Cimitero delle Nazioni Unite a Busan dove i veterani coreani chiedono di essere sepolti

(CNN) – Per più di 30 anni, il veterano guerriero britannico James Grande ha compiuto un viaggio annuale di 5.500 miglia in Corea del Sud, per visitare le tombe dei cadaveri che ha recuperato da giovane che è andato in guerra.

Grande aveva solo 19 anni quando si unì alla guerra di Corea nel 1951, secondo il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite in Corea (UNMCK). Come parte di un’unità di recupero, i soldati caduti sono stati recuperati dai campi di battaglia in tutta la penisola coreana e trasportati per la sepoltura nel cimitero situato nella città portuale meridionale di Busan.

Il cimitero rimane l’unico cimitero delle Nazioni Unite al mondo e per molti è un luogo di incontro finale per veterani, vedove e persone care perse nella guerra di Corea.

È stato istituito nel 1955 dopo che il governo sudcoreano ha offerto la terra in uso permanente alle Nazioni Unite, per onorare le truppe e il personale medico inviato da 22 paesi sotto la bandiera delle Nazioni Unite durante la guerra.

Il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite in Corea (UNMCK) a Busan il 21 agosto.

Jesse Young / CNN

Sebbene la maggior parte di questi paesi abbia restituito i corpi dei morti, secondo UNMCK vi sono attualmente sepolte più di 2.300 persone provenienti da 11 paesi.

Molti di questi soldati furono in seguito raggiunti da persone care che volevano essere sepolti insieme, comprese le loro vedove e altri membri della famiglia.

Oggi, il cimitero è un’idilliaca distesa di 35 acri di prato verde e giochi d’acqua, con una sala commemorativa, monumenti dedicati dai vari paesi che hanno partecipato alla guerra e un muro commemorativo con incisi tutti i nomi dei soldati delle Nazioni Unite morti durante la guerra. conflitto.

Sua nipote adottiva, Brenda Eun-jung Park, ha detto quando Grande ha seppellito i corpi che aveva recuperato: “Promettimi, ‘Tornerò da te'”. Non ti dimenticherò mai.” “Ecco perché tornava in Corea ogni anno, per mantenere la sua promessa.”

READ  Il nuovo Primo Ministro britannico Truss ha promesso di affrontare la crisi energetica e un'economia vacillante

A partire dal 1988, ha fatto viaggi annuali al cimitero, fino a quando l’epidemia non ha interrotto i viaggi. Park ha detto che a maggio, anche se Grande stava combattendo contro il cancro e stava diventando più debole, “ha insistito per venire in Corea” per un’ultima visita.

James Grundy, chiamato affettuosamente "zio Jim," e la nipote Sharon Hewitt.

James Grundy, affettuosamente soprannominato “Zio Jim” e la nipote Sharon Hewitt.

Sharon Hewitt

“Era l’unico divertimento… (nella) sua vita”, ha aggiunto. “Voleva tornare di nuovo”.

Grundy è morto ad agosto nel Regno Unito. Le sue ceneri saranno trasportate al Cimitero delle Nazioni Unite dove sarà sepolto, secondo le istruzioni nel suo testamento. “Voleva riposare in pace nel cimitero con i suoi compagni”, ha detto Park.

Appuntamento veloce

La guerra di Corea, a volte indicata come la “guerra dimenticata”, nonostante la morte di milioni di vite, scoppiò nel giugno 1950 dopo che le forze nordcoreane invasero la Corea del Sud.

Gli Stati Uniti hanno convocato una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha deciso solo due giorni dopo l’invasione di inviare truppe in Corea, l’unica volta nella storia dell’organizzazione in cui le truppe da combattimento sono state inviate in nome delle Nazioni Unite.

Il comando delle Nazioni Unite a 22 nazioni ha contribuito a cambiare lo slancio della guerra, con le forze guidate dagli Stati Uniti che avanzavano verso il confine cinese con la Corea del Nord. Ma le forze cinesi sono intervenute e hanno respinto le Nazioni Unite nella penisola.

Le due parti hanno raggiunto un vicolo cieco lungo il 38° parallelo, dove si trova oggi il confine intercoreano. L’armistizio firmato il 27 luglio 1953 fermò il conflitto. Tuttavia, la guerra non è mai terminata ufficialmente perché non c’era un trattato di pace e la sua influenza continua ancora oggi.

Per alcuni veterani, il cimitero delle Nazioni Unite rappresenta il costo della guerra e dei profondi rapporti che hanno stretto con altri soldati e con la stessa Corea del Sud.

Boyd L. Watts, un veterano americano che si è unito alla guerra all’età di 18 anni, ha detto a Hubs Magazine che visita Busan almeno una volta all’anno dal 1991.

Ha detto di essere rimasto colpito dallo sviluppo del Paese in pochi decenni, un argomento che è stato sottolineato anche al cimitero. In una sala commemorativa, un video per i visitatori mette in evidenza la trasformazione della Corea del Sud da paese dilaniato dalla guerra a una fiorente capitale moderna, resa possibile dai sacrifici delle truppe delle Nazioni Unite.

Le guardie d'onore sudcoreane portano bandiere di paesi alleati con le Nazioni Unite durante un servizio commemorativo per i veterani delle Nazioni Unite della guerra di Corea, presso il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite a Busan, 11 novembre 2020.

Le guardie d’onore sudcoreane portano bandiere di paesi alleati con le Nazioni Unite durante un servizio commemorativo per i veterani delle Nazioni Unite della guerra di Corea, presso il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite a Busan, 11 novembre 2020.

Jung Yoon Ji/AFP/Getty Images

Altri guerrieri che fecero visite di ritorno a Busan fecero eco agli stessi sentimenti.

Johann Theodor Eldewerld, che ha servito come prima classe privata e ha combattuto corpo a corpo contro i soldati nordcoreani, è tornato in Corea del Sud nel 2016, la prima volta da quando era stato smobilitato durante la guerra. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Yonhap della Corea del Sud, Elderworld ha affermato di essere stato profondamente colpito dalla ripresa economica del paese.

Morì l’anno successivo e fu sepolto nel cimitero – seguendo il suo testamento che diceva che voleva che le sue ceneri fossero sepolte “nella Repubblica di Corea dove i miei compagni giacciono in un sonno eterno”, secondo l’Agenzia Yonhap.

luogo di riposo finale

Man mano che il piccolo gruppo di veterani sopravvissuti avanza, un numero crescente – da luoghi di tutto il mondo – chiede di essere sepolto nel cimitero, insieme ad amici e compagni in un paese straniero per cui un tempo combattevano.

READ  Le ultime notizie della guerra ucraino-russa: aggiornamenti in tempo reale

Watts, il veterano americano, ha detto alla rivista Haps nel 2010: “Hanno seppellito molti di noi in una vecchia nebbia … mi piacerebbe farne parte”. Il suo desiderio si è avverato dopo la sua morte nel 2020, poiché alla cerimonia hanno partecipato parenti, amici, rappresentanti dell’esercito e dell’ambasciata americana.

Un altro veterano statunitense, Russell Harold Gunstad, ha prestato servizio nella polizia militare durante la guerra ed è stato sepolto nel cimitero delle Nazioni Unite nel 2020.

Il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite in Corea il 21 agosto.

Il Cimitero commemorativo delle Nazioni Unite in Corea il 21 agosto.

Jesse Young / CNN

“Il signor Gunstad inizialmente si oppose all’idea di seppellirlo all’UNMCK, dicendo che si sentiva indegno come gli altri che giacevano lì, ma sua moglie e la sua famiglia sono riusciti a convincerlo a cambiare idea”, ha detto all’UNMCK in un dichiarazione sul suo sito web.

L’ultimo veterano sepolto nel cimitero è John Robert Cormier del Canada, morto nel 2021 e sepolto nel giugno di quest’anno. Aveva solo 19 anni quando è arrivato in Corea per la guerra ed è tornato sul campo di battaglia anche dopo aver subito una ferita pericolosa per la vita, secondo l’UNMCK.

La missione Onu in Kosovo ha dichiarato dopo la sua cerimonia che il suo “grande desiderio” era quello di essere sepolto nel cimitero, aggiungendo: “Gli sarebbero mancati i 380 compagni (canadesi) che lo aspettavano qui, e oggi sono di nuovo insieme. “

Oggi il cimitero, poco distante dalla costa, è ancora una meta ambita dai viandanti della storia della guerra, raggiungibile con autobus e metropolitana. L’ingresso è gratuito e ogni giorno si tiene una cerimonia dell’alzabandiera e dell’abbassamento della bandiera delle Nazioni Unite, con eventi speciali per celebrare date chiave come lo scoppio della guerra di Corea.

Foto in alto: Il cimitero commemorativo delle Nazioni Unite in Corea, situato a Busan, il 21 agosto. Credito: Jessie Yeung / CNN

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews