Il petrolio aumenta mentre i flussi di gas russo verso l’Europa diminuiscono, incombe il divieto di petrolio russo dall’UE

I lavoratori camminano mentre le pompe dell’olio appaiono sullo sfondo nel giacimento di petrolio e gas di Ouzin nella regione di Mangistau in Kazakistan, 13 novembre 2021. REUTERS/Pavel Mikheev

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il petrolio greggio aumenta dopo essere sceso di quasi il 10% in due giorni
  • L’Ungheria chiede l’embargo dell’UE sul petrolio russo
  • L’Ucraina interrompe alcuni flussi di gas russo
  • Grande aumento delle scorte di greggio statunitensi, calo della benzina

NEW YORK (Reuters) – I prezzi del petrolio sono balzati di quasi il 5% mercoledì, dopo essere crollati di quasi il 10% nelle due sessioni precedenti, spinti dalle preoccupazioni sull’offerta a causa del calo dei flussi di gas russo verso l’Europa e dell’Unione Europea che ha lavorato per ottenere sostegno dall’embargo petrolifero russo .

I flussi di gas russo verso l’Europa attraverso l’Ucraina sono diminuiti di un quarto dopo che Kiev ha interrotto l’uso di un’importante rotta di transito e l’ha attribuita all’intervento delle forze di occupazione russe. Questa è stata la prima volta che le esportazioni attraverso l’Ucraina sono state interrotte dall’invasione. Leggi di più

Il greggio Brent è salito di $ 5,13, ​​in rialzo del 5%, a $ 107,59 al barile entro le 12:35 EST (1635 GMT). Il greggio US West Texas Intermediate è balzato da $ 5,68 a $ 105,44.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Sospetto che le turbolenze del gas in Ucraina stiano avendo un impatto in costante aumento”, ha affermato Jeffrey Haley, analista presso l’agenzia di intermediazione OANDA.

L’Unione Europea ha proposto un divieto al petrolio russo, che secondo gli analisti potrebbe restringere il mercato e alterare i flussi commerciali. Il voto, che ha bisogno del sostegno unanime, è stato rinviato, poiché l’Ungheria ha trascinato l’opposizione sulla sua scia. Leggi di più

READ  Le turbolenze del governo separatista catalano e gli intransigenti votano per il ritiro | Novità in Catalogna

“I prezzi continueranno a salire soprattutto se l’Unione Europea raggiungerà un accordo per eliminare gradualmente gli acquisti di petrolio russo nel corso dell’anno in corso”, ha affermato Andrew Lipow, presidente della Lipow Oil Associates a Houston.

L’Energy Information Administration ha affermato che le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di oltre otto milioni di barili nell’ultima settimana, a causa di un altro significativo rilascio di riserve strategiche. Le scorte di greggio commerciale stanno aumentando poiché la Casa Bianca ha scelto di inondare il mercato di petrolio per compensare l’aumento dei prezzi.

Tuttavia, i prezzi del carburante hanno continuato a salire poiché la capacità di raffinazione è diminuita e la domanda di prodotti è aumentata in tutto il mondo, così come sono state ridotte le esportazioni russe. Ciò ha spinto i margini di raffinazione a livelli quasi record negli Stati Uniti. Nonostante l’aumento delle scorte di greggio, le scorte di benzina sono diminuite di 3,6 milioni di barili nell’ultima settimana.

“Questi ritiri stanno avvenendo su tutti i prodotti: stiamo vedendo che le raffinerie non sono in grado di tenere il passo con la domanda di benzina”, ha affermato Tony Hedrick, analista del mercato energetico di CHS Hedging.

Il petrolio è stato anche sostenuto dalle speranze di uno stimolo economico cinese, dopo che l’inflazione alla fabbrica in Cina è diminuita e gli investitori hanno trovato conforto nei segni di un calo delle infezioni interne da COVID-19.

Il prezzo del greggio è salito alle stelle nel 2022 quando l’invasione russa dell’Ucraina ha accresciuto le preoccupazioni sull’offerta, con il greggio Brent che ha raggiunto $ 139, il più alto dal 2008, a marzo. Le preoccupazioni per la crescita derivanti dalle restrizioni del coronavirus in Cina e dagli aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti hanno causato una recessione questa settimana.

READ  L'intelligence britannica afferma che la Russia sta avvicinando più riservisti all'Ucraina

Sullo sfondo rimane un’offerta scarsa a causa di ciò che secondo i principali produttori è in parte causato da investimenti insufficienti a sostegno del petrolio. Martedì il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti ha evidenziato queste preoccupazioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Alex Lawler a Londra e Laura Sannicola e Arathi Sumasekhar a New York. Montaggio di Jason Neely, Louise Heavens, Tomasz Janofsky e David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews