Avviso di tempesta solare: la NASA si aspetta un colpo diretto sulla Terra da una “rapida” collisione – dove colpirà? | scienza | Notizia

La tempesta dovrebbe colpire la Terra lunedì 28 marzo. Una tempesta solare è un disturbo delle particelle che cadono a causa delle esplosioni elettromagnetiche del sole.

La NASA prevede che la tempesta solare arriverà intorno alla mezzanotte GMT lunedì.

Tuttavia, la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti ritiene che arriverà con diciotto ore di anticipo, intorno alle 6 del mattino.

Quando il vento solare colpisce il campo magnetico terrestre, la sua interazione fa brillare l’atmosfera.

Questo è noto come aurora boreale, o aurora boreale nell’emisfero settentrionale.

La dottoressa Tamitha Skov – conosciuta come la “Donna del tempo spaziale” per le sue previsioni celesti online – prevede la ricezione radio ad alta frequenza e problemi su qualsiasi lato della Terra quando una tempesta solare colpisce.

Ha aggiunto che le previsioni della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) “indicano una tempesta solare più veloce che colpirà di più”.

Il dottor Skov ha affermato che gli effetti “possono raggiungere le medie latitudini” sulla superficie del pianeta.

Alla domanda su dove gli osservatori del cielo potrebbero essere in grado di vedere l’aurora boreale della tempesta, ha suggerito che le persone nelle zone rurali di New York potrebbero essere in grado di individuarli, ma qualcuno nell’estremo sud dello Utah potrebbe non farlo.

New York si trova al di sotto del Regno Unito, quindi c’è la possibilità che i britannici con gli occhi d’aquila possano individuare i riflettori.

Nell’emisfero australe, il dottor Skov ha affermato che i residenti della Nuova Zelanda meridionale e della Tasmania potrebbero essere in grado di vedere l’aurora boreale “finché è abbastanza buio” e la tempesta colpisce durante la sera.

READ  Rocket Lab posticipa a lunedì il lancio del booster di Electron e i test di recupero

Tuttavia, coloro che vivono in città australiane come Victoria e Perth potrebbero non essere così fortunati.

Questo perché le particelle solari che colpiscono la Terra durante la tempesta sono “distorte verso i poli” dal campo magnetico terrestre.

Billy Tates, un astronomo della Vanderbilt University nel Tennessee, ha spiegato che i depositi di energia che questo crea fanno risplendere l’atmosfera attorno ai poli.

Sebbene sia uno spettacolo bellissimo per alcuni, le tempeste solari possono avere effetti dannosi sui sistemi logistici e di navigazione del pianeta.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) avverte: “Sebbene le tempeste creino bellissime aurore, possono anche interrompere i sistemi di navigazione come il Global Navigation Satellite System (GNSS) e creare correnti geomagnetiche dannose (GIC) nella rete elettrica e negli oleodotti”.

Grandi tempeste solari, sotto forma di espulsioni di massa coronale, possono avere effetti devastanti sulla Terra e sulle infrastrutture umane.

L’evento di Carrington del 1859 è la tempesta geomagnetica più mortale finora registrata, che ha visto l’aurora boreale fino ai Caraibi, ma le linee telegrafiche falliscono in tutta l’America.

I ricercatori ritengono che se l’evento Carrington si fosse verificato oggi, avrebbe causato disturbi elettrici diffusi, blackout e danni alla rete elettrica.

Tempeste simili furono registrate negli anni successivi. A febbraio, una piccola tempesta magnetica ha distrutto 40 satelliti SpaceX Starlink.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews