Bungie perde una causa contro il sito di vendita di frode del destino

Un guerriero solitario in armatura fantascientifica si trova di fronte a un grande alieno con zanne giganti.

foto: bungee

Bungie perderà un po’ questa settimana Guerra legale in corso contro Creatori e venditori di trucchi. Mercoledì, un giudice federale ha respinto le richieste di violazione del copyright di Bungie contro AimJunkies, accettando la difesa legale del venditore fraudolento che Casseruola Le altre rivendicazioni non relative ai marchi dell’editore bypasseranno il tribunale e saranno risolte mediante arbitrato. Tuttavia, questa non è la fine del caso.

Come ho già detto TorrentFreakil giudice distrettuale degli Stati Uniti Thomas Zelley si è schierato con AimJunkies e il suo team legale e Negare le rivendicazioni sul copyright di Bungie Contro il sito dopo Casseruola Maker non è riuscito a dimostrare che AimJunkies aveva effettivamente copiato qualcosa.

“È interessante notare che Bungie non ha difeso alcun fatto che spieghi come il software cheat costituisce una copia non autorizzata di nessuna delle opere protette da copyright identificate nella denuncia”, ha scritto il giudice Zilly. La denuncia di Bungie deve contenere più di una “recitazione formale degli elementi della causa dell’azione”.

Bungie potrà correggere la sua richiesta di copyright e aggiungere ulteriori prove, ma almeno per ora il giudice l’ha respinta a titolo definitivo.

Leggi di più: Vai in rivolta e poi Bungee coraggioso E Destino 2 I venditori imbrogliano in una causa comune

Allo stesso modo, il giudice Zilly era d’accordo con AimJunkies in merito a diverse altre accuse nella causa di Bungie relative a violazione del contratto, interferenze dannose e arricchimento illecito. Il giudice ha deferito tutte le pretese non relative al marchio all’arbitrato, che è conforme Accordo di licenza Bungie. Questo accordo chiarisce che, a parte le controversie sui diritti d’autore e sui marchi, tutte le altre controversie legali devono essere risolte mediante arbitrato obbligatorio. L’anno scorso, AimJunkies si è opposto a gran parte della causa di Bungie e ha citato la clausola arbitrale obbligatoria dell’accordo come parte della sua difesa. Ora, il giudice Zilly sembra schierarsi con i venditori cheat, proponendo che entrambe le parti trovino una soluzione extragiudiziale alle loro controversie sui non marchi e sui diritti d’autore.

Kotaku Ho contattato Bungie in merito ai recenti licenziamenti e alle decisioni del giudice Zilly.

Tuttavia, mentre AimJunkies può essere soddisfatto di queste sentenze e licenziamenti, il caso è tutt’altro che concluso. Le affermazioni di Bungie secondo cui il sito ha violato le leggi sui marchi rimangono intatte, con un giudice che concorda sul fatto che le altre accuse di Bungie sono “sufficientemente dichiarate” e che il caso può procedere sulla base delle restanti accuse. Queste altre accuse includono la violazione del marchio e false affermazioni sull’origine.

Secondo quanto riferito, ha detto AimJunkies TorrentFreak Non ha ancora commentato la questione. Tuttavia, il proprietario del sito ha spiegato che sono nelle fasi finali della vendita dell’azienda a un gruppo di investitori in Ucraina.

READ  Tutto in arrivo da Apple a luglio 2022

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews