Bitrefill diventa Shitrefill e collabora con Dogecoin, TheDAO, Petro e Tron

Attraverso Bitrefill, utilizzando bitcoin era possibile ricaricare il credito del proprio cellulare online o inviare rapidamente denaro ai propri cari, il sistema supportava oltre 140 paesi per le ricariche internazionali. 

Secondo un comunicato dalla società Bitrefill le preferenze dei consumatori sono ora cambiate, gli utenti preferiscono tenere bitcoin in portafoglio e spendere altre monete che non sono considerate come aventi un “valore di lungo termine”, chiamate anche “shitcoin”, ecco perchè Bitrefill ha deciso di cambiare nome e strategia, il nuovo marchio sarà Shitrefill.com, la società ha anche annunciato  partnership con quattro delle principali fondazioni decentralizzate di criptovaluta: Dogecoin, TheDAO, il venezuelano Petro e Tron, che saranno tutti disponibili per la spesa sulla piattaforma Shitrefill per l’acquisto di beni digitali come buoni regalo e ricariche di telefoni prepagati.

Shitrefill supporterà lo standard dei token ERC20 per garantire la compatibilità non solo con le shitcoin di oggi, ma anche il flusso esuberante di shitcoin di domani.

Il team si sta anche preparando per lanciare il token da utilizzare sulla rete Shitrefill, chiamata ShitCoinCash. La moneta sarà infinitamente scalabile attraverso la tecnologia PoS e la condivisione, e usa l’intelligenza artificiale per aumentare la sicurezza, secondo il comunicato ufficiale.

-------------------------------------------------------------------------------
Fai trading delle Crittovalute più popolari del mondo con leva e disponibilità 24/7: Bitcoin | Ethereum / Bitcoin | Bitcoin Cash | Ethereum | Litecoin | NEO | Ripple | IOTA e Monero con una leva fino a 1:5. Puoi cominciare con soli 100 € per ottenere l'effetto di un capitale di 500 €!
Trading 7 Giorni la Settimana, 24 Ore al Giorno!
Il mercato delle criptovalute è aperto a tutte le ore del giorno e durante i weekend.


Informazioni su Rebecca Ricci 87 Articoli
Rebecca ha conseguito un Master in Giornalismo presso l'Università di Bologna e scrive professionalmente in un'ampia varietà di generi, in particolare le ultime notizie tecnologiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*