Elezioni israeliane: Netanyahu punta a tornare mentre gli elettori si recano alle urne per le quinte elezioni in quattro anni


Gerusalemme
CNN

Gli israeliani vanno alle urne Per la quinta volta senza precedenti in quattro anni martedì, come Israele Tenere un’altra elezione nazionale con l’obiettivo di porre fine all’impasse politica in corso nel paese.

Per la prima volta in 13 anni, es Il primo ministro Benjamin Netanyahu Non occupare la posizione dell’incumbent. Bibi, come è universalmente noto in Israele, spera di tornare al potere come capo di una coalizione di estrema destra, mentre il primo ministro centrista ad interim Yair Lapid spera che il premier ad interim lo aiuterà a mantenerlo al suo posto.

Netanyahu ha emesso un duro avvertimento mentre ha votato martedì mattina.

Alla domanda della CNN sui suoi timori che avrebbe guidato un governo di estrema destra se fosse tornato in carica, Netanyahu ha risposto con un chiaro riferimento al partito Ra’am, che ha fatto la storia l’anno scorso diventando il primo partito arabo in assoluto a unirsi a un israeliano coalizione di governo. .

Non vogliamo un governo con i Fratelli Musulmani, che sostiene il terrorismo, nega l’esistenza di Israele ed è molto ostile agli Stati Uniti. Questo è ciò che otterremo”, ha detto Netanyahu alla CNN in inglese, al suo seggio elettorale a Gerusalemme.

Lapid, che spera che lui e i suoi alleati politici sfidino le aspettative elettorali e rimangano al potere, martedì ha votato a Tel Aviv con un messaggio agli elettori: “Buongiorno, votate con saggezza. Votate per lo Stato di Israele, il futuro del nostro bambini e il nostro futuro in generale”. Il nome del partito Lapid, Yesh Atid, significa “il futuro”.

Il Comitato elettorale centrale ha affermato che l’affluenza alle urne cinque ore dopo l’apertura delle urne era la più alta in quel momento dal 1999.

Ci sono stati forti sforzi per uscire dal voto prima di martedì, con Netanyahu che ha preso d’assalto il paese in un camion trasformato in una piattaforma di viaggio a prova di proiettile, e partiti arabi che hanno esortato i cittadini arabi a votare per rimuovere Netanyahu.

Ma se i sondaggi finali sono a segno, è improbabile che questo turno di votazioni riesca a superare l’impasse rispetto agli ultimi quattro. Questi sondaggi indicano che il blocco di Netanyahu perderà un seggio dalla maggioranza in parlamento.

READ  Il generale Mark Milley ha detto che 100.000 soldati russi sono stati uccisi e feriti in Ucraina

Come nelle precedenti quattro elezioni, lo stesso Netanyahu – e la possibilità di formare un governo a capo – è una delle questioni specifiche, soprattutto mentre il suo processo per corruzione continua. un Un sondaggio condotto dall’Israel Democracy Institute (IDI) ad agosto Un quarto degli intervistati ha ritenuto che l’identità del leader del partito per il quale stavano votando fosse il secondo fattore più importante nel loro voto.

Ma alcuni alti politici di centrodestra, che sono ideologicamente d’accordo con lui, si rifiutano di lavorare con lui per motivi personali o politici. Quindi, per tornare alla ribalta, Netanyahu, il leader del partito di centro-destra Likud, probabilmente farà affidamento sul sostegno dei partiti di estrema destra per formare una coalizione e, in caso di successo, potrebbe dover dare ai loro leader incarichi ministeriali.

Gli israeliani sono anche seriamente preoccupati per il costo della vita, dopo aver visto le bollette delle utenze e della spesa salire alle stelle quest’anno. Nello stesso sondaggio IDI, il 44% ha affermato che la priorità numero uno è ciò che il piano economico del partito farebbe per abbassare il costo della vita.

E la sicurezza, sempre una questione importante nella politica israeliana, è nella mente degli elettori: il 2022 è stato l’anno peggiore per morti legate ai conflitti sia per gli israeliani che per i palestinesi dal 2015.

un L’ultima raccolta di sondaggi Haaretz mostra che è probabile che il blocco dei partiti guidato da Netanyahu sia timido – o raggiunga solo – i 61 seggi necessari per formare la maggioranza nel governo, mentre il blocco guidato da Lapid non è all’altezza di circa quattro o cinque seggi. .

Secondo i sondaggisti Joshua Huntman e Simon Davies, l’ultima settimana di sondaggi ha visto un leggero aumento per il blocco di Netanyahu, superando la soglia dei 61 seggi in sei sondaggi e fallendo in nove. Gli ultimi tre sondaggi, pubblicati venerdì dai tre principali canali di informazione israeliani, hanno mostrato che il suo blocco ha vinto 60 seggi alla Knesset da 120 seggi.

READ  In denaro - Il New York Times

Riconoscendo la necessità di uno o due seggi in più, Netanyahu ha concentrato la sua campagna elettorale sui luoghi che sono roccaforti del Likud. I funzionari del partito in precedenza avevano affermato che centinaia di migliaia di potenziali elettori di Netanyahu non avevano votato.

Un altro fattore importante è l’affluenza araba. I cittadini che si identificano come arabi e hanno diritto di voto nazionale costituiscono circa il 17% della popolazione israeliana, secondo IDI; La loro partecipazione potrebbe creare o distruggere le possibilità di Netanyahu. Un partito, la United Arab List, ha avvertito che se l’affluenza alle urne degli arabi scende al di sotto del 48%, alcuni partiti arabi potrebbero non superare la soglia di voto del 3,25% richiesta per assicurarsi seggi in parlamento.

In combinazione con l’aumento delle bollette della spesa e dei servizi pubblici e un mercato immobiliare quasi impossibile, il voto di martedì si svolge sullo sfondo di un ambiente di sicurezza sempre più teso.

All’inizio di quest’anno, un’ondata di attacchi contro israeliani ha ucciso 19 persone, compresi attacchi di massa contro civili a Tel Aviv e in altre città israeliane. Anche gli attacchi armati alle forze israeliane e ai coloni civili da parte di militanti palestinesi sono aumentati quest’anno nella Cisgiordania occupata, causando la morte di molti soldati e civili israeliani. Secondo l’IDF, quest’anno ci sono state almeno 180 sparatorie in Israele e nei territori occupati, rispetto alle 61 sparatorie nel 2021.

Nei giorni che hanno preceduto il giorno delle elezioni, un israeliano è stato ucciso e molti altri sono rimasti feriti in un attentato in Cisgiordania vicino a Hebron. Il giorno seguente, un certo numero di soldati sono rimasti feriti in un attacco di atterraggio vicino alla città di Gerico, in Cisgiordania. Gli aggressori palestinesi sono stati uccisi in entrambi i casi.

Secondo l’organizzazione per i diritti umani B’Tselem, anche gli attacchi dei coloni israeliani contro i palestinesi in Cisgiordania – e talvolta contro i soldati israeliani – sono in aumento.

Quasi ogni giorno raid di sicurezza israeliani nelle città della Cisgiordania hanno ucciso più di 130 palestinesi quest’anno. Mentre l’esercito israeliano afferma che la maggior parte era armata o violentemente coinvolta con loro – inclusa la neonata milizia Lion’s Den – anche civili disarmati e non coinvolti sono stati arrestati.

READ  Biden afferma di essere stato informato sugli americani scomparsi in Ucraina e esorta a non recarsi nel paese

Il La morte della corrispondente di Al-Jazeera Sherine Abu Akleh A maggio, mentre copriva un raid militare israeliano in Cisgiordania, ha attirato l’attenzione di tutto il mondo. Diversi mesi dopo, l’esercito israeliano ha ammesso che era probabile che i loro soldati avessero sparato ad Abu Okla, dicendo che si trattava di un omicidio non intenzionale nel mezzo di una zona di combattimento.

La delusione dei palestinesi per la capacità della loro leadership di affrontare l’occupazione israeliana Ciò ha portato alla diffusione di queste nuove milizie – Gli esperti temono che una terza Intifada palestinese esploda lungo la strada.

Ci sono 40 partiti politici al ballottaggio, anche se circa 12 dovrebbero varcare la soglia per sedere in Parlamento. Immediatamente dopo la chiusura delle urne alle 22:00 ora locale (16:00 ET), le principali reti di media pubblicano sondaggi di opinione che danno un primo assaggio di come sta andando il voto, sebbene i conteggi dei voti ufficiali possano variare dai sondaggi di opinione, spesso in grandi quantità. ma cruciale.

Ci si aspetta che una dozzina di partiti superino il numero minimo di voti necessario per sedere in parlamento.

Una volta che i voti saranno ufficialmente contati, il presidente israeliano Isaac Herzog consegnerà il mandato di formare un governo al leader che ritiene più probabile che avrà successo, anche se non è il leader del partito più grande.

Questo candidato ha un totale di 42 giorni per cercare di radunare abbastanza partiti per raggiungere il numero magico di 61 su 120 seggi alla Knesset, il parlamento israeliano, per formare un governo di maggioranza. In caso di fallimento, il presidente può trasferire il mandato a un altro candidato. Se quella persona fallisce entro 28 giorni, il mandato torna al Parlamento che ha 21 giorni per trovare un candidato, un’ultima possibilità prima dell’inizio delle nuove elezioni. Lapid rimarrà nella posizione di primo ministro provvisorio fino alla formazione di un nuovo governo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews