Art Rob, proprietario di poster che ha contribuito a lanciare Little Richard e Sam Cooke, muore a 104 | un musicista

Il CEO di musica Art Rob, le cui registrazioni di nicchia sono state una pietra miliare durante gli anni formativi del rock ‘n’ roll e hanno contribuito a lanciare le carriere Piccolo Riccardo, Sam Cooke e molti altri, sono morti. Aveva 104 anni.

Rob, che è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2011, è morto venerdì nella sua casa di Santa Barbara, in California, secondo la Arthur N. Rob Foundation. L’istituto non ha rivelato la causa della sua morte.

Il nativo di Greensburg, in Pennsylvania, era un contemporaneo di Jerry Wexler, Leonard Chase e altri uomini d’affari e produttori bianchi che hanno contribuito a portare la musica nera al grande pubblico. Ha fondato Specialty a Los Angeles nel 1946 e ha dato le prime pause ad artisti come Cooke e il suo gruppo gospel Soul Stirrers, Little Richard, Lloyd Price, John Lee Hooker e Clifton Chenier.

Lo storico della musica Billy Vera ha scritto nelle sue note a The Story of the Specialty, un set di cinque CD apparso nel 1994.

La firma più significativa e di maggior incasso di Rupe è stata Little Richard, un suonatore di percussioni, blues e gospel sin dalla sua adolescenza che ha lottato per affermarsi commercialmente.

In un’intervista del 2011 con gli Archives of the Hall of Fame, Rob ha spiegato che Little Richard (nome professionale del defunto McConne, Georgia, originale Richard Penniman) aveva appreso della specialità tramite Price, inviato una demo e per mesi chiamato a prova a vedere se qualcuno ha ascoltato. Alla fine ha chiesto di parlare con Rob, che ha tirato fuori il suo nastro dalla pila dei rifiuti.

“C’era qualcosa che mi piaceva nella voce di Little Richard”, ha detto Rob. “Non lo so, era semplicemente troppo esagerato, quindi è stato emozionante. E ho detto: ‘Diamo una possibilità a questo ragazzo e forse possiamo farlo cantare come un BB King'”.

Sessioni di pre-iscrizione Non è stato entusiasmante, ma durante una pausa pranzo in una locanda vicina, Little Richard si è seduto al pianoforte e ha suonato una canzone che stava eseguendo durante le date dei club: Tutti Frutti, con il suo grido di apertura immortale: “Awopbopaloomopawopbamboom!”

Pubblicato nel settembre 1955 e uno dei primi successi rock ‘n’ roll, Tutti Frutti era una versione maniacale ma più pulita dell’originale impertinente, che includeva rime come “Tutti Frutti/good booty”. Rob ha notato che la performance di Little Richard è cambiata quando si è accompagnato al pianoforte.

“Fino a quel momento, Bumps (il produttore Robert “Bumps” Blackwell) aveva Little Richard solo un cantante”, ha detto Robbie. “L’osso del collo è attaccato all’osso del ginocchio o qualcosa del genere; la sua voce e il suo gioco lo hanno sollevato”.

Il critico Langdon Weiner può paragonare le registrazioni speciali di Little Richards delle sessioni della Sun Records di Elvis Presley a “modelli di voce e musica che da allora hanno ispirato i musicisti rock”.

Gli altri successi di Little Richard con gli Specialty includevano classici rock come Long Tall Sally, Good Golly Miss Molly e Rip it Up prima di ritirarsi bruscamente (temporaneamente) nel 1957. La specialità è stata anche la patria di Lawdy Miss Clawdy di Price (con Fats Domino al piano ) ; Fattorie Don e John Dewey; Dizzy Miss Lizzy Larry Williams, che è stata poi interpretata dai Beatles; e la musica di pionieri del gospel come Dorothy Love Coats, Silverton’s Swan e Pilgrim Traveller.

Conosciuto per i suoi artisti sottopagati, Rob si è impegnato in una pratica di sfruttamento comune tra i proprietari di marchi all’inizio dell’era rock: convincere gli artisti a firmare contratti che lo lasciavano con molti o tutti i diritti d’autore. Il giovane Richard lo fece causa nel 1959 per royalties tardive e si stabilì in via extragiudiziale per $ 11.000.

Più o meno nello stesso periodo, Rob divenne sempre più frustrato dal sistema “payola” di corrompere le emittenti per riprodurre registrazioni e prese le distanze dal mondo della musica. Ha venduto Specialty alla Fantasy Records all’inizio degli anni ’90, ma ha continuato a fare soldi attraverso investimenti in petrolio e gas. Negli ultimi anni ha presieduto la Fondazione Art N Rupe, che ha sostenuto l’istruzione e la ricerca per gettare “luce di verità su questioni critiche e controverse”.

I sopravvissuti di Rob includono sua figlia, Beverly Rob Schwartz, e la nipote Madeline Kahan.

È nato Arthur Goldberg, figlio di un operaio ebreo che ha iniziato la sua passione per la musica nera ascoltando cantanti in una vicina chiesa battista. Ha studiato all’Università della California, a Los Angeles, e ha pensato brevemente di lavorare nel cinema e ha deciso invece di musica, educandosi acquistando “dischi di gara” e ascoltando con un metronomo e un cronometro. Ha co-fondato la Juke Box Records a metà degli anni ’40, ma presto ha lasciato per iniziare a specializzarsi. Ha anche cambiato il suo cognome in Rupe, il nome ancestrale della famiglia.

Il talento distinto di Rupe lo ha reso un successo, ma gli è costato almeno un colpo importante. A metà degli anni ’50, Cook desiderava estendere il suo fascino oltre il gospel e registrò alcune canzoni pop per Specialty, inclusa una che divenne uno standard, You Send Me. Rupe ha trovato la canzone carina e ha sbalordito i suoi cantanti bianchi. Cooke e Blackwell, che divennero i principali di Cooke, furono autorizzati ad acquistare il copyright e rilasciarlo tramite la RCA.

“Non pensavo che mandarmi fosse fantastico. Sapevo che avrebbe avuto un certo valore intrinseco perché Sam era così bravo”, ha detto Rob, che ha aggiunto: “Non ho mai sognato di essere un venditore multimilionario”.

READ  Sandra Bullock e Channing Tatum si sono incontrati nell'ufficio del preside dopo che le ragazze hanno litigato

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews