Boeing sta cercando di recuperare il ritardo con SpaceX dopo troppi drammi

Tuttavia, non è venuto a buon fine.

Errori, ritardi e guasti hanno ostacolato il processo di sviluppo del veicolo spaziale. C’è stato un volo di prova fallito, problemi software, valvole adesive e una causa che ha coinvolto un dirigente di un subappaltatore che si dice abbia avuto ha perso la gamba Durante il test Starliner.
Dopo aver inizialmente esaminato SpaceX più da vicino di Boeing, I funzionari in seguito hanno detto che se ne sono pentiti Che molti problemi di Starliner sono sfuggiti alle scappatoie. SpaceX, il relativo nuovo arrivato di Elon Musk nel volo spaziale, alla fine ha battuto Boeing sulla rampa di lancio. La navicella spaziale Crew Dragon della compagnia ha ora registrato sei lanci di astronauti per la NASA da quando è entrata in servizio nel 2020.

Nel frattempo, Boeing sta ancora cercando di superare un volo di prova senza equipaggio. La compagnia farà il suo secondo tentativo questa settimana, sperando che le prestazioni impeccabili ripareranno la sua immagine di stella cadente nel volo spaziale umano.

Le controversie che circondano Starliner si sono aggiunte anche ad altre questioni Problemi all’interno della divisione aeromobili commerciali di Boeing Ciò ha minato la precedente solida immagine dell’azienda negli ultimi anni.

Ecco uno sguardo ai tentativi passati di Starliner.

OFT-1

Nel 2014, la NASA ha assegnato contratti a prezzo fisso – il che significa che l’agenzia spaziale avrebbe pagato solo il prezzo iniziale concordato e non un centesimo in più – a Boeing e SpaceX. La mossa ha consolidato le sue aperture come società che riporteranno gli astronauti della NASA nello spazio nell’ambito del programma Commercial Crew. Il montepremi di Boeing è stato di 4,2 miliardi di dollari, un importo significativo rispetto ai 2,6 miliardi di dollari di SpaceX, anche se la società lo ha affermato perché SpaceX ha già ricevuto milioni per sviluppare una versione senza pilota del velivolo Dragon.

READ  Ci sono dettagli sorprendenti in agguato nelle ultime immagini di Giove di Giunone

Sebbene ci si aspettasse che entrambi i veicoli spaziali avrebbero fatto esplodere gli astronauti nello spazio dopo solo pochi anni, verso la fine del decennio è diventato chiaro che SpaceX stava vendendo più di Boeing.

Quando il primo test di volo orbitale senza pilota della compagnia, soprannominato OFT-1, è arrivato sulla rampa di lancio nel dicembre 2019, SpaceX Lo ha già battuto per sei mesi.

E quasi subito dopo il lancio dello Starliner il 20 dicembre 2019, era chiaro che qualcosa non andava.

Più tardi, è stato rivelato che l’orologio interno dello Starliner era stato spento per 11 ore, causando l’inceppamento e l’inciampo del veicolo spaziale, hanno detto ai giornalisti i funzionari della NASA e della Boeing. Starliner è stato costretto a tornare presto sulla Terra.

Mesi dopo, è stato rivelato un secondo grave problema software, che secondo un funzionario governativo per la sicurezza aveva causato un “disastroso guasto”. Boeing (Laurea di) È stato in grado di identificare e correggere l’errore prima che influisse sul comportamento di Starliner.

Boeing ha accettato di risolvere i problemi e pagare il secondo tentativo di volo di prova senza pilota, mettendo da parte quasi mezzo miliardo di dollari. Dopo mesi di risoluzione dei problemi, revisioni e indagini sulla sicurezza, il volo di prova.

L’ex astronauta si ritira dalla missione

L’ex astronauta della NASA Chris Ferguson, che ha lasciato lo State Astronaut Corps nel 2011 per aiutare la Boeing a progettare e costruire lo Starliner, avrebbe dovuto guidare la prima missione con equipaggio dello Starliner come astronauta privato. Ma dopo il fallimento del test di volo inaugurale, Ferguson ha annunciato che non poteva più pilotare l’imbarcazione, citando conflitti di programmazione.

Nasa e Boeing annunciare questo Alla fine del 2020, dicendo Ferguson La decisione è stata presa per “motivi personali”. Intervenne Ferguson Segui il tweet Avendo pianificato di dare la priorità alla sua famiglia, aveva “assunto molti impegni che semplicemente non posso rischiare di perdere”.

Sebbene la missione con equipaggio sia stata riprogrammata più volte, non sembrano esserci piani per riportare Ferguson nella missione.

Era l’astronauta della NASA, Barry “Butch” Wilmore assumere prendere il posto di Ferguson.

Valvole viscose e umidità FL

Boeing pensava di essere pronto a riportare lo Starliner in test lo scorso anno e ha programmato un secondo tentativo di test di volo orbitale – questo soprannominato OFT-2 – per agosto.

Il razzo Atlas V della United Launch Alliance con a bordo la navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner è stato visto dopo la sua uscita dalla struttura di integrazione verticale alla rampa di lancio dello Space Launch Complex 41 prima della missione Orbital Flight Test 2 (OFT-2), mercoledì , 18 maggio 2022 presso la stazione di lancio Cape Canaveral Space Force in Florida.

Altri problemi sono sorti rapidamente. Quando il veicolo spaziale è stato spostato sulla sua piattaforma di lancio e ha iniziato a condurre i controlli a terra prima del volo, gli ingegneri hanno scoperto che le valvole principali dello Starliner erano bloccate. Alla fine, Boeing ha annunciato che il problema non poteva essere risolto sulla rampa di lancio e che l’intero veicolo doveva essere restituito all’edificio di assemblaggio per un’ulteriore risoluzione dei problemi.

A metà agosto, Boeing aveva smesso di cercare di risolvere i problemi del sito. Starliner doveva esserlo Inviato alla fabbrica Boeing.

Nelle conferenze stampa che hanno preceduto la battaglia di prova di giovedì, i funzionari della Boeing hanno rivelato che voleranno su OFT-2 questa settimana con una revisione “a breve termine” in atto, ma che la compagnia potrebbe eventualmente scegliere di riprogettare il sistema di micce.

READ  Curiosity ha trovato alcune costellazioni rocciose contorte dall'aspetto davvero strano sulla superficie di Marte

Altri casi

Un recente rapporto si aggiunge alle domande sulle pratiche di sicurezza di Boeing mentre Starliner torna sulla rampa di lancio questa settimana Reutersche ha messo in evidenza una causa precedentemente trascurata contro Boeing l’anno scorso da un subappaltatore a cui si diceva fosse stata amputata parzialmente una gamba dopo un incidente prima del test del paracadute Starliner del 2017.

Boeing ha confermato in una dichiarazione che è stata intentata una causa per conto del dipendente e del subappaltatore. “La questione è stata risolta da tutte le parti e i termini dell’accordo sono riservati”, si legge nella nota.

Gli atti del tribunale confermano che la questione è stata risolta a dicembre 2021.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews