Cina: Ok Criptovaluta ma sicura ed efficiente, dichiara governatore della banca centrale

Dopo aver vietato gli scambi di criptovalute e dichiarato illegale ogni offerta iniziale di moneta, la Cina è ancora aperta all’idea di una moneta digitale se non ostacola il sistema finanziario, ha detto il governatore della banca centrale Zhou Xiaochuan. 

Il governo sarà felice di accettare coloro che “portano efficienza, basso costo e sicurezza” ai consumatori a condizione che “non siano direttamente in conflitto con l’attuale stabilità finanziaria e ordine finanziario”, ha detto Zhou ai giornalisti a margine del National People’s Congresso a Pechino.

“Non vogliamo creare prodotti per la speculazione … l’illusione di diventare ricchi da un giorno all’altro non è una buona cosa”, ha detto il capo uscente della Banca popolare cinese.

“Bitcoin e altri prodotti simili sono stati lanciati troppo rapidamente, senza cautela … la loro rapida proliferazione potrebbe avere un forte impatto negativo sui consumatori”, ha detto Zhou. “Questi prodotti hanno un effetto imprevedibile sulla … politica monetaria”.

Dopo aver ordinato la chiusura di tutti gli scambi di criptovalute e reso illegali tutte le offerte iniziali di monete (ICO) a settembre, Pechino ha dichiarato che in febbraio avrebbe bloccato tutti i siti web nazionali ed esteri relativi al trading di criptovalute e agli ICO.

Xiao Lei, un analista finanziario cinese, ha detto che le osservazioni di Zhou hanno indicato che i legislatori erano preoccupati per la speculazione e che era molto probabile che avrebbero introdotto più regolamenti in futuro.

“Dipende da come il mercato si comporta e risponde. Se [le criptovalute] possono essere utilizzate per contribuire all’economia reale, i regolatori sarebbero lieti di vederlo “, ha detto Xiao.

 

 


Informazioni su Rebecca Ricci 170 Articoli
Rebecca ha conseguito un Master in Giornalismo presso l'Università di Bologna e scrive professionalmente in un'ampia varietà di generi, in particolare le ultime notizie tecnologiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*