I mercati asiatici aprono in ribasso dopo che i dati sui prezzi hanno colpito Wall Street :: WRAL.com

I mercati asiatici sono scesi mercoledì dopo che Wall Street ha perso il massimo da giugno 2020, poiché un rapporto ha mostrato che l’inflazione ha mantenuto una presa sorprendentemente forte sull’economia statunitense.

Il benchmark Nikkei 225 a Tokyo ha perso il 2,8% nelle prime contrattazioni mercoledì, a 27816,58, mentre l’S&P/ASX 200 a Sydney è sceso del 2,5% a 6.834,80. A Seoul, Kospi ha perso il 2,6% a 2386,29.

I futures statunitensi sono stati più alti, con il Dow Jones Industrial Average e l’indice Standard & Poor’s 500 che hanno guadagnato lo 0,1%. In calo anche i contratti futures europei.

Martedì, il Dow Jones ha perso più di 1.250 punti e l’S&P 500 è sceso del 4,3%. Il rapporto sull’inflazione più caldo del previsto di martedì ha i trader che si preparano affinché la Federal Reserve aumenti ulteriormente i tassi di interesse, aumentando i rischi per l’economia.

Le vendite pesanti non hanno cancellato i guadagni di mercato negli ultimi quattro giorni, ma hanno posto fine a una serie di quattro giorni di vittorie per i principali indici statunitensi e cancellato un rialzo iniziale nei mercati europei.

L’S&P 500 è sceso del 4,3% a 3.932,69. Il Dow Jones è sceso del 3,9% a 31104,97 e il Nasdaq Composite ha chiuso in ribasso del 5,2% a 11633,57.

Anche i prezzi delle obbligazioni sono diminuiti drasticamente, facendo salire i loro rendimenti, dopo che un rapporto ha mostrato che l’inflazione è rallentata solo all’8,3% ad agosto, invece dell’8,1% previsto dagli economisti.

Il rendimento del Treasury a due anni, che tende a seguire le aspettative per le azioni della Fed, è salito al 3,74% dal 3,57% alla fine di lunedì. Il rendimento a 10 anni, che aiuta a determinare l’andamento dei mutui e altri tassi di prestito, è salito al 3,42% dal 3,36%.

READ  Wall St Week Ahead Gli investitori si chiedono quando finirà il sell-off delle azioni statunitensi

La lettura più calda del previsto ha i trader che si preparano affinché la Federal Reserve alla fine aumenti i tassi di interesse più del previsto per combattere l’inflazione, con tutti i rischi connessi all’economia.

“In questo momento, il viaggio non è tanto una preoccupazione quanto la destinazione”, ha affermato Brian Jacobsen, analista di investimento senior di Allspring Global Investments. “Se la Fed vuole che il tasso salga e mantenga, la grande domanda è quale sia il livello.

Tutti i titoli dell’S&P 500 tranne sei sono caduti. La tecnologia e le altre società ad alta crescita sono diminuite più del resto del mercato perché sono considerate le più vulnerabili all’aumento dei tassi.

La maggior parte di Wall Street è arrivata oggi credendo che la Fed aumenterà il suo tasso di interesse a breve termine di ben tre quarti di punto percentuale nella riunione della prossima settimana. Ma la speranza era che l’inflazione tornasse a livelli normali dopo il picco di giugno al 9,1%.

Un tale rallentamento potrebbe consentire alla Fed di ridurre l’entità degli aumenti dei tassi di interesse fino alla fine di quest’anno ed è probabile che rimanga stabile fino all’inizio del 2023.

Il rapporto di martedì ha deluso alcune di queste speranze. Diversi dati erano peggiori di quanto gli economisti si aspettassero, compresi alcuni a cui la Federal Reserve presta particolare attenzione, come l’inflazione al di fuori dei prezzi dei generi alimentari e dell’energia.

Garji Chaudhry, responsabile della strategia di investimento di iShares, ha affermato che i mercati hanno affinato un aumento dello 0,6% di tali prezzi nel mese di agosto da luglio, il doppio di quanto previsto dagli economisti.

READ  Agosto produzione industriale, vendita al dettaglio

I trader ora vedono una possibilità su tre che la Fed aumenti il ​​tasso di interesse di riferimento di un intero punto percentuale la prossima settimana, quattro volte la mossa abituale. Nessuno nel mercato dei futures si aspettava un tale rally il giorno prima.

La Fed ha già alzato il tasso di interesse di riferimento quattro volte quest’anno, con gli ultimi due aumenti di tre quarti di punto percentuale. Il tasso sui fondi federali è attualmente compreso tra il 2,25% e il 2,50%.

I prezzi più alti danneggiano l’economia rendendo più costoso l’acquisto di una casa, un’auto o qualsiasi altra cosa acquistata a credito. I tassi ipotecari hanno già raggiunto il livello più alto dal 2008, causando dolore al settore immobiliare. La speranza è che la Fed possa camminare sul filo del rasoio di rallentare l’economia abbastanza da eliminare l’inflazione elevata, ma non così tanto da creare una dolorosa recessione.

I dati di martedì mettono in dubbio le speranze per un simile “atterraggio morbido”. Tassi più alti danneggiano anche i prezzi di azioni, obbligazioni e altri investimenti.

Gli investimenti che sono considerati i più costosi o più rischiosi sono quelli più colpiti a tassi più elevati. Bitcoin è in calo del 9,4%.

Anche le aspettative di una maggiore forza della Fed sul dollaro hanno contribuito ad aumentare i suoi già solidi guadagni per l’anno. Il dollaro stava crescendo contro altre valute in gran parte perché la Fed stava alzando i tassi di interesse più velocemente e con un margine di profitto maggiore rispetto a molte altre banche centrali.

Il dollaro ha acquistato 144,59 yen giapponesi, in rialzo da 144,57 yen alla fine di martedì. L’euro è salito a 0,9973 cent da 0,9969 cent.

READ  Potresti voler ripensare ai tuoi piani di viaggio estivi. Ecco perché.

I prezzi del petrolio sono aumentati. Il greggio standard statunitense ha aggiunto 38 centesimi a 87,69 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Martedì ha perso 47 centesimi a $ 87,31. Il greggio Brent, lo standard di prezzo internazionale, è balzato di 38 cent a 93,55 dollari al barile.

___

Gli scrittori di AP Business Stan Choi, Alex Vega e Damien J.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews