Cosa devono affrontare le aziende europee con la politica anti-Covid della Cina

Shanghai, sede del porto di spedizione di container più grande del mondo, ha iniziato un blocco in due parti il ​​28 marzo e deve ancora annunciare quando le restrizioni saranno revocate.

Yang Jiancheng | Gruppo ottico cinese | Getty Images

PECHINO – I controlli cinesi sul coronavirus hanno interrotto le catene di approvvigionamento e stressato la vita quotidiana dei lavoratori, in particolare a Shanghai e Shenyang, secondo una sfilza di aneddoti della Camera di commercio europea in Cina.

La Cina continentale ha lottato nelle ultime settimane per controllare la peggiore ondata di Covid dallo shock iniziale dell’epidemia all’inizio del 2020. E mentre da allora i rapidi blocchi hanno aiutato il paese a tenere sotto controllo il virus e tornare alla crescita, l’ultimo focolaio si verifica dalle infezioni più trasmissibili. variabile omicron.

Shanghai, sede del porto marittimo di container più grande del mondo, Il blocco in due parti è iniziato il 28 marzo Non è stato ancora annunciato quando le restrizioni saranno revocate.

I membri della Camera dell’UE stimano che i volumi dei porti di Shanghai siano in calo di circa il 40% su base settimanale, ha affermato mercoledì Bettina Schoen-Behanzen, presidente della filiale di Shanghai e vicepresidente della Camera.

Ha osservato che mentre il porto “funziona tecnicamente come al solito”, la logistica deve ancora affrontare le sfide dovute alla carenza di autisti di camion, che sono bloccati in isolamento o che necessitano di frequenti test negativi per i virus.

Gruppo portuale internazionale di Shanghai In una dichiarazione sabato, ha affermato che la capacità delle navi di raggiungere i luoghi designati per lo scarico o il carico delle merci è stata più efficiente rispetto allo scorso anno in generale. Il porto ha affermato che dal 28 marzo il tempo medio di attesa per le navi portacontainer al porto è stato inferiore a 24 ore.

READ  Wordle 371 Suggerimenti per il 25 giugno - Lottando con Wordle oggi? Questi indizi dovrebbero aiutare | giochi | intrattenimento

“Shanghai si trova in una situazione un po’ eccezionale”, ha detto Schwinn-Behanzen. “C’è un forte senso di incertezza in tutta la città. È alimentato dalla mancanza di rifornimenti, dalle chiusure infinite e dalla paura davvero grande di essere inviati in questi campi di quarantena”.

Nel tentativo di far fronte all’aumento dei casi, le autorità di Shanghai hanno istituito centri di quarantena temporanei.

Schoen-Bhanzen sottolinea che le persone che vivono in isolamento in città hanno dovuto alzarsi alle 4 del mattino per competere per la consegna online di verdure.

Schoen-Bhanzen ha affermato che le aziende che ottengono il permesso di continuare le operazioni – nell’industria alimentare, farmaceutica o chimica – devono mantenere i dipendenti in una bolla attorno agli impianti di produzione.

“Sentiamo sempre più spesso che alcuni lavoratori non fanno più volontariato perché non ci sono più [a] Si profila una fine chiara e non vogliono mangiare e dormire sul posto”.

Le autorità locali hanno consentito che politiche del lavoro simili rimanessero in vigore durante una chiusura di quasi una settimana il mese scorso presso il Southern Technology and Manufacturing Center di Shenzhen.

Due giorni dopo la revoca del blocco, il capo della filiale della Cina meridionale della Camera dell’UE, Clause Zinkel, ha affermato che l’azienda che ha visitato aveva ancora “molti, molti letti pieghevoli” – che la società prevedeva di tenere a portata di mano perché non erano sicuri se ne hanno bisogno di nuovo presto.

Il ministero del Commercio cinese non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Ostacoli della filiera automobilistica

Nella città di Shenyang, nel nord della Cina, i residenti locali sono in isolamento da più di due settimane, secondo il capo della filiale locale Harald Kompfert.

Ha affermato che la joint venture BMW della città potrebbe inizialmente mantenere la produzione, ma ha dovuto interrompere dopo un tempo indefinito “perché la catena di approvvigionamento non poteva essere mantenuta”.

“Qualsiasi mezzo di trasporto è parcheggiato sulla strada”, ha detto Kompfert. “La polizia ti arresterà se sei in viaggio e non hai un permesso speciale”.

La BMW non ha risposto alla richiesta di commento della CNBC.

La Volkswagen, che ha stabilimenti alla periferia di Shanghai e in una grande città della provincia di Jilin, anch’essa chiusa, ha dichiarato che i suoi due siti di produzione rimarranno chiusi mercoledì e giovedì.

Kumpfert ha anche affermato aneddoticamente durante il webinar di mercoledì che un’azienda membro non è stata in grado di ottenere un prestito perché una banca ha affermato di non essere in grado di concedere prestiti a causa del numero di insolvenze e fallimenti. Non era chiara l’entità del prestito o la banca coinvolta.

Impatto nazionale limitato

I rappresentanti della Camera dell’UE nel sud-ovest e in altre parti della Cina hanno notato alcune interruzioni nella catena di approvvigionamento, ma l’impatto complessivo del Covid sulle operazioni locali è minore. La camera ha indicato di non sapere quale sia la situazione del Covid nella Cina rurale.

Gli analisti di Citi hanno affermato mercoledì di vedere un “impatto significativo sui consumi” ma meno sulla produzione e sugli investimenti rispetto all’onda Omicron di marzo.

“Sebbene Shanghai e la provincia del Guangdong abbiano rappresentato il 7,3% e il 23,1% delle esportazioni cinesi e il 14,4% e il 18,5% delle importazioni nel 2021, riteniamo che l’impatto sul commercio sia gestibile: solo la metà di Shanghai ha iniziato a chiudere il 28 marzo, mentre Dongguan e Shenzhen sono stati completati entro una settimana, hanno affermato gli analisti. Prevedono una crescita del PIL del 4,7% nel primo trimestre, in aumento rispetto a una precedente previsione del 3,8%.

La scorsa settimana, un sondaggio tra le aziende statunitensi in Cina lo ha rilevato Il 54% degli intervistati ha abbassato le previsioni di entrate per il 2022 per quest’anno a causa del più recente focolaio di Covid-19.

Tra i produttori, oltre l’80% segnala un rallentamento o una riduzione della produzione, nonché interruzioni nella catena di approvvigionamento. La camera di commercio americana con sede a Pechino in Cina e la sua controparte a Shanghai hanno condotto il sondaggio la scorsa settimana.

Sfide a lungo termine

I rappresentanti della Camera dell’UE hanno affermato che l’impatto a lungo termine del Covid sulla Cina, soprattutto perché Shanghai continua a essere chiusa, è la fidelizzazione dei talenti. Hanno notato che i requisiti di viaggio e quarantena legati al Covid, in particolare per entrare nel Paese, hanno già scoraggiato i nuovi dipendenti stranieri dall’assumere lavoro in Cina.

Shanghai è stata il centro degli affari esteri nel paese, in parte a causa della cultura e dei regolamenti della città, incluso un gran numero di scuole e ospedali internazionali.

“Tutti sono rimasti sbalorditi dal fatto che sia successo a Shanghai. Non è il centro dell’Hunan. È Shanghai”, ha affermato Jörg Wutke, presidente della camera.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Wootki ha stimato che il numero di stranieri sulla terraferma si è dimezzato dall’inizio della pandemia e potrebbe dimezzarsi nuovamente quest’estate. Complessivamente, prevede che la popolazione europea totale del paese sia diminuita così drasticamente che si adatterà allo stadio Bird’s Nest di Pechino.

La capacità permanente dello stadio è di circa 80.000 posti.

Il numero di stranieri che vivono a Pechino e Shanghai è diminuito rispettivamente del 41,5% e del 21% tra i censimenti ufficiali del 2010 e del 2020. Il numero totale di stranieri nel paese durante quei 10 anni è aumentato di quasi il 40% a 1,4 milioni di persone.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews