Ci sono buchi sul fondo dell’oceano. Gli scienziati non sanno perché.

Nelle profondità delle acque lungo una cresta vulcanica sul fondo dell’Oceano Atlantico, esploratori marini che utilizzano un veicolo telecomandato per esaminare aree in gran parte inesplorate hanno trovato uno schema di buchi nella sabbia.

Durante le immersioni, a nord delle Azzorre, vicino alla terraferma del Portogallo, il 23 luglio, hanno visto una dozzina di buche che sembravano una traccia di linee sul fondo dell’oceano, a una profondità di 1,6 miglia.

Poi circa una settimana dopo, giovedì, ci sono stati altri quattro avvistamenti sull’altopiano delle Azzorre, un’area sottomarina dove si incontrano tre placche tettoniche. Questi buchi erano profondi circa un miglio e circa 300 miglia dal sito di scoperta iniziale della missione.

La domanda che gli studiosi si pongono e il pubblico nei loro post Twitter E il FacebookIS: Cosa crea questi segni, con fori distanziati di 4 pollici o più e linee che si estendono da 5 piedi a più di 6 piedi, sul fondo dell’oceano?

“L’origine dei buchi ha sconcertato gli scienziati”, ha affermato il post su Twitter dell’Ocean Exploration Project della National Oceanic and Atmospheric Administration. “I buchi sembrano creati dall’uomo, ma i piccoli mucchi di sedimenti intorno a loro indicano che sono stati perforati da… qualcosa.”

Quasi due decenni fa, a circa 27 miglia dal sito di visualizzazione iniziale per la missione attuale, gli scienziati hanno scoperto buchi simili durante l’esplorazione, ha detto Emily Crum, portavoce della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

Il passare del tempo non ha fornito risposte chiare, ha affermato Michael Fekion, un biologo di acque profonde della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) che è stato coinvolto nel progetto e fa anche parte di questa ultima spedizione.

READ  Kate Middleton e il principe William criticano la mossa "vergognosa" di Windsor | reale | Notizia

“C’è qualcosa di importante che sta succedendo lì dentro che non sappiamo cosa sia”, ha detto il dottor Viccione. “Questo mette in evidenza il fatto che ci sono ancora dei misteri”.

I buchi sono solo una delle domande che gli scienziati stanno cercando in un’ambiziosa spedizione oceanica, mentre esplorano le montagne del Mid-Atlantic, parte del Enorme catena montuosa nelle profondità dell’oceano Si estende per oltre 10.000 miglia sotto l’Oceano Atlantico.

Gli esperti del NOAA cercano risposte mentre Tre missioni Si stanno collegando con un viaggio a Ridge 2022, che è iniziato a maggio e si concluderà a settembre, con viaggi che li porteranno dalle acque al largo di Newport, RI, alle Azzorre e di nuovo a Porto Rico nei Caraibi.

Gli esploratori vogliono sapere cosa vive lungo la gamma continua di vulcani sottomarini e cosa succede quando i processi geologici che creano calore vitale si fermano.

Prestano molta attenzione alle comunità di coralli e spugne di acque profonde, che sono “alcuni degli ecosistemi marini più preziosi sulla Terra”, ha affermato Derek Sawers, coordinatore delle spedizioni NOAA a bordo dell’Okeanos Explorer.

Il dottor Sawers ha affermato che spedizioni come quella dei Ridge Projects erano “essenziali” per stabilire una comprensione della biodiversità del pianeta e dei “nuovi composti prodotti da tutte queste forme di vita”.

E vogliono saperne di più sulle aree in cui l’acqua di mare è riscaldata dal magma, dove la vita nelle profondità marine trae energia da questa fonte e sostanze chimiche, piuttosto che dal sole, come la maggior parte della vita sulla Terra.

“Questo ha ampliato la nostra comprensione delle condizioni in cui la vita potrebbe verificarsi su altri pianeti”, ha detto il dottor Sawers.

READ  Ci saranno elezioni generali in Gran Bretagna?

Dopo che l’agenzia si è rivolta ai social media nel tentativo di coinvolgere il pubblico, sono arrivate dozzine di commenti e alcuni sono entrati in speculazione. I buchi sono fatti dall’uomo? Potrebbe essere un segno di extraterrestri? Sono tracce lasciate da un sottomarino? Potrebbero essere i buchi di respirazione nel”Creatura nelle profondità del mare sepolta sotto la sabbia“?

Il dottor Viccione ha detto che l’ultima ipotesi non era necessariamente troppo inverosimile. in Un documento sui buchi osservati nel 2004Il sig. Vecchione e il coautore, Odd Aksel Bergstad, un ex ricercatore presso l’Istituto di ricerca marina in Norvegia, hanno proposto due ipotesi principali sul motivo per cui esistono i buchi. Entrambi coinvolgono la vita marina, camminando o nuotando sopra i sedimenti e facendo buchi sul fondo, o lo scenario inverso, dove si nascondono all’interno dei sedimenti e praticano buchi verso l’alto.

Il dottor Viccione ha detto che i buchi visti giovedì sembravano essere stati espulsi dal basso.

Il dottor Sawers ha detto che il dispositivo di aspirazione azionato a distanza dell’auto ha raccolto campioni di sedimenti per verificare se c’era un organismo all’interno dei fori.

Il dottor Viccione ha detto che mentre era felice di incontrare di nuovo i buchi del fondo oceanico, era “un po’ deluso” perché agli scienziati mancava ancora una spiegazione.

“Rinforza l’idea che c’è un mistero che un giorno scopriremo”, ha detto. “Ma non abbiamo ancora trovato una soluzione”.

Un’ultima immersione, che sarebbe trasmissione dal vivoresta da implementare nella seconda spedizione della serie, ha detto NOAA. La terza spedizione inizia il 7 agosto.

READ  God Save the Line: come aspettare di vedere la bara della regina ha cambiato le persone | Stefano Richer

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews