Borrell: il divieto di visto ai russi manca di supporto | Guerra di Russia e Ucraina

Il funzionario della politica estera afferma che preferirebbe essere più “selettivi” nel concedere i visti ai russi.

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che è improbabile che i ministri degli esteri dell’UE sostengano all’unanimità un divieto di visto per tutti i russi quando si incontreranno alla fine di questa settimana.

“Non credo che interrompere il rapporto con la popolazione civile russa aiuterà e non credo che questa idea otterrà l’unanimità richiesta”, ha detto domenica Borrell, che presiede le riunioni dei ministri degli esteri dell’UE, all’ORF TV austriaca. .

Penso che dobbiamo riconsiderare il modo in cui alcuni russi ottengono un visto, e l’oligarchia certamente no. Dobbiamo essere più selettivi. Ma non sostengo l’interruzione della consegna dei visti a tutti i russi “.

I ministri degli Esteri dovranno raggiungere un accordo unanime per attuare il divieto, che sarebbe l’ultima misura del blocco volta a far conoscere le notizie della Russia sull’invasione dell’Ucraina. Invece, dovrebbero sostenere la sospensione di un accordo di facilitazione del visto con Mosca quando si incontreranno martedì a Praga.

Questa mossa renderà i viaggi russi più difficili e costosi.

Un alto funzionario dell’UE coinvolto nei colloqui ha detto al Financial Times che “sarebbe inappropriato per i turisti russi camminare nelle nostre città, nei nostri porti”.

“Dobbiamo inviare un segnale al popolo russo che questa guerra non va bene, non è accettabile”, ha affermato il giornale citando il funzionario.

READ  La propensione della Gran Bretagna per Reaganomics è ben accolta dal mercato

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews