Brad Garlinghouse il CEO di Ripple interviene al Money2020 Asia

Dilip Ratha, l’economista principale della Banca Mondiale per le migrazioni e le rimesse, ha parlato al Money2020 Asia delle tendenze di rimessa in tutto il mondo e ha fornito alcuni suggerimenti utili sul futuro dei loro costi. 

Ratha ha affermato che uno degli obiettivi strategici di sviluppo sostenibile della Banca Mondiale è ridurre il costo delle rimesse a livello globale dal 7 al 3% entro il 2030. Quando l’amministratore delegato di Ripple Brad Garlinghouse è salito sul palco, ha immediatamente ricollegato queste statistiche all’obiettivo di Ripple di creare un Internet di valore .

“Se non abbiamo abbassato il costo dei pagamenti delle rimesse di 300 punti base entro il 2030 come azienda, abbiamo fallito”, ha affermato Garlinghouse. “Se avremo successo, non stiamo parlando di 300 punti base. Stiamo parlando di 30 punti base per il costo dei pagamenti delle rimesse “.

L’affermazione in sé è audace e gli impatti positivi potenziali della riduzione dei costi di pagamento delle rimesse potrebbero essere esponenziali per l’economia globale. Nella visione del futuro di Garlinghouse, è fiducioso che una pagamento di 200 dollari costerebbe in media 60 centesimi anziché 14 dollari come oggi.

Se l’Internet of Value di Ripple è stabilito in questa stessa tempistica, non solo il costo di un pagamento transfrontaliero si ridurrà drasticamente, ma in teoria sarebbe anche il tempo che impiegano i soldi per spostarsi da un paese all’altro. In questa visione, il tempo necessario è immediato.

Una domanda posta a Garlinghouse riguardava come la soluzione xCurrent di Ripple fosse paragonata al sistema SWIFT utilizzato storicamente dalle istituzioni finanziarie per regolare i pagamenti transfrontalieri. Garlinghouse non ha trattenuto il motivo per cui le soluzioni basate su blockchain sono superiori.

“Il tasso di errore pubblicato da SWIFT è del sei percento”, ha affermato Garlinghouse. “Immagina se il sei percento delle tue e-mail non fosse passato senza ulteriori interventi umani.”

Garlinghouse ha inoltre risposto alle critiche riguardo Ripple XRP e la volatilità del mercato:

“Stiamo parlando di tre secondi di rischio di volatilità quando si utilizza XRP per i pagamenti transfrontalieri”, ha replicato Garlinghouse. “La realtà è che sei esposto a una maggiore volatilità quando effettui un trasferimento tradizionale con le valute legali, e ciò richiede diversi giorni.”

“La realtà è che stiamo lavorando con la tecnologia decentralizzata”, ha affermato Garlinghouse. “Se Ripple se ne va, e spero davvero che non accada, il registro Led XRP continuerà ad esistere.”




Informazioni su Emanuele Brizzi 165 Articoli
Emanuele è un giornalista freelance, esperto di tecnologia finanziaria, segue quotidianamente l'andamento dei mercati, laureato in economia nel 2013 si è interessato alla blockchain da quando ha letto per la prima volta di Bitcoin diversi anni fa'. L'autore ama scrivere di criptovalute, la sua attenzione è focalizzata sulle novità che periodicamente emergono dai nuovi progetti e quelli esistenti. Email: brizzi_block@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*