi al massimo storico di $ 147 a marzo dopo l’invasione russa dell’Ucraina, esacerbando le preoccupazioni sull’offerta. Da allora, le preoccupazioni per una recessione globale, l’aumento dell’inflazione e la debolezza della domanda hanno pesato sui prezzi.

READ  L'accordo di Elon Musk per l'acquisto di Twitter è in pericolo

Evidenzia inoltre la possibilità di concludere un accordo nucleare tra l’Iran e le potenze mondiali che consentirebbe all’Iran di aumentare le esportazioni di petrolio. Un alto funzionario statunitense ha detto lunedì a Reuters che l’Iran ha rinunciato ad alcune delle sue richieste chiave per rilanciare l’accordo. Leggi di più

Sebbene il prezzo dei future sul greggio Brent sia fortemente diminuito rispetto al massimo di quest’anno, la struttura del mercato e i differenziali di prezzo nel mercato petrolifero attuale indicano ancora una scarsa offerta.

Nei commenti riportati lunedì, il ministro saudita ha affermato che i mercati della carta e del petrolio naturale sono diventati “separati”.

A conferma della scarsa offerta, l’ultimo rapporto settimanale sulle scorte statunitensi dovrebbe mostrare un calo di 1,5 milioni di barili delle scorte di greggio. I primi due rapporti di questa settimana sono stati rilasciati alle 2030 GMT dall’American Petroleum Institute.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto aggiuntivo di Stephanie Kelly e Moyo Shaw); Montaggio di Simon Cameron Moore e Clarence Fernandez

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews