Sequestrati 20 milioni di dollari in bitcoin, hardware per mining, stupefacenti e oltre 100 armi da fuoco nel mercato nero online

35 persone sono state arrestate dalle forze dell’ordine statunitensi sospettate di vendere “merci illecite” nel mercato nero online comunemente indicato come “Silk Road”, il quale forniva agli utenti un posto dove vendere e acquistare farmaci e altri oggetti. Il suo creatore sta scontando l’ergastolo in carcere.

Un’operazione ha portato anche al sequestro di milioni di dollari di beni illegali, tra cui stupefacenti, oltre 100 armi da fuoco, 3,6 milioni di dollari in contanti e lingotti d’oro, circa 20 milioni di dollari di Bitcoin, 15 compresse di pillole (usati per creare materiale sintetico illegale) e hardware di mining Bitcoin, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia.

L’operazione è durata per un anno intero, agenti speciali della divisione HSI di New York si sono finti come riciclatori di denaro su gli oscuri mercati e sono stati in grado di scambiare valuta statunitense con valuta virtuale. L’indagine ha portato a oltre 90 indagini attive su oltre 65 obiettivi in ​​tutto il paese.

“La rete oscura è in continua evoluzione e sempre più intricata, rendendo più complicata la localizzazione e il targeting di coloro che vendono articoli illeciti su questa piattaforma. Ma in questo caso, gli agenti speciali HSI sono stati in grado di indagare tra coloro che sono nel mondo criminale informatico per trovare quei fornitori che vendono farmaci altamente addictive a scopo di profitto “, ha dichiarato Benner, direttore esecutivo esecutivo di HSI Acting.




Informazioni su Emanuele Brizzi 151 Articoli
Emanuele è un giornalista freelance, esperto di tecnologia finanziaria, segue quotidianamente l'andamento dei mercati, laureato in economia nel 2013 si è interessato alla blockchain da quando ha letto per la prima volta di Bitcoin diversi anni fa'. L'autore ama scrivere di criptovalute, la sua attenzione è focalizzata sulle novità che periodicamente emergono dai nuovi progetti e quelli esistenti. Email: brizzi_block@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*