Equipaggiamento avanzato dalla missione su Marte per l’uso sulla Luna

Ingrandisci / Un progetto per il servizio di consegna lunare commerciale della NASA.

Il 5 maggio 2022, un sismometro a bordo del lander InSight ha registrato un terremoto di magnitudo 4,7 sulla superficie di Marte, anche se l’epicentro si trova a 2.250 chilometri dalla sonda. È stato uno dei più grandi terremoti mai registrati su Marte e il più grande registrato dalla missione Insight. A settembre, nella prima misurazione del genere, lo strumento ha registrato un terremoto causato dall’impatto di un meteorite su Marte.

Il sismometro di InSight è chiamato struttura sperimentale intra-sismica (o SEIS) e ha registrato questi e altri 20 terremoti peculiari. Ora, uno strumento basato sullo stesso design misurerà le vibrazioni della Terra sul lato opposto della Luna, i primi sismometri sul nostro vicino dai tempi di Apollo.

Fino a SEIS

Il sismometro a banda larga SEIS (VBB) sviluppato dall’Istituto di fisica di Parigi (IPGP) e dall’Agenzia spaziale francese (CNES), ora sulla superficie di Marte, è in grado di rilevare i più piccoli movimenti – fino a 10 picometri, che è molto più piccolo di un atomo. Composto da tre pendoli posizionati a 120 gradi l’uno rispetto all’altro, SEIS misura le vibrazioni verticali e orizzontali della superficie marziana.

Durante lo sviluppo di InSight, è stato creato un modello di backup di SEIS è costruito. Ora, il VBB di questo ricambio farà parte della Farside Seismic Suite che sarà schierata sulla luna nel 2025 come parte dei servizi di carico utile lunare commerciale della NASA. un programma. È uno dei due sismometri che opereranno sul lato opposto della Luna in un cratere da impatto chiamato Schrödinger Basin. Un altro sismometro sarebbe un sensore di breve durata.

READ  Il team di Artemis I Launch è pronto per un'altra "prova" sabato

Secondo Gabriel Pont, Ala del terremoto sull’altro lato Project manager al CNES, lo strumento sulla luna avrà un solo ampio pendolo che misurerà le vibrazioni verticali del suolo. Il sensore di breve periodo gestirà le misurazioni in altre direzioni.

Il nuovo ambiente richiede piccole modifiche. “Abbiamo utilizzato un modello di backup per lo strumento SEIS. Ala del terremoto sull’altro lato Il sismometro sarà regolato per la gravità lunare. “Sarà collocato in una custodia di protezione dal vuoto chiamata seismobox”, ha detto Punt.

Philippe Legnone dell’IPGP e della Paris City University, è il ricercatore principale per SEIS su Marte e co-investigatore principale per il sensore a banda larga presso Ala del terremoto sull’altro latoIl sensore ad asse verticale singolo, ha detto, sarà utilizzato con poche modifiche. “A seconda della frequenza, questo sismometro sarà paragonabile o 10 volte migliore dei sismometri Apollo”, ha osservato Loggnot.

Tanti primi

Il Ala del terremoto sull’altro lato Sarà la prima volta che un sismometro viene posizionato sulla superficie lunare dalle missioni Apollo. Questa sarà la prima volta che il sismometro opererà sul lato opposto della Luna.

“autenticità Ala del terremoto sull’altro lato è che sarà indipendente dalla sonda. Questo perché deve vivere diversi giorni e notti lunari, il che non è il caso del lander. Il Ala del terremoto sull’altro lato Avrà i propri pannelli solari, antenne per parlare con gli orbiter e i propri controller termici”, ha affermato Pont.

Secondo Pont, uno degli obiettivi principali di Ala del terremoto sull’altro lato È la determinazione dell’attività sismica e del tasso di impatto delle micrometeoriti nell’area in cui atterrano. “Questo potrebbe essere utile anche per future missioni di esplorazione, sia che si tratti di un equipaggio o di un telescopio sul lato opposto della luna”, ha affermato Pont.

READ  Cosa succede nelle profondità di mondi lontani?

“In un lungo periodo di tempo, il VBB sarà in grado di rilevare l’interazione delle onde sismiche con la regione profonda della Luna potenzialmente fusa. Questo è fondamentale per capire come si è evoluta la Luna dalla sua formazione”, ha aggiunto Lugnona.

Il successo di SEIS su Marte e la sua selezione per la prossima missione lunare arrivano dopo anni di ricerca e sviluppo. Lognonné ricorda che la prima proposta per un sismometro su larga scala all’IPGP è stata accettata nel 1993. “Sin dalla metà degli anni ’90, abbiamo iniziato a svilupparlo e abbiamo lavorato continuamente per prepararlo al volo. Ci sono voluti 15 anni prima che fosse selezionato all’inizio del 2010 per l’incarico InSight”, ha affermato Lugnoni, che ha lavorato al progetto sin dal suo inizio.

Dhananjay Khadilkar è un giornalista che vive a Parigi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews