Aggiornamento settimanale bitcoin: analisi del prezzo

grafico bitcoin 1W
Grafico settimanale bitcoin della prima settimana di giugno

Continua la debolezza sul mercato delle criptovalute trainata dal sesto mese di fila di mercato ribassista per quanto riguarda bitcoin; anche se la sensazione, abbastanza diffusa, è che siamo vicini a una inversione sia di bitcoin che di tutto il mercato per questa settimana sembra sia difficile aspettarsi grossi rialzi nonostante le notizie che arrivano da oltre oceano appaiano essere veramente molto promettenti. Oltre al fatto che nasdaq si appresta a lanciare proprio exchange basato sulla tecnologia blockchain la settimana scorsa a scatenare gli entusiasmi dei cripto-traders ci ha pensato bittrex che ha ufficialmente aperto lo scambio in valuta FIAT, attualmente solo per pochi investitori istituzionali, ma con la promessa che presto questa opportunità verrà estesa a tutti gli operatori. Tutto questo, sulla carta, dovrebbe portare al mercato nuova liquidità favorendo l’avvio di un nuovo ciclo rialzista. Veniamo brevemente all’analisi del prezzo, per quanto riguarda il grafico a un giorno attualmente bitcoin si trova ancora sotto il punto pivot (a 8186$) e mostra diversi segnali di debolezza sul grafico 4H (il MACD ha appena finito di costruire una divergenza bearish ed è tornato ribassista mentre scrivo questo post, prezzo nella nuvola per quanto riguarda l’ichimoku che pare destinato anche lui a diventare ribassista nelle prossime ore). Anche il grafico settimanale non lascia spazio a particolare entusiasmo, tuttavia le notizie che, come abbiamo avuto modo di spiegare, si susseguono con cadenza quotidiana dagli Stati Uniti lasciano sperare che siamo di fronte a una situazione in evoluzione e probabilmente destinata a cambiare a breve. In ottica di lungo termine può essere quindi consigliato aprire una posizione in questo momento su bitcoin per quanto il prezzo potrebbe scendere ancora dagli attuali 7500$ fino a toccare il supporto a 6369$; non mi aspetto grossi rialzi per questa settimana, difficilmente il prezzo riuscirà a rompere la resistenza a 8186$ e anche se ci riuscisse ne troverebbe una abbastanza solida intorno quota 9267$ (per poi eventualmente tornare a ritracciare). Per concludere segnalo come il rischio di un crollo pesante a quota 3.000$ non sia ancora del tutto scongiurato sebbene in questo momento la maggior parte dei traders non consideri questa eventualità come particolarmente probabile.




Informazioni su Andrea Romanazzi 9 Articoli
Imprenditore e analista finanziario indipendente, Andrea è un trader di criptovalute che nel tempo ha sviluppato una sua personale strategia di trading. È autore del corso "trading di criptovalute" pubblicato nella sezione trading di questo sito, segue i mercati quotidianamente cercando di cogliere le migliori opportunità che si presentano per ottenere profitti. eMail: andrea@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*