Finali della Western Conference: i Golden State Warriors superano 3-0 i Dallas Mavericks

Ora la storia è dalla parte dei Warriors, poiché nessuna squadra è mai tornata da uno svantaggio di 3-0 nella serie di playoff NBA a 146 tentativi.

Steve Curry ha guidato Golden State nel punteggio con 31 punti con 11 assist e cinque rimbalzi, mentre Andrew Wiggins – che ha segnato la rete con un enorme colpo sulla stella MAF Luka Doncic nel quarto quarto – ha aggiunto una doppietta. Da solo con 27 punti, 11 rimbalzi e tre assist.

“Quando vai 2-0 e vinci sulla strada, ti dà una presa soffocante e il controllo della serie. È enorme”, ha detto Curry ai giornalisti.

“Ovviamente sappiamo che il lavoro non è finito, ma è bello sapere che martedì possiamo giocare con i soldi della casa e cercare di portare a termine il lavoro”.

Doncic ha continuato la sua magia da solista nella post-stagione con 40 punti e 11 rimbalzi, ma è stato deluso da alcuni dei suoi compagni di squadra in una notte deludente in casa.

Tre Dallas Novices – Dorian Finney Smith, Dwight Powell e Reggie Bullock – si sono combinati per soli 12 punti, mentre Reggie Bullock e Maxi Kleiber hanno segnato zero punti rispettivamente a 40 e 24 minuti.

I Mavericks hanno superato tutte le aspettative in questa stagione, grazie in gran parte all’organizzazione instillata dal nuovo allenatore Jason Kidd e che ha sbalordito i Phoenix Suns, i finalisti della NBA la scorsa stagione, nelle semifinali della Western Conference.

Ma i veterani Warriors si stanno rivelando un passo troppo avanti per Dallas nel loro primo vero playoff con Doncic in testa.

READ  Colin Kaepernick trova un sorprendente compagno di lancio nel futuro dei Seahawks mentre QB guarda al ritorno della NFL nel 2022

“Questa è stata una grande lezione che abbiamo imparato da noi”, ha detto ai giornalisti lo United Kid. “Questa non è la fine”. “Questo era solo l’inizio e l’ho detto nella serie Phoenix, se ricordate. Ragazzi, avete bei ricordi”.

I guerrieri non darebbero sicuramente per scontata questa iniziativa; Nel 2016, hanno perso le finali NBA dopo un vantaggio per 3-1 sui Cleveland Cavaliers guidati da LeBron James e la sconfitta rimane una macchia dolorosa sul curriculum della dinastia dei Golden State.

“Vincere una finale una volta non significa assolutamente nulla”, ha detto Draymond Green ai giornalisti. “Devi vincere un’altra partita e questa partita non sarà facile.

“Quindi dobbiamo assicurarci di essere più concentrati di stasera. Le partite finali sono sempre le più difficili. Dobbiamo uscire e vincere la partita. Non ce lo daranno”.

Gara quattro martedì a Dallas.

I Warriors stanno cercando di raggiungere la loro sesta finale NBA in otto stagioni e sono destinati ad affrontare i Miami Heat o i Boston Celtics.

Gli Heat sono attualmente in testa alla serie 2-1 con Gara 4 in programma per lunedì sera.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews