Aggiornamenti live: la guerra della Russia in Ucraina

Una cattedrale russo-ortodossa nell’Upper East Side di New York sembra essere stata imbrattata di vernice rossa venerdì sera, lo stesso giorno in cui il consolato russo è stato costruito a circa sei isolati di distanza. Disegnato su graffiti Con vernice spray rossa.

Venerdì il presidente russo Vladimir Putin Annunciare l’annessione Da quattro regioni dell’Ucraina.

Un testimone oculare ha detto alla CNN di aver visto una persona che indossava una maschera per il viso spruzzare vernice rossa sui gradini della cattedrale ortodossa russa di San Nicola nella tarda notte di venerdì.

L’atto vandalico è stato confermato alla Cnn da padre Nicodemus, portavoce della cattedrale.

Resti di vernice sono stati visti sabato mattina dopo che un testimone oculare ha notato una donna che lo puliva.

Sinceramente non capiamo quegli individui che si concedono atti vandalici in relazione alla nostra cattedrale. “Stiamo pregando per loro”, ha detto Nicodemus alla CNN. “Vogliamo che si rendano conto che la Chiesa ortodossa russa negli Stati Uniti svolge importanti attività spirituali e di pacificazione qui, e siamo aperti a tutte le persone, indipendentemente dalla loro nazionalità e convinzioni politiche”.

Il NYPD ha affermato di non essere a conoscenza né di indagare sull’incidente.

La polizia in precedenza aveva detto alla CNN che stavano indagando sulla scritta rossa sull’edificio del consolato russo come un “possibile incidente di pregiudizio”. Non ci sono stati aggiornamenti in questa indagine.

Nicodemo ha detto che si tratta del terzo caso di vandalismo dall’inizio dell’anno in cui la cattedrale è stata ricoperta di vernice o vi sono stati scritti graffiti “insulti”.

Inoltre, la cattedrale ha ricevuto anche telefonate ed e-mail “insultanti”. Alcuni di loro includevano minacce dirette contro il clero e i parrocchiani.

READ  I prestatori del Regno Unito interrompono le offerte di mutui per i clienti dopo il caos del mercato

Nicodemo ha detto che la Cattedrale di San Nicola “è obbligata a passare tali lettere alla polizia”. “Siamo grati alle forze dell’ordine di New York per la loro pronta risposta alle nostre comunicazioni e per il loro continuo supporto”.

Ha aggiunto che metà dei loro parrocchiani nella chiesa sono ucraini e la chiesa ha detto che rimane la principale casa di preghiera.

La chiesa ha affermato che da febbraio i suoi parrocchiani sono stati attivamente coinvolti nella raccolta di aiuti finanziari e umanitari per le vittime della guerra in Ucraina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews