Class Action contro Coinbase per Insider Trading

Due cause legali collettive sono state presentate contro la principale borsa di criptovalute Coinbase la scorsa settimana.

Secondo quanto riportato da RTTNews, riguardo la causa presentata ad inizio marzo, i querelanti accusano i dipendenti della borsa con sede in California di approfittare illegalmente di “insider trading” relativamente al Bitcoin Cash (BCH) aggiunto a dicembre in Coinbase.

La denuncia è stata presentata da Jeffrey Berk un cittadino dell’Arizona per conto di se stesso e da un gruppo di clienti Coinbase nel tribunale distrettuale degli Stati Uniti in California.

Coinbase è stata accusata di gonfiare artificialmente i prezzi attraverso la divulgazione di ordini di compravendita poco dopo l’aggiunta di Bitcoin Cash tra le criptovaluta supportate, il 19 dicembre.

I querelanti hanno affermato che Coindesk aveva dato una mancia ai suoi dipendenti un mese prima di aver iniziato a sostenere pienamente BCH.

Berk chiede un processo con giuria per le perdite subite a lui e agli altri clienti coinvolti, e danni monetari non specificati.

La seconda azione legale è stata depositata il 2 marzo da Timothy G. Faasse e Jeffrey Hansen per conto proprio e di una serie di clienti.

La causa accusa Coinbase di aver violato la Legge sui beni immobili della California e di aver condotto pratiche commerciali illecite e scorrette .

Coinbase è stata accusata di consentire ai suoi utenti di inviare Bitcoin, Ethereum, Litecoin e Bitcoin Cash a indirizzi e-mail esterni – al contrario dei portafogli di criptovaluta. Le e-mail contengono un link che consente al destinatario di creare un account Coinbase e riscattare la sua criptovaluta.

Ma fino al 2017, i destinatari generalmente non avevano idea dell’importanza di un Bitcoin o altre criptovalute, quindi la maggior parte di queste e-mail non era stata presa in considerazione. E la maggior parte della Criptovaluta non è stata reclamata.

Invece di notificare ai clienti che avevano criptovalute non reclamate, Coinbase ha deciso di conservarle.

Questo è in violazione della legge sulla proprietà non reclamata, sottolinea la causa.


Informazioni su Rebecca Ricci 170 Articoli
Rebecca ha conseguito un Master in Giornalismo presso l'Università di Bologna e scrive professionalmente in un'ampia varietà di generi, in particolare le ultime notizie tecnologiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*