Biden, alla sua prima visita in Asia, dice che sarà disposto a usare la forza per difendere Taiwan

  • Il funzionario della Casa Bianca dice che nessun cambiamento di politica
  • La Cina afferma che gli Stati Uniti non dovrebbero difendere l’indipendenza di Taiwan
  • Gli Stati Uniti vogliono inasprire la politica senza provocare un analista di Pechino
  • Biden visita il Giappone per il suo primo viaggio presidenziale in Asia

TOKYO (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato lunedì che sarebbe disposto a usare la forza per difendere Taiwan, chiudendo una serie di commenti critici sulla Cina mentre si trovava in Asia che un assistente ha affermato che non rappresenta alcun cambiamento nella politica degli Stati Uniti nei confronti di se stessi. isola controllata.

Le osservazioni di Biden, fatte durante la sua prima visita in Giappone da quando è entrato in carica, sono state viste dal primo ministro giapponese Fumio Kishida, come un allontanamento dall’attuale politica statunitense di cosiddetta ambiguità strategica su Taiwan.

La Cina considera l’isola democratica come il suo territorio nell’ambito della politica della “Cina unica” e afferma che è la questione più delicata e importante nelle sue relazioni con Washington.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Quando un giornalista ha chiesto a Biden durante una conferenza stampa congiunta con il leader giapponese se gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan in caso di attacco, il presidente ha risposto: “Sì”.

“Questo è l’impegno che abbiamo preso”, ha detto.

“Siamo d’accordo con la politica della Cina unica. L’abbiamo firmata e tutti gli accordi previsti che sono stati presi da lì. Ma l’idea che possa essere presa con la forza, solo con la forza, non è solo inappropriata”.

READ  Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che finora le forze russe hanno perso circa 1.000 carri armati in Ucraina

Biden ha aggiunto che si aspettava che un tale evento non sarebbe accaduto o tentato.

Un funzionario della Casa Bianca in seguito ha affermato che non c’era stato alcun cambiamento nella politica nei confronti di Taiwan. Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato che la Cina ha espresso “forte insoddisfazione e opposizione alla sua decisione sulle osservazioni”.

Il ministero degli Esteri taiwanese ha ringraziato Biden per il suo sostegno.

Gli assistenti alla sicurezza nazionale di Biden si girarono sui loro posti e sembravano studiare Biden da vicino mentre rispondeva alla domanda su Taiwan. Molti di loro hanno guardato dall’alto in basso mentre ha preso quello che sembrava essere un impegno inequivocabile a difendere Taiwan.

Biden ha fatto un commento simile sulla difesa di Taiwan in ottobre. All’epoca, un portavoce della Casa Bianca disse che Biden non aveva annunciato alcun cambiamento nella politica statunitense e un analista definì il commento un “errore”. Leggi di più

Nonostante l’insistenza della Casa Bianca sul fatto che i commenti di lunedì non rappresentino un cambiamento nella politica degli Stati Uniti, Grant Newsham, colonnello dei marine statunitensi in pensione e ora studioso del Japan Forum for Strategic Studies, ha affermato che il significato è chiaro.

“Questa affermazione merita di essere presa sul serio”, ha detto Newsham. “È un’affermazione abbastanza chiara che gli Stati Uniti non rimarranno a guardare se la Cina attaccherà Taiwan”.

READ  Il destino della seconda centrale elettrica più grande dell'Ucraina è in bilico dopo l'avanzata russa

Sebbene Washington sia obbligata per legge a fornire a Taiwan i mezzi per difendersi, da tempo persegue una politica di “ambiguità strategica” sull’opportunità di intervenire militarmente per proteggere Taiwan in caso di attacco cinese.

“politica restrittiva”

Biden ha rilasciato altre dure dichiarazioni sulla posizione sempre più assertiva di Pechino nella regione, dicendo che sperava che il presidente russo Vladimir Putin avrebbe pagato il prezzo della sua invasione dell’Ucraina in parte per mostrare alla Cina cosa avrebbe affrontato se avesse invaso Taiwan.

“Stanno cercando di rafforzare la loro politica, ma senza necessariamente provocare la Cina”, ha affermato James Brown, professore associato alla Temple University in Giappone.

È probabile che le osservazioni di Biden mettano in ombra il fulcro della sua visita in Giappone, il lancio dell’Indo-Pacific Economic Framework, un ampio piano che fornisce una base economica per l’impegno degli Stati Uniti con l’Asia. Leggi di più

Durante la sua permanenza a Tokyo, Biden incontrerà anche i leader dell’India e dell’Australia, altri membri del Quartetto, un gruppo di sicurezza informale formato per contrastare la crescente influenza della Cina nella regione indo-pacifica.

Il primo ministro giapponese Kishida ha sottolineato la volontà di Tokyo di assumere una posizione difensiva più aggressiva, cosa che gli Stati Uniti hanno accolto con favore da tempo.

Kishida ha detto di aver detto a Biden che il Giappone avrebbe studiato varie opzioni per migliorare le sue capacità difensive, inclusa la capacità di rappresaglia. Ciò includerebbe un “aumento significativo” del budget della difesa, ha affermato Kishida.

Yuji Koda, ammiraglio in pensione della Forza di autodifesa marittima ed ex comandante della flotta, ha affermato che il ruolo del Giappone in qualsiasi conflitto su Taiwan sarebbe quello di consentire un’operazione statunitense e aiutare gli Stati Uniti a difendere le proprie risorse.

READ  La Corea del Nord affronta un'epidemia di malattie infettive nel mezzo della battaglia contro il COVID

“Il ruolo del Giappone in questo sarà importante. Il Giappone è un fattore abilitante di questa deterrenza di sicurezza”, ha affermato.

Kishida ha affermato di avere il sostegno di Biden affinché il Giappone diventi un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tra le crescenti richieste di riforma del consiglio. Cina e Russia sono membri permanenti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Trevor Honeycutt) Segnalazioni aggiuntive di Kiyoshi Takenaka, Sakura Murakami, Chang Ran Kim, Nobuhiro Kubo, Daniel Losink, Kantaro Komiya, Jo Min Park e Tim Kelly; Scritto da Eileen Lies e David Dolan; Montaggio di Robert Percell e Simon Cameron-Moore

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews