Il lato segreto di Andrew Wiggins che i fan di Warriors non vedono, secondo Bruce Fraser

Le stesse affermazioni volatili hanno seguito Andrew Wiggins durante le sue otto stagioni nella NBA.

Non importa abbastanza. Corre in difesa. Il talento c’è chiaramente, ma ama davvero il gioco del basket?

Come ha mostrato Wiggins anche prima di colpire i Warriors tramite un massiccio scambio con i Minnesota Timberwolves nella scadenza del 2019-20, ha il potenziale per scaldarsi e mettere temporaneamente tutti i dubbi.

Durante un periodo di due mesi a dicembre e gennaio, ha segnato una media di 18,1 punti e ha tirato il 44,7% da una distanza di 3 punti, un periodo di 26 partite che gli è valso uno dei suoi 10 punti. Come un rookie NBA All-Star.

Ma poi Wiggins è scomparso. Mentre i Warriors hanno combattuto contro i gravi infortuni di Steve Curry, Draymond Green e altri per chiudere il programma della stagione regolare, la produzione di Wiggins è scesa a 15,7 punti a partita e un taglio del 33,7% dopo la pausa All-Star. Ha perso il 56,3% dei tentativi dalla linea di tiro libero a quella distanza, eliminando tutta la sua potenza All-Star e pone la domanda Se ha quello che serve per contribuire alla gara del Golden State Championship.

In un’intervista a 95.7 Mark Willard e Dan Dipley dalla partita Martedì, l’allenatore dello sviluppo dei giocatori dei Warriors Bruce Fraser ha messo in evidenza l’attaccante dei Warriors e ha chiarito qualsiasi domanda sulla monotonia incompresa del 27enne.

“Ha un comportamento calmo”, ha detto Fraser. “Ma è più competitivo di quello che pensi. È difficile giocare a quel livello, francamente, se non hai uno spirito competitivo”.

“Strade avanti [Wiggins] È sempre stato così talentuoso da avere successo nel suo talento. Ma quello che non vedi in esso è un fuoco interiore che brucia. È competitivo. Vuole vincere”.

READ  5 cose imparate alla Packers Family Night - 5 agosto

Wiggins ha mostrato quel fuoco come giocatore più importante dei Warriors in Gara 1 delle finali della Western Conference contro i Dallas Mavericks al Chase Center mercoledì sera. Con Gary Payton II ancora fuori da un gomito rotto, Wiggins è stato incaricato del compito più importante della squadra nel suo piano di gioco per sconfiggere i Mavs – star stop Luka Dončić.

Imparentato: Harlan: Luca è sveglio tutta la notte malato dopo Dubs-Mavs 1

Custodito da Wiggins nella maggior parte delle vittorie per 112-87 dei Warriors su Dallas, Doncic è stato limitato a 20 punti di tiro in 6 su 18 e ha segnato più palle perse (7) rispetto ai field goal segnati (6). Wiggins ha superato il test, mettendo di nuovo a tacere gli scettici.

“È un ottimo giocatore di basket”, ha detto Fraser. “È abile. L’unica cosa che lo ha aiutato qui è che abbiamo una cultura davvero buona in cui sono emerse tutte le cose di cui le persone hanno parlato in passato. È stato un’ottima aggiunta. Penso che abbia guadagnato la sua forza difensiva , ed è quello che ci ha davvero aiutato”.

A Wiggins verrà chiesto di seguire nuovamente Dončić venerdì sera in Gara 2 della serie. Vai all’area di NBC Sports Bay alle 17:00 per guardare l’anteprima del gioco su “Warriors Live: Playoff Edition”.

Scarica e segui Dubs Talk Podcast

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews