È morta all’età di 96 anni la regina Elisabetta II, il monarca che ha definito l’era dell’Inghilterra

LONDRA — La mattina della morte del padre, la 25enne Elisabetta, il giorno in cui sarebbe diventata regina, Seduto sotto un albero Osservare un branco di elefanti in un abbeveratoio in Kenya. A causa della distanza e delle difficoltà di comunicazione, ci sono volute ore per ricevere il messaggio.

Giovedì, a testimonianza di quanto il mondo sia cambiato durante i suoi 70 anni di regno, la notizia della sua stessa malattia e morte improvvisa si è diffusa in pochi millisecondi tramite l’account Twitter della famiglia reale. I dati di tracciamento del volo hanno rivelato i percorsi dei suoi figli mentre si precipitava a letto al castello di Balmoral. Quando i servitori reali hanno incollato un avviso di morte bordato di nero sui cancelli di Buckingham Palace, tutti sapevano. I conduttori delle notizie della BBC erano già vestiti di nero.

Era ancora più scioccante nella sua velocità scioccante e mortale.

Necrologio: la regina Elisabetta II, che ha governato l’Inghilterra per 70 anni, è morta all’età di 96 anni.

Essendo l’unico monarca che la maggior parte dei britannici abbia mai conosciuto, rimane una costante nella vita delle persone: il suo profilo sulla valuta, i francobolli. Era in festa, dolore e paura. Crescendo, divenne sempre più una figura nonna di affetto caldo e sfocato, anche per chi non amava la compagnia in particolare.

Suo figlio Carlo, il monarca più longevo della Gran Bretagna, è ora finalmente re Carlo III. Ci sarà sua moglie Camilla Conosciuta come la “Regina Consorte”..”

Charles, 73 anni, trascorse il resto della sua vita Enfatizza l’agricoltura biologica E Ringhiere contro l’architettura moderna Vestito con gessati su misura impeccabili, ora diventerà l’ambientalista di più alto profilo del 21° secolo, parlando contro il cambiamento climatico e l’estinzione delle specie, se il passato è un preludio al suo regno.

Il principe Carlo, una volta liquidato come uno strambo chiacchierone, porta la sua buona fede ambientale alla COP26

È un momento a cui la Gran Bretagna si sta preparando con “Operazione London Bridge”, un piano dettagliato per tracciare cosa accadrà nei prossimi 10 giorni. L’ascesa di un nuovo re.

READ  Guida definitiva per acquistare una bicicletta donna nel 2022 - I migliori 40 compilati!

I prossimi giorni vedranno la bara di Elisabetta riposare in Scozia prima di dirigersi a Londra dove sarà processata da Buckingham Palace a Westminster Hall. Giacerà in una bara rialzata nota come catafalco e il pubblico e i VIP potranno rendere omaggio prima dei funerali di stato del 18 settembre.

Nel frattempo, il Consiglio di Connessione si riunirà. Dal balcone del St James’s Palace si leggerà un proclama che annuncerà Carlo come nuovo re. Carlo avrebbe visitato il Galles, la Scozia e l’Irlanda del Nord per confortare i suoi sudditi. E per la prima volta dal 1952, l’inno nazionale verrà suonato con le parole “God Save the King”. Spero che piaccia alla gente. Ma non è certo.

Elisabetta era capo di stato non solo del Regno Unito, ma anche di 14 paesi, tra cui Australia, Canada e Giamaica, e figura religiosa come “Guardiano della Fede e Governatore Supremo della Chiesa d’Inghilterra”. Carlo era più spirituale che pio.

FOTO: La vita della regina Elisabetta II, da principessa a monarca di lunga data

Sua maestà ha condotto una vita straordinariamente vigorosa, in gran parte libera da malattie, partecipando a impegni ufficiali, prestando servizio come protettrice di enti di beneficenza ed esaltando il potere britannico in viaggi in tutto il mondo. Ha trascorso molto tempo all’aperto. È stata un’amante – e cavaliere – e allevatrice di cavalli per tutta la vita. Si circonda di cani, compresi i suoi famosi corgi. Le piaceva sparare a uccelli e cervi.

All’età di 96 anni, quindi La morte di suo maritoCon il principe Filippo e problemi di salute e mobilità a seguito di un breve ricovero in ospedale lo scorso autunno, la regina si è presa più tempo libero. si ritira dalla vita pubblica. Ma era ancora lì, anche se a volte tramite Zoom.

Martedì, due pomeriggi fa, ha accettato di persona le dimissioni di Boris Johnson. Liz Truss nominata cerimonialmente – il suo 15esimo, e ora ultimo, Primo Ministro.

In occasione del suo 21° compleanno nel 1947, la principessa Elisabetta dichiarò in uno dei suoi primi discorsi pubblici che “tutta la mia vita, lunga o breve che sia, sarà dedicata al tuo servizio”.

READ  In che modo la divisione 20 a 1 delle azioni di Amazon influenzerà gli investitori

Ha riaffermato quella promessa al Queen’s Silver Jubilee nel 1977, segnando 25 anni sul trono. “Anche se quel voto è stato fatto nei miei giorni di insalata, quando ero crudo nel giudizio, non mi sono mai pentito o ritrattato una parola”, ha detto.

Il giorno di Elisabetta da regina in una casa sull’albero in Kenya

Nei suoi ultimi anni, la regina disse a una confidente intima che, a meno che non avesse sofferto di una grave demenza o di un grave ictus, non avrebbe mai abdicato. Era fedele alla sua parola.

Alle 12:32 ora di Londra di giovedì, Buckingham Palace ha annunciato via e-mail che la regina aveva bisogno di “Supervisione medicaGli aiutanti che lavoravano al Palazzo di Westminster e il timido politico erano “preoccupati” ei suoi medici rimasero momentaneamente in silenzio mentre fissavano i loro smartphone.

In pochi minuti, Truss ha twittato: “L’intero paese sarà profondamente turbato dalle notizie da Buckingham Palace questa ora di pranzo”.

Progetti segreti, fake news: come è stata rivelata la morte della regina Elisabetta

Arrivarono rapidamente al castello di Balmoral – in aereo e poi in Range Rover – i suoi figli, i principi e le principesse Carlo, Andrea, Edoardo e Anna.

Quindi, i suoi nipoti, il principe William, 40 anni, ora erede al trono, e poi il principe Harry.

Durante la notte ha piovuto in Scozia Un secondo annuncio dal palazzo, conciso come un telegramma di tanto tempo fa: “La regina è morta in silenzio a Balmoral questo pomeriggio. Il re e la regina rimarranno a Balmoral questa sera e torneranno a Londra domani.

Il nuovo re ha rilasciato una dichiarazione“Piangiamo profondamente la scomparsa di un’amata sovrana e di una madre molto amata”.

Ha detto che la Gran Bretagna entrerà in un periodo di “lutto e cambiamento”.

Charles ha riconosciuto il dolore, definendolo un “momento di grande tristezza” per lui e la sua famiglia, e ha detto che la sua perdita sarebbe stata “profondamente sentita” dalla Gran Bretagna, dal Commonwealth “e da innumerevoli persone in tutto il mondo”.

READ  Dartmouth elimina i debiti per gli studenti universitari

I necrologi – e le celebrazioni della sua vita – arrivarono a ondate.

I leader mondiali rendono omaggio alla regina Elisabetta II

“C’è un dolore nella morte della nostra regina, un profondo e personale senso di perdita – forse più intenso di quanto ci aspettassimo”, ha detto Johnson quando ha osservato.

Il presidente Biden sventola bandiere a mezz’asta.

Papa Francesco l’ha elogiata per “la sua devozione al dovere, la sua ferma testimonianza di fede in Gesù Cristo e la sua ferma fede nelle sue promesse”.

Il Commissione equestre britannica Ha salutato la regina come una grande e influente sostenitrice.

Tutti i cavalli della regina: dal suo primo pony al regalo del giubileo di Macron

La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-California) ha affermato che “sotto la luce brillante della storia”, la regina “ha tenuto una lezione di perfezionamento in grazia e forza, potenza ed equilibrio”. Ha detto che la vita e la leadership di Elizabeth “continueranno a ispirare le giovani donne e ragazze nel servizio pubblico ora e per le generazioni a venire”.

L’ex presidente Donald Trump ha detto: “Che donna grande e bella che è, non c’è nessuno come lei!”

inglese Kennel Club l’ha salutata come “uno dei monarchi più amanti dei cani della storia”.

L’ex presidente Barack Obama ha detto che “affascina il mondo”.

I biografi reali si unirono. Hugo Vickers ha detto che la regina “forniva un’atmosfera calma in un mondo che stava cambiando così rapidamente” ed era “uno straordinario conciliatore”. Ha ricordato il momento in cui ha stretto la mano all’ex comandante dell’IRA Martin McGuinness, allora vice primo ministro dell’Irlanda del Nord, nel 2012. Louis Mountbatten, cugino della regina, fu ucciso dall’IRA nel 1979.

Nell’ultima immagine pubblica vivente della regina da quando è diventata Primo Ministro martedì, viene mostrata in piedi davanti a un fuoco scoppiettante a Balmoral. Un sorriso per la fotocamera.

Era vecchia, piegata e fragile, sì, ma ancora in piedi e pronta a fare il suo lavoro.

La regina una volta disse: “Devo vedere per essere creduta”.

Adam Taylor a Washington ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews