Il casco finanziato dallo stato indiano promette “aria pulita” nella battaglia contro lo smog invernale

NUOVA DELHI (Reuters) – Mentre la capitale dell’India, Nuova Delhi, si prepara all’inverno e alla stagione dello smog che lo accompagna, il governo pubblicizza un casco da motociclista con filtri e una ventola nella parte posteriore che si dice possa togliere l’80%. di inquinanti.

Le agenzie statali hanno versato migliaia di dollari in Shellios Technolabs, una startup il cui fondatore Amit Pathak ha iniziato a lavorare sul casco, che lui definisce il primo al mondo, in uno scantinato nel 2016.

Questo è stato l’anno in cui sono stati fatti i primi titoli sull’aria sporca che ha reso New Delhi quasi irrespirabile da metà dicembre a febbraio, poiché il freddo intenso intrappola la polvere, le emissioni dei veicoli e il fumo dalla combustione dei rifiuti dei raccolti negli stati vicini.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“All’interno di una casa o di un ufficio, potresti avere un purificatore d’aria”, ha detto Pathak, un ingegnere elettrico. “Ma ragazzi sulla moto, non hanno assolutamente alcuna protezione.”

Così la sua azienda ha progettato un casco con un’unità di purificazione dell’aria, dotato di una membrana filtrante sostituibile e di una ventola alimentata da una batteria di sei ore che può essere caricata tramite uno slot microUSB.

Pathak ha aggiunto che le vendite del casco sono iniziate nel 2019 e i test condotti da un laboratorio indipendente per le strade di Nuova Delhi hanno confermato che potrebbe tenere oltre l’80% delle sostanze inquinanti fuori dal naso degli utenti.

Un rapporto di prova del 2019 visto da Reuters ha mostrato che il casco ha ridotto i livelli di particelle di PM 2,5 nell’aria dannose per i polmoni a 8,1 microgrammi per metro cubo da 43,1 microgrammi all’aperto.

Il Ministero della Scienza e della Tecnologia dell’India afferma che il casco fornisce “una boccata d’aria fresca per i motociclisti”. Potrebbe non arrivare così presto in un paese che ospitava 35 dei 50 peggiori paesi del mondo città inquinate l’anno scorso.

Pathak vede un’enorme opportunità in mezzo alla domanda annuale di 30 milioni di caschi, ma ha rifiutato di rivelare i suoi dati di produzione o vendita.

Ogni casco viene venduto al dettaglio per 4.500 rupie ($ 56), o quasi quattro volte il costo di un casco normale, mettendo il dispositivo fuori dalla portata di molti motociclisti in India.

Poiché pesa 1,5 kg (3,3 libbre) in più rispetto ai dispositivi attuali, Shellios ha collaborato con un grande produttore per sviluppare una versione più leggera di un materiale termoplastico invece della fibra di vetro, una mossa che ridurrebbe anche i costi.

La nuova versione dovrebbe essere rilasciata tra pochi mesi.

Pathak ha affermato che la società ha attirato l’interesse dei paesi del sud-est asiatico come Malesia, Thailandia e Vietnam.

(1 dollaro = 79,8210 rupie)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto di Krishna N. Das); Segnalazioni aggiuntive di Anushri Fadnavis e Sunil Kataria. Montaggio di Clarence Fernandez

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  L'adeguamento del costo della vita della previdenza sociale potrebbe raggiungere il 10,5% nel 2023

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews