Il grande ammasso globulare di Ercole

Illustrazione che mostra le sei code di una cometa nel cielo prima dell’alba

Ci sono le comete e poi ci sono le grandi comete. Fu certamente l’incendio che scoppiò nel cielo nel 1743 e nel 1744 Uno dei più recenti.

Mentre la cometa sfrecciava oltre la Terra verso il sole, si diceva che la cometa fosse abbastanza luminosa da essere vista in pieno giorno e superare in astuzia Venere nel cielo serale. Ha anche sviluppato una doppia coda lunga e ben visibile, che è già insolita. Poi, quando raggiunse il perielio e ruotò attorno al sole, la coda della cometa si divise in sei raggi chiaramente definiti. Al mattino, quando la testa della cometa era ancora nascosta sotto l’orizzonte, queste sei code erano luminose e visibili, raggiungendo il cielo come una specie di “ventaglio” che sembrava provenire dal sole.

Il motivo per cui la cometa ha dato questo aspetto rimane un mistero. Potrebbero esserci effettivamente una o due code molto più larghe, ma c’erano aree oscurate dalla polvere densa. In ogni caso, è stato registrato da astronomi di tutto il mondo, inclusa la Cina, dove gli astronomi di corte hanno affermato che la cometa emetteva un crepitio. Questo è stato un peccato molto strano.

La non grande giovane Catherine ha notato il colpevole mentre si recava in Russia per il matrimonio. Apparentemente ha pensato di dichiarare la sua futura grandezza perché… certo che l’ha fatto.

Di ritorno in Francia, anche il giovane Messier sembra aver visto la cometa e sembra aver fatto molto per proiettarlo in un futuro nell’astronomia, piuttosto che nel percorso decisamente meraviglioso di portare le persone in aula. Messier riuscì a ottenere una posizione di assistente di Joseph Nicolas Deliel, che era l’astronomo ufficiale della Marina francese (disegnando un corso, ecc.) e forse, cosa più importante, il ricco sporco.

READ  Chandra della NASA cattura Pulsar in un autovelox a raggi X

Delile aveva un osservatorio di nuova costruzione e il giovane Messier si stabilì rapidamente. Nel decennio successivo fece una serie di importanti scoperte, ricevendo una posizione di rilievo nel governo, oltre a una serie di riconoscimenti e membri della comunità scientifica. Come previsto, le comete sono rimaste un argomento di particolare interesse per Messier, che sembrava essere bravo a sbarazzarsi di una cometa lontana prima che altri astronomi potessero ottenere i loro nomi sulla palla di neve in avvicinamento. Anche il re Luigi XV diede a Messier un soprannome molto impressionante che è ” Mongoose Comets” che, se hai un titolo inciso sulla tua lapide, dovrebbe essere il titolo.

Ma il lavoro successivo di Messier con gli oggetti del cielo profondo è meglio ricordato oggi. A partire dal 1771, Messier iniziò a compilare un catalogo di alcuni di quei punti nebbiosi nel cielo notturno, cose che oggi conosciamo come nebulose, galassie e ammassi stellari. Il primo elenco includeva 45 di questi elementi. L’elenco finale, che includeva alcune cose estratte dalle note a piè di pagina e dai margini di Messier, ammontava a 110. Questi divennero noti come esseri miserabili.

Da allora, trovare questi oggetti di Messier è stato un diritto di passaggio per gli astronomi. Qualcosa come scalare le Seven Summits in alpinismo. Fatta eccezione per una probabilità molto inferiore di morire in una valanga.

E… beh, si scopre che Messier 13 è qualcosa che è conosciuto in vari modi come l’ammasso stellare di Ercole, il Grande ammasso globulare di Ercole o l’ammasso globulare di Ercole. Messier non è stato in realtà il primo a scoprire M13. Questo merito va a un altro uomo cometa, Edmund Halley, che lo incontrò nel 1714. Ma Messier lo mise nel catalogo,

READ  La straordinaria immagine di Hubble rivela uno strano "specchio" della galassia

M13 è un gruppo di centinaia di migliaia di stelle, ma non è una galassia. In effetti, è uno dei tanti blob di questo tipo in orbita attorno alla nostra buona vecchia galassia, la Via Lattea. Si trova a circa 22.500 anni luce dalla Terra. Se vuoi trovarlo, cerca dove suggerisce il nome: nella costellazione di Ercole. Ma porta un telescopio. Nonostante il numero di stelle in questo gruppo, la loro dimensione visibile è superiore a 11 e sono troppo deboli per essere viste ad occhio nudo.

M13 è circa 100 volte più denso di stelle rispetto alle regioni vicine intorno alla Terra. Ci sono solo circa 135 stelle entro 50 anni luce dalla Terra. È interessante pensare a come potrebbe apparire un cielo grande quanto un vicino vicino in una notte limpida. Le stelle in M13 sono abbastanza vicine che mai e poi una coppia finisce per fondersi in un gigante bianco-blu di breve durata.

Qualcosa nell’M13 ha reso il grappolo sferico di Ercole un tema ricorrente nei romanzi di fantascienza. Questo potrebbe essere il motivo per cui, quando nel 1974 il personale SETI del telescopio di Arecibo, scomparso ma non dimenticato, stava cercando un obiettivo per un messaggio di prova, ha scelto M13. Da qualche parte qua e là una lettera con informazioni di base sulla matematica, e poi si espande per descrivere la struttura degli atomi, poi gli elementi, poi il DNA e poi alcuni fatti di base sulla vita umana.

Se qualcuno è là fuori e ha un ottimo destinatario, avrà la posta in circa 22.450 anni.

READ  non perdere! La congiunzione del pianeta e della luna questo fine settimana

Come per la maggior parte delle immagini che mostro in questa funzione, l’immagine in alto è stata scattata con il piccolo ma intelligente telescopio Vespera. E come al solito con questa funzione, mi aspetto che alcuni di voi faranno molto meglio. Ma forse non meglio di così…

Immagine del telescopio Hubble M13.

Conto alla rovescia web: “La NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese, rilascerà le prime immagini a colori e dati di spettroscopia per il James Webb Space Telescope durante una trasmissione televisiva che inizierà alle 10:30 ET di martedì 12 luglio .” E lo copriremo dal vivo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews