Il fratello di Shireen Abu Akle ha criticato le azioni violente della polizia israeliana al suo funerale

“Avrebbero potuto facilmente bloccare la strada se non avessero voluto vedere il corteo funebre lasciare l’ospedale, ma l’attacco è stato deliberato e brutale”, ha detto alla CNN Tony Abu Okla.

Parlando al St. Joseph Hospital di Gerusalemme est, dove venerdì è iniziato il corteo funebre, ha detto di aver parlato con la polizia israeliana prima dell’evento.

“La polizia mi ha chiamato e mi ha detto di andare alla stazione di polizia e volevano sapere il percorso del corteo e l’organizzazione del funerale. Ci hanno detto di non alzare bandiere palestinesi o slogan o cori. “Io non Non voglio sentirlo”, ha detto Abu Akleh.

“E volevano sapere quante persone hanno partecipato al funerale. Ho detto loro che non posso darvi promesse, non ho i numeri e non posso controllare la folla. Questo funerale è un funerale nazionale per tutti. partecipa. Ed è quello che abbiamo visto”.

In un comunicato, l’ospedale ha condannato la “violenta intrusione della polizia di occupazione”.

Il St. Joseph Hospital ha descritto gli eventi come una “flagrante violazione delle norme e dei regolamenti internazionali”.

“Noi, vescovi e fedeli delle chiese cristiane in Terra Santa, condanniamo il violento assalto da parte della polizia di occupazione al corteo funebre della giornalista assassinata Sherine Abu Akleh mentre si recava dall’ospedale Saint Joseph in Grecia. – La Chiesa Cattedrale Reale”.

“L’invasione della polizia israeliana, l’uso sproporzionato della forza, l’aggressione alle persone in lutto, il loro pestaggio con manganelli e fumogeni, lo sparo di proiettili di gomma e gli spaventosi pazienti ospedalieri sono una flagrante violazione delle norme e dei regolamenti internazionali”, aggiunge la dichiarazione.

Ha aggiunto che “la polizia ha attaccato la santità del luogo e ha negato l’ospedale ei funerali senza riguardo, sapendo che l’ospedale Saint Joseph è sotto gli auspici del Vaticano ed è protetto dal governo francese”.

READ  Israele e Libano raggiungono un accordo storico che da anni risolve una disputa sui confini marittimi

Nelle riprese delle telecamere a circuito chiuso rilasciate dall’ospedale lunedì, più di una dozzina di agenti di polizia sono stati visti sciamare nell’edificio dell’ospedale armati di manganelli e muoversi aggressivamente attraverso i corridoi. La CNN ha contattato la polizia israeliana per rispondere alle accuse del St. Joseph Hospital.

La polizia di occupazione sta indagando sul & # 39;  eventi & # 39;  I dintorni del funerale del giornalista palestinese: il ministro

Sabato il ministro della Pubblica Sicurezza israeliano, Omar Bar-Lev, ha dichiarato alla Galileus Web che la polizia “si è mossa per consentire al corteo funebre della giornalista Shirin Abu Akleh di procedere in modo ordinato, in coordinamento con la sua famiglia e con una chiara comprensione della sensibilità e della complessità del funerale».

Ha aggiunto che “durante il funerale si sono verificati incidenti violenti da parte dei partecipanti, che hanno esacerbato la situazione sul campo”.

Le autorità israeliane hanno detto che avrebbero indagato sull’incidente e la polizia ha twittato: “La polizia israeliana sta supportando i suoi ufficiali, ma come organizzazione professionale che cerca di imparare e migliorare, trarrà lezioni anche dall’incidente”.

Abu Oqla, 51 anni, è stato ucciso mercoledì a Jenin. Le autorità palestinesi e israeliane stanno indagando separatamente sull’omicidio. Al Jazeera ha accusato Israele di aver deliberatamente ucciso il giornalista veterano.

Il corrispondente della CNN Karim Khader ha riferito da Gerusalemme e Celine Al-Khalidi da Amman, in Giordania.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews