I grandi piani di Elon Musk per Twitter: cosa sappiamo finora

PROVIDENZA, RI (AP) — Il CEO di Tesla Elon Musk ha presentato alcuni piani audaci, anche se ancora vaghi, per trasformare Twitter in un luogo di “massimo divertimento” semplicemente acquistando la piattaforma di social media da 44 miliardi di dollari e rendendola privata.

Ma un’epoca di quella che attualmente è poco più di un miscuglio di principi ambigui e dettagli tecnici potrebbe essere più complessa di quanto suggerisca.

Ecco cosa potrebbe accadere se Musk portasse avanti le sue idee sulla libertà di parola, sulla lotta allo spam e sull’apertura della “scatola nera” degli strumenti di intelligenza artificiale che amplificano le tendenze dei social media.

Piazza della città di libertà di parola

La cosa più litigiosa di Musk, ma anche con una tabella di marcia ambigua, è rendere Twitter una piazza cittadina digitale “politicamente neutrale” per il discorso globale che consente la libertà di espressione per quanto consentito dalle leggi di ogni paese.

Ha ammesso che i suoi piani per rimodellare Twitter potrebbero far arrabbiare la sinistra politica e spesso placare la destra. Non ha specificato esattamente cosa avrebbe fatto riguardo all’account permanentemente vietato dell’ex presidente Donald Trump o di altri leader di destra i cui tweet erano in conflitto con le restrizioni dell’azienda. Contro l’incitamento all’odio, le minacce violente o la disinformazione dannosa.

Se Musk va in quella direzione, potrebbe significare reintegrare non solo Trump, ma “molti, molti altri rimossi a causa dei complotti di QAnon, delle molestie mirate a giornalisti e attivisti e, naturalmente, tutti gli account rimossi dopo gennaio”. Joan Donovan, che studia la disinformazione all’Università di Harvard, ha detto. “Potrebbero essere centinaia di migliaia di persone”.

Musk non ha escluso la sospensione di alcuni account, ma afferma che tale divieto dovrebbe essere temporaneo. La sua ultima critica si è incentrata su ciò che ha definito “incredibilmente inappropriato” nel 2020 da Twitter che ha vietato un articolo sul New York Post su Hunter Biden, che la società ha affermato essere un errore ed è stato corretto entro 24 ore.

READ  Elon Musk afferma che Tesla venderà la sua auto elettrica il prossimo anno

algoritmi open source

L’interesse di lunga data di Musk per l’intelligenza artificiale si riflette in una delle proposte più specifiche che ha delineato nel suo annuncio di fusione: la promessa di “rendere gli algoritmi open source per aumentare la fiducia”. Parla di sistemi che classificano i contenuti per determinare cosa appare nei feed degli utenti.

La sfiducia è in parte guidata, almeno per i sostenitori di Musk, dalle tradizioni tra i conservatori politici americani sui “divieti ombra” sui social media.. Questa è una presunta funzione invisibile per ridurre l’accesso di utenti che si comportano in modo anomalo senza disabilitare i loro account. Non c’erano prove che la piattaforma Twitter fosse prevenuta nei confronti dei conservatori; Gli studi hanno scoperto il contrario quando si tratta in particolare dei media conservatori.

Musk ha chiesto che il codice del computer sottostante che alimenta il feed di notizie di Twitter fosse pubblicato per l’ispezione pubblica sul ritrovo GitHub del programmatore. Tale “trasparenza a livello di codice” offre agli utenti una scarsa conoscenza di come Twitter funziona per loro senza che i dati vengano elaborati da algoritmi, ha affermato Nick Diacopoulos, uno scienziato informatico della Northwestern University.

Diakopoulos ha affermato che c’è buona volontà nell’obiettivo più ampio di Musk di aiutare le persone a capire perché i loro tweet vengono promossi o retrocessi e se i moderatori umani o i sistemi automatizzati stanno facendo queste scelte. Ma questo non è un compito facile. Diakopoulos ha affermato che troppa trasparenza su come vengono classificati i singoli tweet, ad esempio, potrebbe rendere più facile per i “truffatori” manipolare il sistema e manipolare un algoritmo per ottenere la massima esposizione alla loro causa.

Sconfiggi i bot spam

Gli “spam bot” che imitano persone reali sono stati un fastidio personale per Musk, la cui popolarità su Twitter ha ispirato innumerevoli account di imitatori che usano la sua immagine e il suo nome, spesso per promuovere truffe legate alle criptovalute che sembrano provenire dal CEO di Tesla .

READ  $ 5 di gas potrebbero diffondersi ampiamente mentre i prezzi raggiungono un altro record

Certamente, gli utenti di Twitter, incluso Musk, hanno affermato che David Green, direttore delle libertà civili presso la Electronic Frontier Foundation, “non vogliono spam”. Ma chi definisce quello che è considerato un fastidioso bot?

“Intendi tutti i bot come, sai, se seguo un bot su Twitter che estrae solo foto storiche di frutti? Scelgo di seguirlo. Non è consentito?”, ha detto.

Ci sono anche molti account Twitter pieni di spam, che sono almeno in parte gestiti da persone reali che vanno da coloro che vendono prodotti a coloro che promuovono contenuti politici polarizzanti per interferire con le elezioni di altri paesi.

“Documentazione di tutte le persone”

Musk ha ripetutamente affermato di volere che Twitter “convalidi tutti gli esseri umani”, un vago suggerimento che potrebbe essere correlato al suo desiderio di liberare il sito dagli account di spam.

L’intensificazione dei controlli regolari dell’identità, come l’autenticazione a due fattori o i popup che chiedono quale delle sei immagini mostra uno scuolabus, può scoraggiare chiunque dal tentare di accumulare un esercito di account falsi.

Musk potrebbe anche considerare di offrire a più persone un “segno di spunta blu” – il segno di verifica che appare su account Twitter importanti – come quelli di Musk – per mostrare chi dicono di essere. Musk ha suggerito agli utenti di acquistare i tag come parte di un servizio premium.

Ma alcuni attivisti per i diritti digitali temono che queste azioni possano portare a una politica del “vero nome”, simile all’approccio di Facebook per costringere le persone a convalidare i loro nomi completi e usarli sui loro profili. Ciò sembra contraddire l’attenzione di Musk sulla libertà di parola mettendo a tacere informatori anonimi o persone che vivono sotto regimi autoritari dove può essere pericoloso se il messaggio di un disertore viene attribuito a una persona specifica.

READ  Le azioni delle banche europee smettono di scendere e la russa Sberbank esce dall'Europa

Twitter senza pubblicità?

Musk ha sollevato l’idea di un Twitter senza pubblicità, sebbene non fosse una delle priorità delineate nell’annuncio ufficiale della fusione. La ragione di ciò potrebbe essere quella di interrompere il modo principale di fare soldi attraverso l’azienda, anche per la persona più ricca del mondo.

Gli annunci hanno rappresentato oltre il 92% delle entrate di Twitter nel trimestre fiscale gennaio-marzo. L’azienda ha lanciato un servizio di abbonamento premium l’anno scorso, noto come Twitter Blue, ma non sembra aver fatto molti progressi nel convincere le persone a pagarlo.

Musk ha chiarito che preferisce un modello di Twitter più robusto basato su abbonamento che offre a più persone un’opzione senza pubblicità. Si adatterebbe anche ai suoi sforzi per allentare le restrizioni sui contenuti su Twitter, cosa che i marchi preferiscono in gran parte perché non vogliono che i loro annunci siano circondati da tweet offensivi e pieni di odio.

Qual è il prossimo?

Musk ha twittato e espresso così tanti suggerimenti su Twitter che può essere difficile sapere quali prendere sul serio. Si è unito alla popolare richiesta di un “pulsante di modifica” – su cui Twitter dice che sta già lavorando – che consentirebbe alle persone di correggere un tweet subito dopo che è stato pubblicato. Una proposta meno seria di Musk ha suggerito di trasformare il quartier generale di Twitter nel centro di San Francisco in un rifugio per senzatetto “dal momento che nessuno si è presentato comunque”, un commento che è stato visto più come una ricerca della forza lavoro di Twitter nell’era della pandemia che come una visione altruistica dell’edificio.

Musk non ha restituito una richiesta e-mail per spiegare i suoi piani.

——-

La scrittrice dell’Associated Press Barbara Ortutay ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews