Hubble rileva un’enorme cometa che oscillerà vicino al sole nel 2031

Sebbene le comete possano essere distinte per le loro code che scorrono, che possono estendersi per milioni di miglia, il nucleo di una cometa è il suo nucleo solido. Questo nucleo è costituito da ghiaccio e polvere, formando una sporca palla di neve.

Mentre la maggior parte dei nuclei di comete conosciuti sono larghi poche miglia, gli astronomi che utilizzano il telescopio spaziale Hubble hanno scoperto la cometa C/2014 UN271 con un nucleo largo 85 miglia. È più del doppio della larghezza del Rhode Island.

Questo nucleo è circa 50 volte più grande di quello di altre comete e la sua massa è stimata in circa 500 trilioni di tonnellate, ovvero 100.000 volte la massa di una tipica cometa.

La cometa si sta muovendo a 22.000 miglia orarie dal confine del nostro sistema solare e si avvicinerà a noi nel 2031. Ma non si avvicinerà mai a meno di un miliardo di miglia dal sole, solo un po’ più lontano della distanza tra la Terra e Saturno.

La cometa è stata scoperta dagli astronomi Pedro Bernardinelli e Gary Bernstein durante la ricerca di immagini d’archivio scattate dal Dark Energy Survey presso l’Osservatorio interamericano Cerro Tololo in Cile. La cometa è stata vista per la prima volta nel 2010 alias Cometa Bernardinelli-Bernstein In onore dei suoi scopritori. Da allora, gli astronomi hanno osservato la cometa con telescopi terrestri e spaziali.
A gennaio, i ricercatori hanno utilizzato il telescopio spaziale Hubble per scattare cinque immagini della cometa. Le immagini fanno parte di un nuovo studio pubblicato martedì in Lettere del diario astrofisico.

Il coautore dello studio David Jewett, professore di scienze planetarie e astronomia all’Università della California, a Los Angeles, ha affermato in una dichiarazione. “Abbiamo sempre sospettato che questa cometa dovesse essere grande perché è così luminosa a una distanza così grande. Ora confermiamo che lo è”.

READ  Una piccola formazione "fiore" individuata dal rover Curiosity su Marte

Le comete sono reliquie dei primi giorni del sistema solare, resti ghiacciati del periodo in cui si sono formati i pianeti. La gravità del più grande dei pianeti ha spinto le comete nella nuvola di Oort, e la nuvola ora ospita comete lontane ai margini del nostro sistema solare che si estende nello spazio profondo. Le comete ritornano verso il Sole quando le loro orbite sono soggette all’attrazione gravitazionale delle stelle di passaggio.

La più grande cometa conosciuta si sta dirigendo abbastanza vicino a noi da essere visibile

Entro pochi milioni di anni, l’orbita della cometa Bernardinelli-Bernstein tornerà nella nube di Oort.

“Questo è sorprendente, dato quanto è attivo quando è ancora lontano dal sole”, ha affermato in una dichiarazione l’autore principale Man Tu Hui, professore associato presso l’Università di scienza e tecnologia di Macao a Taipa, Macao. “Pensavamo che la cometa potesse essere molto grande, ma avevamo bisogno dei migliori dati per confermarlo”.

Il team di ricerca ha utilizzato i dati di Hubble per distinguere il nucleo di una cometa dalla chioma, o dall’involucro polveroso che circonda una cometa mentre si avvicina al sole.

Il calore del sole riscalda la cometa mentre si avvicina, facendo sì che parti di essa sublimino o passino da un solido a un gas. Questa chioma nuvolosa è il motivo per cui le comete appaiono così misteriose quando le vediamo attraverso i telescopi.

Jewett ha affermato che l’analisi del team ha rivelato non solo le dimensioni del nucleo, ma anche il fatto che è più scuro del carbone.

Da Alcor a Zappafrank: come le stelle e i corpi celesti hanno preso i loro nomi

La cometa sperimenta un’orbita ellittica di 3 milioni di anni di lunghezza. Ora è a meno di due miliardi di miglia dal nostro sole.

READ  Un pezzo dell'aereo Boeing Starliner è caduto mentre si dirigeva verso la rampa di lancio

Gli astronomi sperano che uno studio della cometa Bernardinelli-Bernstein rivelerà di più sulla nuvola di Oort, ipotizzata per la prima volta dall’astronomo olandese Jan Oort nel 1950. La nuvola rimane teorica perché è troppo lontana per essere osservata, quindi la struttura più grande della nostra il sistema solare è essenzialmente invisibile.

La navicella spaziale Voyager della NASA non raggiungerà la nuvola interna di Oort per altri 300 anni e potrebbero volerci 30.000 anni per attraversarla. Ma ogni cometa che si avvicina al Sole rivela maggiori dettagli sulla sua misteriosa casa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews