Il lobbista statunitense ha fatto cadere la banca russa VTB dopo l’ultimo round di sanzioni

VTB Bank firma all’ExpoForum Convention and Exhibition Centre, il Forum economico internazionale di San Pietroburgo, a San Pietroburgo, Russia.

Siva Karacan | Agenzia Anadolu | Getty Images

VTB Bank ha perso i principali lobbisti statunitensi dopo l’ultimo round di sanzioni del presidente Joe Biden contro l’enorme istituto finanziario russo.

Sidley Austin, una delle lobbiste più potenti di Washington, DC, ha dichiarato venerdì alla CNBC di non rappresentare più la banca dopo averla selezionata come cliente nel 2015. Il Dipartimento del Tesoro di Biden ha sanzionato la banca dopo l’invasione russa dell’Ucraina. settimana.

“VTB Group non è più un cliente di Sidley Austin LLP in conformità con le sanzioni statunitensi”, ha affermato un portavoce in una e-mail. La società ha continuato a rappresentare la società presso il governo degli Stati Uniti dopo che è stata inizialmente sanzionata nel 2014 in seguito all’invasione e all’annessione russa della Crimea, una regione all’interno dell’Ucraina.

La perdita della rappresentanza di Sidley Austin indica la perdita di un potente alleato del VTB a Washington che avrebbe potuto fare pressioni sul governo degli Stati Uniti per l’azienda dopo le recenti sanzioni. Forbes afferma che la capitalizzazione di mercato della banca, lo scorso anno, era di oltre $ 8 miliardi.

Le ultime sanzioni statunitensi hanno preso di mira anche i dirigenti associati a VTB, inclusi alti funzionari Andrei Sergeevich Puchkov e Yuri Alekseevich Soloviev, secondo il Tesoro.

Già Centro per l’integrità pubblica menzionato Il gruppo di lobby di Sidley Austin è stato coinvolto con quelli del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e con i membri del Congresso quando hanno rappresentato per la prima volta la banca.

READ  Tesla emette un altro richiamo via etere per un piccolo numero di auto negli Stati Uniti

Non è stato possibile contattare un rappresentante di VTB Bank per un commento poiché il loro sito Web non è stato caricato durante il tentativo di raggiungere l’azienda.

Giovedì VTB ha risposto alle sanzioni statunitensi in una dichiarazione.

“VTB è una delle principali banche della Federazione Russa con un’ampia presenza internazionale e una posizione finanziaria stabile. Le sanzioni sono state una realtà per noi negli ultimi anni e un altro round di sanzioni politicamente motivate contro la Russia non è stata una sorpresa Un rappresentante ha detto in quel momento.

“VTB è stato e continua ad essere un partner fidato per milioni di clienti, investitori e azionisti”, si legge nella dichiarazione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews