I nemici di Trump scoprono che “la politica si ferma in riva al mare” per difendere Biden dalle critiche

il nuovoOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Difensori di Presidente Biden Ha rimproverato i suoi critici per la sua decisione di non rispondere alle domande dopo i commenti di martedì sulle sanzioni della Casa Bianca contro di lei Russiainvocando il mantra che “la politica si ferma sul bordo dell’acqua”, ma la decenza è stata ampiamente ignorata durante la precedente amministrazione.

“Molto strano che le persone di ‘Trump is Putin’ abbiano riscoperto l’importanza di ‘la politica che si ferma in riva al mare’ sotto Biden, co-fondatore di Cavalry e presentatore di podcast Michael Duncan”. Nota.

L’account Twitter di House Republicans ha intitolato una foto di Biden che volta le spalle ai giornalisti e si allontana senza rispondere alle domande scrivere, “Questo è l’aspetto della vulnerabilità sulla scena mondiale”. Il tweet è stato subito colpito da contraccolpi, anche da uno dei moderatori Richiesto“Che cosa succede”, la politica si ferma sul bordo dell’acqua? “

Russia e Ucraina: Biden annuncia sanzioni e azioni militari in risposta all’invasione: aggiornamenti in tempo reale

Un altro critico ha risposto“Basta aggiungere la frase ‘la politica si ferma in riva al mare’ all’elenco dei principi americani che sono stati abbandonati ai seguaci libici”.

Diversi altri critici hanno rimproverato i critici delle osservazioni di Biden martedì. CNN Cassie Hunt anche suggerire I repubblicani erano i “nemici” per aver criticato Biden perché gli Stati Uniti stavano “lavorando per mantenere forti le alleanze”.

Joy Reed di MSNBC era d’accordo con l’idea che la carne politica interna non dovrebbe influenzare la politica estera.

La politica finisce sul bordo dell’acqua “era una cosa”, Leggere libri Rispondi al tweet. Tuttavia, Biden non era all’estero, era alla Casa Bianca.

Questa frase, attribuita al senatore Arthur Vandenberg, un repubblicano del Michigan che ha sostenuto il presidente democratico Harry Truman all’indomani della seconda guerra mondiale, viene usata per rimproverare i repubblicani mentre la crisi Ucraina-Russia si intensifica. Tuttavia, i liberali non si sono attenuti esattamente a questo mantra quando l’ex presidente Trump era in carica.

Il viaggio di Trump all’estero non ha rallentato i suoi critici espliciti. Washington Times circa una volta Critiche dopo il suo vertice del luglio 2018 a Helsinki con il presidente russo Vladimir Putin, in cui è stato deriso per aver affermato di aver preso alla lettera la negazione di Putin dell’interferenza elettorale degli Stati Uniti. Tra i suoi aspri critici c’era il defunto senatore John McCain, un repubblicano di Ariz.

Un ex funzionario di Obama lo ha definito un “tradimento”. L'”analista” della CNN ha chiamatogoverno ombraper tirarlo fuori. Un collaboratore di MSNBC ha affermato che la performance di Trump “vivrebbe allo sbando” come Pearl Harbor o Kristallnacht. L’ex direttore dell’FBI James B. Comey ha osservato che “i Patriots devono alzarsi in piedi e rifiutare il comportamento di questo presidente”, ha osservato il Washington Times, aggiungendo che Rachel Maddow di MSNBC ha portato le critiche di Trump ancora più in là.

Il caporedattore di NewsBusters, Curtis Hawke, ha criticato l’ipocrisia di Reed e di altri critici liberali.

“Sono abbastanza grande da ricordare quando criticare un presidente per le sue decisioni di politica estera era considerato patriottico. E questa è chiaramente una tattica usata da molti sulla stampa. Certo, abbiamo visto molti tentativi di incolpare Trump, ma di sottolineare che è traditore o antiamericano menzionare i fatti di ciò che sta accadendo è una specie di riciclo di primo grado”.

READ  Studente accusato di aver ucciso due insegnanti nella scuola svedese di HS

“I media o hanno giocato l’esperta scorciatoia dell’amministrazione Biden affermando che avrebbero fatto questo o quello per far sembrare che fossero critici, o l’hanno reso una figura negativa in questa crisi globale”, ha continuato Hook. “In altre parole, è tornato nel playbook di Obama. Joey Reed è troppo impegnato a costruire incisivi delle dimensioni dell’Everest sull’istruzione e su come i conservatori vogliono che l’educazione alla storia comprenda correttamente la politica estera”.

Il Reed Fellow della NBC Jonathan Allen ha scritto un articolo nel giugno 2018 per titoloCon Trump, la politica non si ferma più sull’orlo dell’acqua. I critici di Trump per il ritiro dalla dichiarazione del G-7 mentre era in Canada includevano McCain, l’allora leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi e l’allora leader della minoranza al Senato Chuck Schumer, DN.Y.

Allen ha scritto: “La classe politica a Washington ha sempre aderito al principio che la politica deve finire sull’orlo”.

L'ex presidente Trump è stato regolarmente criticato per la sua gestione delle questioni all'estero.  (Foto AP/Alex Brandon)

L’ex presidente Trump è stato regolarmente criticato per la sua gestione delle questioni all’estero. (Foto AP/Alex Brandon)
((Foto AP / Alex Brandon))

“Ma non è stata solo la dichiarazione del G7 a suscitare il rimprovero di Trump durante i suoi viaggi all’estero. Anche prima, ha sconvolto l’establishment della politica estera con la sua richiesta di riammissione della Russia nel G7 e ha raccolto l’opposizione bipartisan al Congresso sulla sua decisione di revocare le sanzioni alla compagnia di telecomunicazioni cinese ZTE”. Sembra certo che le battaglie politiche americane seguiranno Trump ovunque andrà.

CLICCA QUI PER APPLICAZIONE FOX NEWS

Trump non è l’unico presidente che è stato preso di mira dai suoi oppositori interni durante la crisi internazionale.

READ  Le sanzioni metteranno alla prova l'economia "fortificata" russa

Nel 2014, l’autore e professore della Georgetown University Robert J. Lieber A. ha scritto: Washington Post Il titolo dell’articolo, “La politica si ferma sul bordo dell’acqua? Non ultimamente”, spiega che “la politica può essere in ritardo sul bordo dell’acqua, ma di certo non si ferma a lungo” nell’era moderna. Lieber ha osservato che la guerra polarizzante in Iraq è stata un ottimo esempio, con i democratici che hanno protestato pubblicamente contro il presidente George W. Bush, mentre la risposta repubblicana alla gestione della Siria da parte del presidente Obama ha dimostrato che entrambe le parti erano coinvolte.

In breve, scriveva Lieber, “la politica non si ferma sull’orlo”.

David Rutz di Fox News ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews