Il co-fondatore di Uber progetta la nuova criptovaluta

Il co-fondatore e presidente di Uber, Garrett Camp, ha creato la sua criptovaluta. 

Chiamato Eco per riferirsi alle molteplici sfaccettature di un sistema monetario – come l’economia, l’ecosistema e l’e-commerce – il progetto è attualmente in fase di realizzazione. Si aspetta di iniziare la rete di test più avanti quest’anno.

Il sistema di moneta virtuale sarà sviluppato e gestito da una nuova organizzazione no-profit, l’Eco Foundation. Camp, insieme ai suoi partner, progetta di finanziare il progetto Eco con $ 10 milioni durante la fase iniziale.

Come è diverso l’Eco?
Eco ha lo scopo di risolvere problemi che sono punti dolenti per le criptovalute esistenti come Bitcoin ed Ethereum .

Mentre i registri pubblici delle valute virtuali esistenti operano su una rete di minatori anonimi, il registro sottostante di blockchain di Eco verrà eseguito su “nodi verificati”, consentendo in tal modo maggiore affidabilità all’ecosistema monetario.

Consentirà una via di mezzo tra il sistema valutario completamente centralizzato (come l’attuale rete bancaria) e il sistema di criptovalute completamente decentralizzato (come i bitcoin).

Questi nodi verificati saranno gestiti in collaborazione con varie università e istituti di ricerca in tutto il mondo. Anche se ci sarà una perdita di anonimato, i guadagni ottenuti in termini di sicurezza e affidabilità lo compenseranno.

Anche il processo minerario di Eco è diverso, aprendo la strada a una significativa riduzione del consumo energetico. L’attuale processo di mining in valuta virtuale alloca il lavoro e incentiva i minatori in proporzione alla loro potenza di calcolo, il che porta i minatori a cercare di sfidarsi a vicenda con un maggiore consumo di energia.

Nel mondo di Eco, la ricompensa sarà equamente condivisa tra tutti gli utenti e i nodi della rete. Quindi, a tutti i corridori di nodi idonei sarà richiesto di fare il lavoro minimo per trovare il blocco successivo e verranno premiati allo stesso modo, ponendo fine alla concorrenza che porta a consumare più energia.

Nuovi nodi idonei possono essere aggiunti alla rete e nodi inefficienti possono essere rimossi da un gruppo designato di pari con una decisione unificata.

Il meccanismo di distribuzione di Eco incoraggia la partecipazione di un gran numero di utenti. Il piano è di distribuire i primi 500 miliardi di token ai primi 1 miliardo di utenti. Un totale di 1 bilione di gettoni dovrebbe essere estratto nei prossimi anni.

 




Informazioni su Martina Di Fraia 112 Articoli
Martina è una scrittrice di contenuti freelance e vive a Torino: Il suo interesse attuale sono le criptovalute, l'analisi finanziaria e la tecnologia blockchain. Oltre alla scrittura di contenuti, è una esperta Social Media Strategist. Nel tempo libero adora leggere libri e correre all'aperto. Scrive per Altcoinews.it da febbraio 2018 Indirizzo Email: martinadif@altcoinews.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*