Bitcoin registra una serie di perdite record dopo il crash di “Stablecoin”.

SINGAPORE/HONG KONG/LONDRA, 13 maggio (Reuters) – Le criptovalute hanno subito una grossa perdita venerdì, con Bitcoin appena sopra i 30.000$ e che si prepara a una perdita record dopo il crollo di TerraUSD, la cosiddetta stablecoin, che è proliferata nei mercati delle criptovalute.

Anche gli asset crittografici sono stati travolti da una massiccia svendita di investimenti rischiosi a causa dei timori di un’inflazione in aumento e dei tassi di interesse più elevati. Il sentimento è particolarmente fragile, poiché le valute che dovrebbero essere ancorate al dollaro hanno vacillato.

Bitcoin, la più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato totale, è riuscita a riprendersi nella sessione asiatica e veniva scambiata a $ 30.335 alle 0843 GMT. Ha fatto una sorta di ripresa dal minimo di 16 mesi di circa $ 25.400 raggiunto giovedì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma è ancora ben al di sotto dei livelli della scorsa settimana di circa $ 40.000 e, a meno che non ci sia una ripresa nel trading del fine settimana, si sta dirigendo verso una settima perdita settimanale consecutiva record.

“Non credo che il peggio sia passato”, ha affermato Scotty Siu, chief investment officer di Axion Global Asset Management, una società con sede a Hong Kong che gestisce un fondo di criptovalute.

“Penso che ci sia più ritiro nei prossimi giorni. Penso che quello che dobbiamo vedere è il crollo dell’open interest molto di più, quindi gli speculatori sono già fuori, ed è allora che penso che il mercato si stabilizzerà”.

Oltre Bitcoin

I titoli legati alle criptovalute sono stati bombardati, con azioni del broker Coinbase (MONETA.O) Stabile durante la notte ma ancora dimezzato in poco più di una settimana.

READ  Coinbase fa causa ai clienti che hanno perso "innumerevoli milioni" a causa di un progetto Crypto sconosciuto: rapporto

In Asia, Huobi Technology è quotata a Hong Kong (1611.HK) e BC Technology Group (0863.HK)che gestisce piattaforme di trading e altri servizi di crittografia, è in calo di oltre il 20% settimanalmente.

Ma i mercati finanziari più ampi hanno finora visto un impatto minimo o nullo dal crollo della criptovaluta.

“Le criptovalute sono ancora piccole e l’integrazione della criptovaluta nei mercati finanziari più ampi è ancora molto piccola”, ha affermato James Malcolm, Head of FX Strategy di UBS.

“L’idea che ciò che accade nella criptovaluta rimanga nella criptovaluta, ed è in molti modi che siamo in questo momento.”

Le rappresentazioni delle valute virtuali Ripple, Bitcoin, Etherum e Litecoin appaiono sulla scheda madre di un PC in questa illustrazione, 14 febbraio 2018. REUTERS / Dado Ruvic / Illustrazione

Spremere Staplecoin

Il sell-off ha quasi dimezzato la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute da novembre, ma il pullback si è trasformato in panico nelle ultime sessioni mentre pesavano le stablecoin.

Le stablecoin sono token legati al valore degli asset tradizionali, spesso dollari statunitensi, e sono il mezzo principale per spostare fondi tra criptovalute o per convertire i saldi in denaro fiat. Leggi di più

I mercati delle criptovalute sono stati scossi questa settimana dal crollo di TerraUSD (USDT), che ha rotto la sua correlazione con il dollaro in un rapporto 1:1.

Il complesso meccanismo di stabilizzazione della moneta, che prevedeva il bilanciamento con una criptovaluta gratuita chiamata Luna, ha smesso di funzionare quando Luna è stata sottoposta a pressioni di vendita. TerraUSD è stato scambiato per l’ultima volta a circa 15 centesimi, mentre Luna è scesa vicino allo zero. Leggi di più

Anche Tether, la più grande stablecoin che secondo gli sviluppatori è supportata da asset in dollari, è stata anch’essa sotto pressione ed è scesa a 95 centesimi giovedì, secondo i dati di CoinMarketCap, ma è tornata a $ 1 venerdì. Leggi di più

READ  L'inflazione all'ingrosso è balzata dello 0,8% a febbraio, meno del previsto ma comunque superiore del 10% rispetto a un anno fa.

“Più della metà di tutti i bitcoin e gli ether scambiati in borsa sono contro stablecoin, con USDT o Tether che prendono la quota maggiore”, hanno affermato gli analisti di Morgan Stanley in una nota di ricerca.

“Per questi tipi di stablecoin, il mercato deve fidarsi che l’emittente abbia abbastanza attività liquide da poter vendere in periodi di stress del mercato”.

L’operatore Tether afferma di avere le risorse necessarie in Treasury, contanti, obbligazioni societarie e altri prodotti del mercato monetario.

Ma Tether probabilmente dovrà affrontare ulteriori test se i trader continueranno a vendere e gli analisti temono che la pressione si riverserà sui mercati finanziari se la pressione costringerà sempre più liquidazioni.

L’agenzia di rating Fitch ha dichiarato giovedì in una nota che potrebbero esserci “ripercussioni negative significative” per le criptovalute e la finanza digitale se gli investitori perdessero fiducia nelle stablecoin.

“Molte entità finanziarie regolamentate hanno aumentato la loro esposizione a criptovalute, bullismo e altre forme di finanza digitale negli ultimi mesi e alcuni emittenti classificati Fitch potrebbero risentirne se la volatilità del mercato delle criptovalute diventasse grave”, ha affermato.

Tuttavia, Fitch ha affermato che i legami deboli tra i mercati delle criptovalute e i mercati finanziari regolamentati limiteranno il potenziale di volatilità nel mercato delle criptovalute per causare una più ampia instabilità finanziaria.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Tom Westbrook e Elon John). Montaggio di Bradley Perrett e Emilia Sithole Mataris

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews