Dopo il peggior inizio del mercato azionario in 50 anni, alcuni vedono più dolore davanti a sé

Wall Street ha raggiunto record nella prima metà dell’anno, nessuno dei quali è stato molto buono.

economia accesa cuspide di recessioneessere picchiato alta inflazione E il alti tassi di interesseCiò influisce sui loro stipendi, indebolisce la fiducia dei consumatori e porta a tagli alla spesa aziendale. Mentre oscillava, i mercati sono scesi.

Il mercato azionario è sulla buona strada per i suoi peggiori sei mesi dell’anno almeno dal 1970. L’S&P 500, una pietra miliare di molti portafogli azionari e conti pensionistici, ha raggiunto il picco all’inizio di gennaio ed è sceso del 19,9% negli ultimi sei mesi.

Le vendite sono state notevolmente ampie, con ogni settore A parte il calo di energia di quest’anno. Bellwethers tra cui Apple, Disney, JPMorgan Chase e Target sono caduti più del mercato nel suo insieme.

E questa è solo una parte della storia dell’orrore per gli investitori e le aziende di quest’anno.

Anche le obbligazioni, che si ritiene forniscano rendimenti inferiori ma più stabili agli investitori, hanno superato i sei mesi. Poiché le obbligazioni sono particolarmente sensibili alle condizioni economiche, riflettendo le variazioni dell’inflazione e dei tassi di interesse in modo più diretto rispetto alle azioni, questo potrebbe essere un segnale più preoccupante per lo stato dell’economia.

Un indice che replica i Treasury a 10 anni, un punto di riferimento per gli oneri finanziari su mutui, prestiti alle imprese e molti altri tipi di debito, è sceso di circa il 10 per cento di prezzo. Gli analisti della Deutsche Bank hanno dovuto risalire alla fine del 18° secolo per trovare una performance peggiore nella prima metà dell’anno per obbligazioni equivalenti.

“Non commettere errori, questo primo semestre è stato difficile”, ha affermato Jim Reed, responsabile della strategia di credito e della ricerca tematica presso Deutsche Bank.

READ  I lavoratori di Twitter impazziscono per Elon Musk nei messaggi interni di Slack

Per l’investitore medio con un portafoglio diversificato di azioni e obbligazioni, può sembrare che “nulla funzioni”, secondo Victoria Green, chief investment officer di G Squared Private Wealth. Ciò è particolarmente vero per gli investitori che hanno acquistato all’inizio dell’anno, quando i mercati erano in uno stato d’animo più prospero. “Il venerabile portafoglio 60-40 semplicemente non reggeva affatto”, ha detto Green, riferendosi al mix di 60% di azioni e 40% di obbligazioni che i consulenti finanziari tradizionalmente suggeriscono agli investitori per proteggerli dagli scoperti.

Dall’inizio dell’anno, il tasso di inflazione è aumentato in modo ostinato e ora sta funzionando al ritmo più veloce nel Più di 40 anni È stato aggravato dall’aumento dei prezzi di cibo ed energia a causa della guerra in Ucraina, erodendo i margini di profitto delle aziende. Ciò si aggiunge a una catena di approvvigionamento continua che ha reso difficile per le aziende soddisfare le richieste dei clienti e gestire le scorte.

Mentre gli investitori rivalutano le prospettive per le società e vendono le loro azioni, alcune settimane fa l’indice S&P 500 Caduto in un mercato ribassista, un raro e cupo segno di pessimismo, che Wall Street vede come un calo del 20% dal suo recente picco. L’indice è sceso in 10 delle ultime 12 settimane, con guadagni occasionali che svaniscono rapidamente quando una nuova ondata di timori di mercato si è diffusa.

La determinazione della Fed di domare l’inflazione aumentando i tassi di interesse è un fattore importante nelle turbolenze del mercato. Gli alti costi finanziari raffreddano l’economia ridurre la domandaChe a sua volta riduce la pressione sui prezzi. Su di essa pesano i rendimenti obbligazionari nettamente elevati, che si muovono nella direzione opposta ai prezzi Portafogli di investitori obbligazionari in perdita.

E se la lotta della Fed contro l’inflazione richiede che i tassi salgano così lontano, l’economia è velocissima Suggerimenti per la recessioneCiò limiterebbe la capacità delle aziende di assumere nuovi dipendenti, spendere per nuovi progetti e ripagare i propri debiti, il che è minaccioso sia per le azioni che per le obbligazioni.

Gli asset che si pensava non fossero stati influenzati da queste tendenze hanno offerto scarso ricorso. BitcoinLa più grande criptovaluta, quest’anno è scesa di oltre il 50%.

Quando si studia il disastro finanziario, sorge la domanda: quanto può diventare grave?

Nelle prossime settimane, le aziende inizieranno a riportare i loro guadagni del secondo trimestre, con gli investitori aggiornati sulla performance dei loro dati finanziari. Questi rapporti saranno esaminati alla ricerca di segnali che l’economia traballante potrebbe girare in peggio, il che influenzerà le decisioni di acquisto e vendita.

Altrettanto importante quanto ciò che le aziende rivelano sull’ultimo trimestre dell’anno è ciò che dicono su come le cose prenderanno forma nei prossimi trimestri, secondo Steve Sosnick, chief strategist di Interactive Brokers.

“Nel complesso, le aspettative rimangono molto alte”, ha detto. Questo è un segno che le condizioni potrebbero non essere così cattive come alcuni temono, o che stanno per deludere. Le previsioni degli analisti sugli utili di società come Apple e JPMorgan Chase sono rimaste relativamente stabili nell’ultimo mese.

Andy Sieg, presidente di Merrill Lynch Wealth Management, ha affermato di non aver assistito a un aumento significativo dell’attività di trading tra i clienti, che ci si aspetterebbe durante un periodo di turbolenze. Tuttavia, nell’ultimo anno c’è stato un picco di clienti che cercavano colloqui sulla pianificazione finanziaria, che ha descritto come un approccio “costruttivo” per affrontare la recessione economica.

READ  "Perché non possiamo passarlo attraverso i nostri spessi crani?" L'aumento della produzione americana di petrolio e gas "non è incompatibile" con il cambiamento climatico

“Quando i mercati sono più volatili, il sentimento aumenta”, ha affermato Sieg. “Questa è solo una normale reazione umana al tipo di ambiente in cui viviamo”.

Anche se le notizie sugli utili aziendali o sull’economia non sono così negative come alcuni temono, potrebbe volerci del tempo prima che l’umore cupo cambi e quella che molti credono essere un’altra falsa alba segna un punto di svolta cruciale. “Di solito un mercato ribassista si trasforma quando il mondo si sente ancora male”, ha affermato Green di J Square Private Wealth.

“C’è solo un vero fondo”, ha affermato Sosnik di Interactive Brokers. “Questo è davvero l’ultimo punto di svolta. E quindi per me, non è chiaro se abbiamo già visto condizioni che puntano a uno di quelli”.

Per Reid di Deutsche Bank, “molto dipende dai tempi della recessione”, ha affermato. Secondo la sua ricerca, il calo delle scorte fino a questo momento sarebbe molto anomalo se non accompagnato da una recessione.

Gli economisti lo sono stati Aumenta la possibilità Che l’economia statunitense stia per entrare in una recessione e che la contrazione dell’economia sia più in linea con l’entità della flessione del mercato prevista da Reid. Pensa che sia “ragionevole” che il mercato azionario sia in calo dal 35 al 40 percento rispetto al picco di gennaio, il che significa che l’attuale flessione è solo a metà strada.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews