Alle Hawaii, Blinken punta a un fronte unito con alleati in Corea del Nord

HONOLULU – Il ministro degli Esteri Anthony Blinken ei ministri degli Esteri di Corea del Sud e Giappone hanno presentato sabato un fronte unito contro le forze nordcoreane. Recenti test missilisticiche lo stato ha condotto al ritmo più veloce da anni.

“Penso che sia chiaro a tutti noi che la RPDC sta attraversando una fase di provocazione”, ha affermato Blinken in una conferenza stampa a Honolulu nel pomeriggio degli incontri. Ha affermato che i tre paesi “continueranno a ritenere responsabile la RPDC”, utilizzando l’abbreviazione del nome ufficiale della Corea del Nord, Repubblica popolare democratica di Corea.

Ma i tre funzionari hanno affermato che i loro governi sono aperti ai colloqui con la Corea del Nord, anche se hanno condannato i recenti test. “Abbiamo ribadito che la diplomazia e il dialogo con la Corea del Nord sono più importanti che mai”, ha affermato il ministro degli Esteri sudcoreano Chung Eui-yong.

L’apparizione del signor Blinken con il signor Chung e Yoshimasa Hayashi, ministro degli esteri giapponese, è stata un momento significativo negli sforzi dell’amministrazione Biden per disinnescare una potenziale crisi con la Corea del Nord.

Disaccordi recentemente tra i governi della Corea del Sud e del Giappone su come affrontare il Nord. Seoul vuole offrire più tentazioni diplomatiche a Pyongyang, mentre Tokyo chiede una posizione più dura, più propensa a sanzioni delle Nazioni Unite più severe.

Finora quest’anno, la Corea del Nord ha condotto sette test missilistici, più dell’intero anno 2021.

I funzionari negli Stati Uniti e i suoi alleati erano particolarmente preoccupati per questo 30 gennaio test al nordche hanno detto essere un missile balistico a medio raggio, il missile più potente che il Paese abbia testato dal 2017. Ha sollevato lo spettro di un ritorno alle tensioni del primo anno del presidente Donald J. Trump, quando il Nord ha testato missili a lungo raggio e un ordigno nucleare, e il signor Trump ha minacciato di lanciare “Fuoco e Furia” dall’altra parte.

READ  Bambole giganti attraversano Tottenham Court Road a Londra

Kim Jong Un, il leader nordcoreano, ha recentemente suggerito che potrebbe porre fine a un commento facoltativo sul test di armi così potenti. Il mese scorso, i media statali nordcoreani hanno riferito che Kim lo aveva fatto Ordine dei funzionari Per “esaminare la questione della ripresa immediata di tutte le attività momentaneamente sospese”, molto probabilmente un riferimento alla moratoria.

Alcuni analisti hanno affermato che Kim e altri funzionari potrebbero aver già deciso una linea d’azione, ma le loro intenzioni sono rimaste vaghe.

“Abbiamo punti dati. Abbiamo un mucchio di ossa, ma non sappiamo come si incastrano gli scheletri o in quale direzione stanno andando”, ha affermato Robert Carlin, un ex analista dell’intelligence statunitense in Corea del Nord.

Gli incontri di Honolulu avevano lo scopo non solo di discutere della Corea del Nord, ma anche di cercare di calmare le tensioni tra Giappone e Corea del Sud, con gli Stati Uniti nel ruolo di conciliatori.

Ci sono differenze di vecchia data tra i due paesi su questioni storiche derivanti dalla seconda guerra mondiale e dal precedente status del Giappone di sovrano coloniale della Corea del Sud. A novembre, la vice di Blinken, Wendy Sherman, ha incontrato a Washington le sue controparti di entrambi i paesi, ma le controversie tra funzionari sudcoreani e giapponesi l’hanno portata a tenere una imbarazzante conferenza stampa da solista in seguito.

Con tale misura, la conferenza stampa di sabato a Honolulu è stata un miglioramento, anche se i tre funzionari non hanno detto nulla di sostanziale sulle tensioni tra Giappone e Corea del Sud. Hanno discusso le crescenti differenze nella regione sulle rivendicazioni territoriali della Cina e Coercizione economica dei vicini più piccoli.

READ  Un uomo è sopravvissuto per 16 ore intrappolato in una barca a vela che si è capovolta nell'Oceano Atlantico al largo della Spagna

Ma la questione urgente era la Corea del Nord. Il signor Chung ha sottolineato la convinzione del presidente Moon Jae-in nell’importanza dell’impegno diplomatico con la Corea del Nord. Il signor Moon, che ha contribuito a creare gli storici colloqui diretti tra il signor Kim e il signor Trump, spera di fare della riconciliazione intercoreana un fulcro della sua eredità.

La Corea del Sud tiene le elezioni presidenziali a marzo e il successore di Moon potrebbe adottare un approccio diverso. Funzionari statunitensi affermano che stanno monitorando da vicino gli atteggiamenti dei candidati nei confronti della Corea del Nord.

Il Sig. Hayashi ha sottolineato che anche il Giappone è aperto alla diplomazia e ha sottolineato che il Primo Ministro Fumio Kishida era pronto ad incontrare il Sig. Kim senza precondizioni, una posizione assunta dai leader dei tre paesi. Ma ha detto che anche la Corea del Nord ha dovuto affrontare alcune questioni critiche per il Giappone, compresi i rapimenti passati di cittadini giapponesi.

Il mese scorso, dopo che la Corea del Nord ha iniziato la sua ultima serie di test missilistici, il Dipartimento di Stato ha chiesto alle Nazioni Unite di imporre nuove sanzioni al Paese. Ma Cina e Russia hanno bloccato la proposta.

READ  Giovane volontario ucraino ucciso dopo aver consegnato cibo a un canile

Funzionari statunitensi affermano di aver provato vari modi per impegnarsi con la Corea del Nord nella speranza di riprendere la diplomazia, che si è bloccata dal fallito vertice tra Trump e Kim ad Hanoi, in Vietnam, nel 2019. Ma hanno detto di non aver ricevuto risposta da nulla il Nord, che si è chiuso al mondo, l’esterno è più del solito da quando è iniziata la pandemia.

“Non abbiamo alcun intento ostile nei confronti della RPDC”, ha detto il signor Blinken sabato. “Rimaniamo aperti al dialogo senza precondizioni se Pyongyang sceglierà questa strada”.

L’ultima tappa del sig. Blinken alle Hawaii è stata un viaggio di una settimana attraverso la regione Asia-Pacifico, dopo le visite in Australia e Figi. L’obiettivo era confermare che anche l’Asia lo è al centro della politica estera del presidente Biden.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews