I casi di Covid in Cina hanno raggiunto livelli record mentre il dissenso sulle restrizioni più severe aumenta


Pechino
Cnn

Cina Il numero di infezioni giornaliere da Covid ha raggiunto un livello record giovedì, con un’ondata di casi a livello nazionale che ha messo sotto pressione l’approccio di tolleranza zero sempre più impopolare del paese nei confronti del virus.

Mercoledì la National Health Commission (NHC) ha riportato 31.444 casi trasmessi a livello nazionale, un numero superiore al precedente picco di 29.317 registrato il 13 aprile. Il blocco lungo mesi di Shanghai.

L’impennata è alimentata da focolai in diverse città e arriva nonostante le autorità si rifiutino di porre fine ai severi controlli sulle infezioni anche di fronte a un crescente – e senza precedenti – contraccolpo contro un approccio draconiano a blocchi intermittenti, quarantene e ordini di test di massa.

Nel frattempo, un calo dei decessi correlati a Covid ha aggiunto ulteriore pressione al mix. Pechino ha registrato mercoledì il suo quarto decesso correlato al Covid con 1.648 infezioni locali dallo scorso fine settimana, un terzo giorno consecutivo di oltre 1.000 casi locali.

Giovedì, i funzionari della città hanno dichiarato che avrebbero convertito un grande centro espositivo in un ospedale temporaneo per l’isolamento e il trattamento dei pazienti Covid.

È l’ultimo segnale che la capitale sta revocando le restrizioni Covid. All’inizio di questa settimana, le scuole di diversi distretti hanno spostato le lezioni online, mentre Chaiyang – l’epicentro dell’epidemia della città e sede di molte aziende e ambasciate internazionali – ha chiesto ai residenti di rimanere a casa e ha chiuso ristoranti, palestre e saloni di bellezza.

La Cina, l’ultima grande economia mondiale, che sta ancora attuando rigide misure zero-covid, ha annunciato un allentamento limitato della politica all’inizio di questo mese, che alcuni osservatori hanno visto come un segno che il governo ha riconosciuto le sue carenze.

Ha scoraggiato i test di massa non necessari e la classificazione troppo zelante delle aree ristrette “ad alto rischio”, ha eliminato i requisiti di isolamento per i contatti stretti secondari e ha ridotto l’isolamento per i contatti stretti e i visitatori internazionali.

Dopo l’annuncio, diverse città cinesi hanno annullato i test Covid di massa, ma i residenti hanno una serie vertiginosa di restrizioni da navigare, specialmente quando si verificano focolai.

I segni che le persone ne avevano avuto abbastanza erano sempre più drammatici e Obiezioni rare Le autorità sono crollate in un paese che tradizionalmente reprime ogni segno di dissenso.

Scoppiarono le proteste Questa settimana nel più grande impianto di assemblaggio di iPhone del mondo a Zhengzhou. I video sui social media hanno mostrato i lavoratori che affrontano la polizia antisommossa dopo che le autorità hanno cercato di bloccare la struttura in seguito all’esplosione. Arriva dopo una settimana per alcuni residenti nel polo produttivo meridionale di Guangzhou Si è ribellato al lockdown prolungato Rompendo le barriere e marciando per le strade.

Problemi persistenti che alimentano la rabbia dei cittadini intrappolati nei blocchi, che non possono accedere a cure mediche immediate o garantire cibo e rifornimenti adeguati o perdono lavoro e reddito.

Guangzhou Twitter vpx 3

La folla rompe le barriere stradali mentre la rabbia per le restrizioni di Covid ribolle

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews