Ripple: Il rapporto del secondo trimestre indica che XRP è stato in linea con Bitcoin, invece ethereum e bitcoin cash hanno sovraperformato

Nel secondo trimestre del 2018, l’azienda ha venduto $ 56,66 milioni di XRP. Ciò rappresentava lo 0,125%, ovvero 12,5 punti base del volume totale XRP scambiato a livello globale nel secondo trimestre.

Inoltre, XRP II, LLC – una filiale di Ripple che è un’azienda di servizi monetari registrata e con licenza (MSB) – ha venduto $ 16,87 milioni di XRP in vendite dirette. In totale, la società ha venduto 73,53 milioni di dollari nel secondo trimestre.

L’XRP è stato notevolmente meno volatile nel Q2 e il calo del 9% del XRP è stato in linea con il declino dell’8,2% di bitcoin. Nonostante l’ambiente tiepido, le vendite XRP dell’azienda si sono rivelate una goccia nel secchio di un mercato XRP che ha scambiato 45,35 miliardi di dollari.

Nel quarto trimestre 2017, Ripple ha bloccato 55 miliardi di XRP in un account di deposito protetto crittografato. A causa del blocco, Ripple ha accesso solo al 13% dell’RXP in circolazione.

Il secondo trimestre ha portato molti nuovi entranti nell’ecosistema XRP, come ad esempio Coil , una nuova impresa guidata da Stefan Thomas che utilizzerà XRP per varie applicazioni di micropagamenti, come la facilitazione degli acquisti di media “piccoli”.

Inoltre, Scooter Braun, talent manager dell’intrattenimento, imprenditore e fondatore di SB Projects, sta perseguendo diversi sforzi che useranno XRP per migliorare la capacità degli artisti di monetizzare e gestire i loro contenuti.

Entrambi questi nuovi partecipanti hanno il supporto di Xpring, una nuova iniziativa di Ripple che collaborerà con aziende e progetti gestiti da imprenditori affermati che stanno costruendo l’ecosistema XRP.

La capitalizzazione di mercato totale di tutte le attività digitali all’inizio dell’anno era di $ 603,7 miliardi, ma a metà anno – nonostante l’emissione di centinaia di nuove “monete” ICO – era scesa a $ 254,7 miliardi.

Durante il secondo trimestre, anche il mercato degli XRP ha subito un rallentamento considerevole, rispetto ai prezzi e ai volumi che abbiamo visto nel quarto trimestre 2017 e nel primo trimestre del 2018.

Questo rallentamento potrebbe essere attribuito alla continua preoccupazione per la regolamentazione, sia negli Stati Uniti che in tutto il mondo. Nonostante la SEC abbia annunciato a giugno che non considerano L’ethereum un titolo, non vi è stato un aumento significativo e sostenuto del volume o del prezzo di alcun asset digitale, incluso XRP.

Il calo sia del volume che del prezzo è stato coerente nella maggior parte delle attività digitali, in quanto molti si muovevano con una stretta correlazione.

La stretta correlazione è indicativa di un mercato che è ancora agli inizi. I commercianti devono ancora distinguere tra i valori intrinseci delle risorse digitali più conosciute. Mentre l’industria matura e decide ciò che ritiene più utile e prezioso, dovremmo aspettarci di vedere più separazione.

L’XRP ha registrato un andamento in linea con il bitcoin (-9,0 percento rispetto a -8,2 percento), mentre gli asset digitali ampiamente scambiati ethereum e bitcoin cash hanno sovraperformato, in rialzo del 14,8 percento e del 9,3 percento.

La contrazione del mercato è stata anche influenzata della diminuzione del commercio sud coreano. La Corea del Sud aveva dominato il commercio di asset digitali, in alcuni giorni rappresentando circa il 70% del volume globale. Ma alla fine del secondo trimestre, il commercio della Corea del Sud era sceso al quarto posto a livello mondiale. Diversi importanti attacchi di scambio in Corea del Sud, insieme alla stanchezza generale dei commercianti, potrebbero aver contribuito alla recente caduta.

I trader speculativi hanno spinto la volatilità al 13,8 percento nel quarto trimestre 2017, ma poiché gli investimenti al dettaglio in attività digitali si sono ridotti nel Q2 2018, anche la volatilità XRP è diminuita, scendendo al 5,7 percento. È stata la più bassa volatilità che XRP ha visto dal quarto trimestre 2016. La volatilità più alta in termini di XRP, come invece accade, non era il quarto trimestre 2017, ma il secondo trimestre 2017 quando la volatilità XRP ha raggiunto il 22,3%. Il declino della volatilità è stato accompagnata da un calo di volume.

A dispetto di quel volume più basso, alcune delle più grandi società finanziarie fecero una serie di annunci:

  • Goldman Sachs ha annunciato l’intenzione di avviare un desk di trading di asset digitali.
  • JP Morgan ha nominato un capo della “strategia cripto-asset”.
  • L’ amministratore delegato del Nasdaq, Adena Friedman, ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l’idea di diventare un exchange di criptovalute.
  • Fidelity ha detto che stava costruendo uno scambio di beni digitali.
  • Nomura è diventata la prima banca ad offrire servizi di custodia per i beni digitali.

Questi annunci sono sforzi nascenti ma sembrano indicare un interesse diffuso nei beni digitali dai più grandi nomi della finanza. Tuttavia, è importante notare che questi sono annunci – devono ancora condurre a significativi scambi istituzionali di crittografia. Tuttavia, è chiaro che le istituzioni finanziarie stanno iniziando a costruire divisioni crittografiche e stabilire soluzioni tecnologiche per sfruttare l’opportunità a portata di mano.

Maggiori informazioni si possono trovare sul blog ufficiace Ripple




Informazioni su Rebecca Ricci 157 Articoli
Rebecca ha conseguito un Master in Giornalismo presso l'Università di Bologna e scrive professionalmente in un'ampia varietà di generi, in particolare le ultime notizie tecnologiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*