Gemini aggiunge la criptovaluta Zcash (ZEC) al suo exchange

L’exchange di criptovalute Gemini, ha annunciato oggi che renderà disponibile il trading e la custodia di Zcash. A partire da sabato 19 maggio.

Gemini offrirà le seguenti nuove coppie e servizi commerciali: ZEC/USD, ZEC/BTC e ZEC/ETH

Zcash è un fork friendly del codice sorgente Bitcoin, che lo rende un membro del “Nakamoto Family Tree” di prodotti virtuali.

Zcash è moneta per la privacy veramente innovativa che offre riservatezza per transazioni peer-to-peer simili a quelle garantite per i trasferimenti in valuta legale.

Zcash supporta due tipi di indirizzi: gli indirizzi non schermati, che iniziano con ‘t’ (cioè, “t-address”), e gli indirizzi protetti, che iniziano con ‘z’ (cioè, “z-address”). Al momento del lancio, Gemini supporterà i depositi da indirizzi non schermati, la compagnia sta lavorando per supportare il prelievo verso indirizzi protetti in futuro.

Abbiamo lavorato a stretto contatto con il Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York (NYSDFS) per ottenere l’approvazione per offrire servizi di negoziazione e custodia Zcash ai nostri clienti in qualità di società fiduciaria di New York. La nostra approvazione rende Gemini il primo cambio Zcash autorizzato al mondo. Rende anche il NYSDFS la prima agenzia regolatoria al mondo a supervisionare Zcash, riaffermando la propria posizione di autorità di regolamentazione finanziaria leader nel settore delle risorse digitali. Ha dichiarato Gemini.

14/05/2018 – Emanuele Brizzi – Altcoin News




Informazioni su Emanuele Brizzi 169 Articoli
Emanuele è un giornalista freelance, esperto di tecnologia finanziaria, segue quotidianamente l'andamento dei mercati, laureato in economia nel 2013 si è interessato alla blockchain da quando ha letto per la prima volta di Bitcoin diversi anni fa'. L'autore ama scrivere di criptovalute, la sua attenzione è focalizzata sulle novità che periodicamente emergono dai nuovi progetti e quelli esistenti. Email: brizzi_block@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*