Il mondo sta attraversando la sua prima vera crisi energetica globale: Birol dell’Agenzia internazionale per l’energia

SINGAPORE (Reuters) – L’inasprimento dei mercati del gas naturale liquefatto in tutto il mondo ei tagli alle forniture da parte dei maggiori produttori di petrolio hanno messo il mondo nel mezzo della “prima vera crisi energetica globale”, il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE). ) ha detto martedì.

L’aumento delle importazioni di GNL in Europa durante la crisi ucraina e una possibile ripresa dell’appetito della Cina per il carburante restringerà il mercato poiché solo 20 miliardi di metri cubi di nuova capacità di GNL entreranno nel mercato il prossimo anno, Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’International Lo ha detto l’Agenzia per l’Energia durante Singapore. Settimana Internazionale dell’Energia.

Allo stesso tempo, la recente decisione dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e dei suoi alleati, meglio conosciuti come OPEC+, di tagliare 2 milioni di barili al giorno (bpd) è una decisione “rischiosa” come vede l’Agenzia Internazionale dell’Energia La crescita della domanda globale di petrolio si avvicina, ha detto Birol, due milioni di barili al giorno quest’anno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“(È) particolarmente rischioso perché molte economie in tutto il mondo sono sull’orlo della recessione, se stiamo parlando di una recessione globale… ho trovato questa decisione davvero deplorevole”, ha detto.

L’aumento dei prezzi globali di una serie di fonti energetiche, tra cui petrolio, gas naturale e carbone, sta danneggiando i consumatori mentre stanno già affrontando l’aumento dell’inflazione alimentare e dei servizi. I prezzi elevati e la possibilità di razionamento potrebbero rappresentare un rischio per i consumatori europei mentre si preparano all’inverno nell’emisfero settentrionale.

Birol ha affermato che l’Europa potrebbe superare questo inverno, anche se in una certa misura ci vuole un duro colpo, se il clima rimane mite.

READ  Amazon licenzia migliaia di dipendenti dalle sue fonti

“A meno che non avremo un inverno molto freddo e lungo, a meno che non ci siano sorprese in termini di ciò che abbiamo visto, ad esempio l’esplosione dell’oleodotto Nordstream, quest’inverno l’Europa dovrebbe subire qualche livido economico e sociale”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda il petrolio, si prevede che il consumo aumenterà di 1,7 milioni di barili al giorno nel 2023, quindi il mondo avrà ancora bisogno del petrolio russo per soddisfare la domanda, secondo Birol.

I paesi del G7 hanno proposto un meccanismo che consentirebbe ai paesi emergenti di acquistare petrolio russo ma a prezzi inferiori per ridurre le entrate di Mosca sulla scia della guerra in Ucraina.

Birol ha affermato che lo schema contiene ancora molti dettagli che devono essere risolti e richiederà l’acquisto dei principali paesi importatori di petrolio.

Un funzionario del Tesoro statunitense ha detto a Reuters la scorsa settimana che non era irragionevole credere che dall’80% al 90% del petrolio russo avrebbe continuato a fluire al di fuori del meccanismo del price cap se Mosca avesse cercato di deriderlo.

“Penso che questa sia una buona cosa perché il mondo ha ancora bisogno del petrolio russo per entrare nel mercato in questo momento. L’80%-90% è un livello buono e incoraggiante per soddisfare la domanda”, ha affermato Birol.

Ha aggiunto che mentre c’è ancora un’enorme quantità di riserve petrolifere strategiche che possono essere sfruttate durante le interruzioni dell’approvvigionamento, un altro rilascio non è attualmente all’ordine del giorno.

La sicurezza energetica stimola la crescita delle risorse rinnovabili

Birol ha affermato che la crisi energetica potrebbe essere un punto di svolta per accelerare le fonti pulite e dare forma a un sistema energetico sostenibile e sicuro.

READ  Twitter, Zoom, Palo Alto Networks, Macy's e altro ancora

“La sicurezza energetica è il motore numero uno (della transizione energetica)”, ha affermato Birol, con i paesi che vedono le tecnologie energetiche e le energie rinnovabili come una soluzione.

L’Agenzia internazionale per l’energia ha rivisto la sua previsione di crescita delle energie rinnovabili nel 2022 con un aumento del 20% anno su anno dall’8% precedente, con quasi 400 gigawatt di energia rinnovabile aggiunti quest’anno.

Birol ha affermato che molti paesi in Europa e altrove stanno accelerando l’installazione di energia rinnovabile interrompendo i processi di autorizzazione e licenza per sostituire il gas russo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Florence Tan, Moyo Chu ed Emily Chow; Montaggio di Jacqueline Wong e Christian Schmolinger

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews