Il ghiacciaio Doomsday “si attacca alle sue unghie”: lo slittamento all’indietro può sollevare la spina dorsale dal livello del mare di 10 piedi

Immagine R/V Nathaniel B. Palmer da un drone al ghiacciaio Thwaites nel febbraio 2019. Credito: Alexandra Mazur/Università di Göteborg

Più veloce in passato: le nuove immagini del fondale marino – la più alta risoluzione di qualsiasi immagine presa dalla calotta glaciale dell’Antartide occidentale – hanno sconvolto la comprensione del Thwaites Glacier Retreat.

A volte in passato, l’enorme ghiacciaio Thwaites si è ritirato più velocemente di quanto non lo sia oggi, sollevando preoccupazioni per il suo futuro.

Il ghiacciaio Thwaites nell’Antartide occidentale, noto anche come il ghiacciaio del giorno del giudizio, è stato un elefante nella stanza degli scienziati che cercavano di prevedere l’innalzamento del livello del mare globale.

Questa massiccia corrente glaciale è già in una fase di rapido ritiro (“rottura” se vista su scale temporali geologiche). Ciò ha portato a una diffusa preoccupazione su quanto o quanto velocemente potrebbe cedere il suo ghiaccio nell’oceano.

Thwaites Ice Multibeam batimetro

Vista 3D della batimetria multi-beam (forma del fondale marino) colore per profondità, raccolta da Rán su una cresta sul fondo del mare, proprio di fronte alla piattaforma di ghiaccio di Thwaites. Credito: Alistair Graham/University of South Florida

Il potenziale effetto della ritirata di Thwaites è il raffreddamento della spina dorsale: la perdita del ghiacciaio e dei bacini di ghiaccio circostanti potrebbe aumentare il livello del mare da tre a 10 piedi. Il ghiacciaio ha le dimensioni della Florida.

“Thwaites è davvero fedele alle sue unghie oggi e dovremmo aspettarci di vedere grandi cambiamenti su piccole scale temporali in futuro, anche di anno in anno, una volta che il ghiacciaio si ritirerà oltre una cresta poco profonda sul fondo”. – Roberto Later

Un nuovo studio è stato pubblicato in

“È come se stessi guardando un mareografo sul fondo del mare”, ha detto Graham. “Mi stupisce davvero quanto siano belli i dati.”

A parte la bellezza, ha detto Graham, ciò che è preoccupante è che il tasso di declino dei Thwaites che gli scienziati hanno documentato di recente è minimo rispetto ai tassi di cambiamento più rapidi del passato.

Per comprendere il precedente ritiro di Thwaites, gli scienziati hanno analizzato le formazioni simili a costole sommerse a 700 metri (circa 2.300 piedi o poco meno di mezzo miglio) sotto l’Oceano Artico e hanno preso in considerazione il ciclo di marea della regione e, come previsto dai modelli computerizzati, hanno dimostrato che una costola deve be È stato configurato ogni giorno.

Rán Kongsberg HUGIN Veicolo subacqueo autonomo

Rán, un veicolo subacqueo Kongsberg HUGIN autonomo, è tra il ghiaccio marino di fronte al ghiacciaio Thwaites, dopo una missione di 20 ore per mappare il fondale marino. Credito immagine: Anna Wåhlin / Università di Göteborg

Ad un certo punto negli ultimi 200 anni, in un periodo inferiore a sei mesi, il fronte del ghiacciaio ha perso il contatto con il bordo del fondale marino e si è ritirato a una velocità di oltre 2,1 chilometri all’anno (1,3 miglia all’anno). Questo è il doppio del tasso documentato utilizzando i satelliti tra il 2011 e il 2019.

“I nostri risultati suggeriscono che impulsi di ritiro molto rapido si sono verificati nel ghiacciaio Thwaites negli ultimi due secoli, e forse fino alla metà del 20° secolo”, ha detto Graham.

“Thwaites è davvero fedele alle sue unghie oggi, e dovremmo aspettarci di vedere grandi cambiamenti su piccole scale temporali in futuro, anche di anno in anno, una volta che il ghiacciaio si ritirerà oltre un bordo poco profondo sul fondo”, ha affermato il geofisico marino. E il coautore Robert Larter del British Antarctic Survey.

Mappa satellitare Thwaites Glacier Landsat 8

Mappa del ghiacciaio Thwaites mostrata nelle immagini satellitari Landsat 8 raccolte nel febbraio 2019. Il percorso della missione del veicolo subacqueo autonomo è mostrato in arancione. I cambiamenti nelle posizioni della linea di messa a terra del ghiacciaio Thwaites nel recente passato sono indicati da linee colorate. Credito: Alistair Graham/University of South Florida

Per raccogliere immagini e supportare dati geofisici, il team di ricerca, che comprendeva scienziati di Stati Uniti, Regno Unito e Svezia, ha lanciato un moderno veicolo robotico arancione carico di sensori di imaging chiamato “Rán” di R/V Nathaniel B. Palmer durante una spedizione nel 2019 .

Graham ha detto che Rán, gestito da scienziati dell’Università di Göteborg in Svezia, ha intrapreso una missione di 20 ore tanto rischiosa quanto fortuita. Ha mappato un fondale marino grande all’incirca delle dimensioni di Houston di fronte al ghiacciaio, e lo ha fatto in condizioni difficili durante un’estate insolita segnata dalla mancanza di ghiaccio marino.

Ciò ha permesso ai ricercatori di raggiungere per la prima volta nella storia il fronte del ghiacciaio.

“Questo è stato uno studio rivoluzionario sul fondale oceanico, reso possibile dai recenti progressi tecnologici nella mappatura autonoma degli oceani e dalla decisione coraggiosa della Fondazione Wallenberg di investire in questa infrastruttura di ricerca”, ha affermato Anna Wahleen, oceanografa fisica dell’Università di Göteborg. Ha eseguito la pubblicazione a Thwaites. “Le immagini raccolte da Ran ci danno informazioni vitali sui processi che si verificano oggi all’incrocio critico tra il ghiacciaio e l’oceano”.

“È stato davvero un compito irripetibile”, ha detto Graham, che ha affermato che il team vorrebbe campionare direttamente dai sedimenti del fondale marino in modo da poter datare con maggiore precisione le caratteristiche collinari.

“Ma il ghiaccio si è avvicinato molto rapidamente a noi e abbiamo dovuto partire prima di poterlo fare in questa spedizione”, ha detto.

Alistair Graham e Robert Larter

Gli scienziati di Thor Alistair Graham (a destra) e Robert Larter (a sinistra) osservano con ammirazione la faccia traballante e ghiacciata dell’Ice Rim di Thwaites, dal ponte del ponte di R/V Nathaniel B. Palmer. Credito: Frank Nietzsche

Mentre rimangono molte domande, una cosa è certa: gli scienziati pensavano che le calotte glaciali antartiche fossero lente e lente a rispondere, ma semplicemente non è vero, secondo Graham.

“Solo un piccolo calcio per Thwaites può portare a una grande risposta”, ha detto.

Secondo le Nazioni Unite, quasi il 40 per cento della popolazione vive entro 60 miglia dalla costa.

Tom Fraser, preside della USF School of Marine Sciences, ha dichiarato: “Questo studio fa parte di uno sforzo di squadra interdisciplinare per comprendere meglio il sistema del ghiacciaio Thwaites e, poiché fuori dalla vista, non possiamo toglierci di mente Thwaites. Questo studio è un importante passo avanti nel fornire informazioni chiave per illuminare gli sforzi di pianificazione globale”.

Riferimento: “The Rapid Retreat of Thwaites Glacier in the Pre-Satellite Era” di Alistair JC Graham, Anna Wolin, Kelly A. Hogan, Frank O. Nechi, Karen J. Heywood, Rebecca L. Totten e James A. Dieter Hillenbrand, Lauren M. Simkins, John B. Anderson, Julia S. Wellner, Robert D. Più tardi, 5 settembre 2022, disponibile qui. scienze naturali della terra.
DOI: 10.1038 / s41561-022-01019-9

Lo studio è stato sostenuto dalla National Science Foundation e dal Natural Environment Research Council del Regno Unito attraverso la Thwaites Glacier International Collaboration.

La spedizione del 2019 è stata la prima di un progetto quinquennale chiamato THOR, che sta per Thwaites Offshore Research, e comprendeva anche membri del team di un progetto gemello chiamato Thwaites-Amundsen Regional Survey and Network Integration Atmosphere-Ice-Ocean Processes, o TARSAN.

READ  Gli scienziati cinesi sono riusciti a creare il primo mammifero al mondo con geni completamente riprogrammati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews