Gli Stati Uniti hanno colpito Putin, vietando tutte le importazioni di petrolio russo

WASHINGTON (AP) – Il presidente Joe Biden martedì ha ordinato il divieto alle importazioni di petrolio russo, colpendo duramente l’economia russa. Come rappresaglia per l’attacco di Vladimir Putin all’Ucraina. Mentre le nazioni occidentali cercano di fermare l’invasione di Putin, un’importante mossa commerciale in risposta alla richiesta del leader di una soluzione a quella dell’Ucraina ha spinto gli Stati Uniti in avanti.

Anche gli americani sentiranno il dolore – alla pompa di benzina – Biden ha riconosciuto che “garantire l’indipendenza è costoso”.

Le importazioni sono un palese disprezzo per le massicce sanzioni imposte alla Russia per l’invasione. Le esportazioni di energia hanno mantenuto un flusso costante di denaro verso la Russia nonostante le rigide restrizioni al settore finanziario russo.

“Non parteciperemo al finanziamento della guerra di Putin”, ha detto Biden, aggiungendo che la nuova mossa è stata un “colpo potente” contro la capacità della Russia di finanziare l’offensiva in corso.

Biden ha affermato che gli Stati Uniti stanno lavorando in stretta consultazione con gli alleati europei che dipendono fortemente dalle forniture energetiche della Russia. L’annuncio ha segnato il recente tentativo di Biden di isolare la Russia da gran parte dell’economia mondiale e garantire che l’invasione dell’Ucraina fosse una perdita strategica per Putin, anche se fosse stato in grado di impadronirsi del territorio.

“L’Ucraina non sarà mai un successo per Putin”, ha detto Biden.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha elogiato l’azione di Biden in un tweet: “Grazie alla leadership personale degli Stati Uniti e di OPOTUS per aver colpito al cuore la macchina da guerra di Putin e aver vietato petrolio, gas e carbone dal mercato statunitense. Incoraggiare altri paesi e leader a seguire l’esempio.

L’Unione Europea prenderà un impegno questa settimana La dipendenza della Russia dal fabbisogno energetico dovrebbe essere gradualmente ridotta il prima possibile, ma ci vorrà del tempo per colmare il vuoto senza paralizzare le economie dell’UE. Il Regno Unito, che non è membro dell’Unione Europea, ha annunciato martedì che entro la fine di quest’anno avrebbe gradualmente eliminato le forniture di petrolio e petrolio dalla Russia.

A differenza degli Stati Uniti, uno dei principali produttori di petrolio e gas, l’Europa fa affidamento sulle importazioni per il 90% del suo gas e il 97% dei suoi prodotti petroliferi. La Russia fornisce circa il 40% del gas europeo e un quarto del suo petrolio. Gli Stati Uniti non importano gas naturale dalla Russia.

READ  L'arrivo di Arabia Saudita, OPEC e Biden potrebbe compensare la perdita della produzione petrolifera russa

La questione delle sanzioni petrolifere ha creato un conflitto tra interessi politici interni e tentativi di imporre costi alla Russia. Sebbene il petrolio russo rappresenti solo una piccola parte delle importazioni statunitensi, Biden ha affermato di essere riluttante a vietarlo, riducendo l’offerta qui e aumentando i prezzi della benzina.

L’inflazione è ai massimi da 40 anni, in gran parte alimentata dai prezzi del gas, che potrebbero influenzare la sterlina in vista delle elezioni di medio termine di novembre.

“La guerra di Putin sta già danneggiando le famiglie americane alla pompa di benzina”, ha detto Biden.

I prezzi del gas sono in aumento da settimane in previsione di conflitti e possibili interruzioni nel settore energetico russo. Il prezzo medio di un gallone di benzina negli Stati Uniti ha toccato il record di 4,17 dollari martedì, in aumento di 10 centesimi in un solo giorno, in aumento di 55 centesimi rispetto alla scorsa settimana, secondo l’auto club AAA.

Biden ha affermato che l’aumento dei prezzi è comprensibile, ma ha messo in guardia il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti contro “l’inflazione eccessiva” e lo sfruttamento dei consumatori.

Anche prima dell’embargo statunitense, diverse compagnie energetiche occidentali, tra cui ExxonMobil e BP, hanno interrotto i legami con la Russia e limitato le importazioni. La Shell, che ha acquistato le esportazioni petrolifere russe questo fine settimana, martedì si è scusata per la mossa tra le critiche internazionali e ha promesso di smettere di acquistare ulteriori forniture energetiche russe. I dati preliminari del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti mostrano che le importazioni di greggio russo sono scese a zero nell’ultima settimana di febbraio.

Entro il 2021, gli Stati Uniti hanno importato circa 245 milioni di barili di petrolio greggio e prodotti petroliferi dalla Russia, un aumento del 24% in un anno, secondo la US Energy Information Administration.

“Questo è un passo importante per mostrare alla Russia che l’energia è al tavolo”, ha affermato Max Bergman, un ex funzionario del ministero degli Esteri che ora è un membro di spicco del Centro pro-democrazia per il progresso degli Stati Uniti.

READ  "È strutturato per questi momenti" - Chris Paul guida i Phoenix Suns alla vittoria per 1-0 sui New Orleans Pelicans nel 4° quarto.

Bergman ha affermato che non sorprende che gli Stati Uniti siano stati in grado di fare questo passo avanti rispetto ai paesi europei che dipendono fortemente dall’energia russa.

“Sebbene i passaggi non siano simmetrici, sono tutti eseguiti all’unisono”, ha detto. “Parliamo costantemente con loro”.

La Casa Bianca ha affermato che il divieto di nuovi acquisti entrerà in vigore immediatamente, ma l’amministrazione ha consentito un “rilassamento” di 45 giorni per continuare la distribuzione in base ai contratti esistenti.

La notizia della decisione di Biden è stata riportata per la prima volta da Bloomberg martedì.

L’annuncio della Casa Bianca arriva tra le pressioni bipartisan su Capitol Hill per vietare l’energia russa e imporre altri costi economici.

La scorsa settimana, la presidente della Camera Nancy Pelosi ha dato una grande spinta quando ha annunciato il “divieto”.

Lunedì, i Democratici del potente comitato Ways & Means hanno annunciato il disegno di legge bipartisan per vietare le importazioni di petrolio russo e imporre ulteriori sanzioni commerciali al paese, ha affermato un aiutante. Prima che Biden prendesse la sua decisione.

“Il presidente Biden sta finalmente mettendo pressione su tutti i membri del Congresso”, ha detto il senatore John Barroso, R-Wyo, e un membro della leadership del partito. “La sua decisione di vietare il petrolio russo è un passo necessario per uccidere la vacca da soldi di Putin”.

Jason Furman, professore di Harvard ed ex consigliere economico del presidente Barack Obama, ha dichiarato: “L’economia statunitense è in grado di gestire pienamente tutte le sfide associate all’aumento dei prezzi del petrolio, ma porterà alcune sfide.

Pelosi ha detto che il consiglio andrà avanti martedì con un voto su leggi come il divieto delle importazioni di petrolio dalla Russia, l’imposizione dei costi commerciali alla Russia e l’estensione delle sanzioni contro i russi per gli attacchi ai civili in Ucraina.

Prima dell’invasione, il petrolio e il gas della Russia rappresentavano più di un terzo delle entrate del governo. I prezzi globali dell’energia sono aumentati dall’invasione e continuano ad aumentare nonostante il consolidato rilascio di riserve strategiche, il che ha reso le esportazioni russe ancora più redditizie.

READ  Android 13 arriva sui telefoni Pixel

A seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, gli Stati Uniti e i loro partner internazionali hanno consentito alle maggiori banche russe, alla sua banca centrale e al Ministero delle finanze e ad alcune istituzioni finanziarie di bloccare i pagamenti internazionali dall’agenzia di stampa SWIFT.

Ma le regole emesse dal Dipartimento del Tesoro consentono alle transazioni energetiche russe di continuare attraverso banche statunitensi senza licenza nel tentativo di mitigare le interruzioni dei mercati energetici globali.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholes ha affermato di opporsi a un embargo europeo sulle importazioni di energia russe, affermando che non c’è altro modo per soddisfare i requisiti dell’UE per carburante, calore, elettricità e uso industriale. Il vicepresidente Robert Hebeck ha dichiarato martedì che durante la sua visita a Washington la scorsa settimana, i funzionari statunitensi avevano riconosciuto che l’Europa si trovava in una situazione diversa.

“Mi hanno detto durante i negoziati che non avrebbero chiesto o chiesto alla Germania di fare lo stesso. Ma espando la necessità di creare rapidamente un’opportunità per noi e per me stesso di intraprendere un’azione simile.

Sebbene il petrolio russo rappresenti una piccola parte delle importazioni energetiche complessive degli Stati Uniti, potrebbe sostituire gli Stati Uniti con petrolio greggio russo importato da altri paesi ricchi di petrolio, ma ciò può essere politicamente problematico.

I principali senatori statunitensi hanno avvertito l’amministrazione Biden di non accettare nessuno degli accordi di importazione di petrolio dal regime di Nicolas Maduro in Venezuela.

“Gli sforzi dell’amministrazione Biden per unire il mondo intero contro un tiranno omicida a Mosca non dovrebbero essere ridotti a sostenere un dittatore indagato per crimini contro l’umanità a Caracas”, ha affermato Sen, leader del DNJ. ha detto Bob Menendez. Lo ha detto lunedì il ministero degli Esteri in una nota. “Le aspirazioni democratiche del popolo venezuelano, come la determinazione e il coraggio del popolo ucraino, valgono qualche migliaio di barili in più del petrolio”.

___

Gli scrittori di AP Matthew Daly, Lisa Mascaro e Chris McGregor hanno contribuito.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews