Ethereum sotto il punto pivot: aggiornamento settimanale e analisi del prezzo

Ethereum ha rotto il punto pivot al ribasso durante il fine settimana nero delle criptovalute; la settimana scorsa ci eravamo detti che per la coppia ETH/BTC non era il caso di aprire posizioni, in realtà il giovedì successivo alla pubblicazione del nostro articolo la creatura di Vitalik Buterin ha avuto un piccolo slancio arrivando a rompere quota 0.080 ma subito dopo ha iniziato a ritracciare e mentre vi scrivo è quotata a 0.078 che praticamente corrisponde al punto pivot sul grafico 1D. Sul grafico 1W il MACD è ancora rialzista ma ci troviamo a un punto di svolta, in questo momento è difficile prevedere cosa potrà accadere, se il prezzo non dovesse tornare a salire in questa settimana potrebbe esserci un grosso crollo. Sicuramente aprire una posizione adesso può apparire allettante (soprattutto guardando il grafico 1D) ma a mio parere il rischio di un grosso crollo è troppo elevato per andare ad aprire una posizione su questa criptovaluta; sinceramente mi aspetto che il prezzo possa scendere sotto quota 0.063 rompendo il supporto di lungo periodo e magari rintracciando fino ai minimi registrati a dicembre in zona 0.024 (ma potrei sbagliare, non escluderei infatti che una nuova ondata speculativa possa spingere nuovamente il prezzo al rialzo). Per quanto riguarda invece la coppia ETH/USDT la settimana scorsa ci eravamo detti che il prezzo avrebbe potuto risalire fino a quota 650$/700$ ed effettivamente il rialzo c’è stato fino a toccare un massimo di 616$ nella giornata successiva alla pubblicazione del nostro articolo, poi però è arrivato il grande crollo del fine settimana che ha spinto nuovamente il prezzo a 512$. In questo momento la sensazione guardando il grafico 1D è che ci stiamo dirigendo verso il supporto S1 dei punti pivot a quota 446$ (il MACD è ribassista) mentre la situazione appare veramente nera guardando il grafico 1W per il quale notiamo il MACD ribassista che taglia al ribasso la linea dello zero, prezzo adagiato sul punto pivot (il che lascia immaginare possa esserci un grosso crollo qualora questo supporto non dovesse reggere) e il supporto S1 ben lontano a quota 228$. Tirando le somme in questo momento può apparire molto allettante investire sia sulla coppia ETH/BTC sia sulla coppia ETH/USDT perché siamo in corrispondenza di minimi che (qualora reggessero) potrebbero segnare l’inizio di una nuova corsa rialzista, ma dobbiamo sempre ricordarci che siamo dentro una fase ribassista e che il mercato mostra una grande fragilità che non pare essere stata ancora superata. Aprire una posizione ora rappresenta un grosso rischio, per cui il mio consiglio è di aspettare un chiaro segnale di inversione prima di tornare a valutare la possibilità di aprire una posizione su ethereum




Informazioni su Andrea Romanazzi 9 Articoli
Imprenditore e analista finanziario indipendente, Andrea è un trader di criptovalute che nel tempo ha sviluppato una sua personale strategia di trading. È autore del corso "trading di criptovalute" pubblicato nella sezione trading di questo sito, segue i mercati quotidianamente cercando di cogliere le migliori opportunità che si presentano per ottenere profitti. eMail: andrea@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*