13 persone uccise in un attacco missilistico russo a Zaporozhye

  • Attacco missilistico russo uccide 13 persone nel sud-est dell’Ucraina
  • La Russia afferma che il traffico ferroviario attraverso il ponte continuerà come previsto
  • Il ponte sullo stretto di Kerch era vitale per rifornire le truppe russe
  • L’imponente struttura è un simbolo dell’annessione della Crimea alla Russia

KIEV, 9 ottobre (Reuters) – Almeno 13 persone sono rimaste uccise e 87 ferite, tra cui 10 bambini, quando un missile russo ha colpito appartamenti e altri edifici residenziali nella città sud-orientale di Zaporizhia, in Ucraina, all’inizio di domenica, secondo quanto riferito da funzionari ucraini.

Nel frattempo, i servizi ferroviari e il traffico stradale parziale sono ripresi il giorno dopo che una potente bomba ha distrutto un ponte che collegava la Russia con la Crimea, una via di rifornimento chiave per le forze di Mosca che combattevano nell’Ucraina meridionale e un punto di riferimento che collegava la penisola.

L’esplosione di sabato su un ponte sullo stretto di Kerch ha suscitato applausi da parte dei funzionari ucraini, ma nessuna pretesa di responsabilità. La Russia non ha immediatamente rivendicato la responsabilità dell’esplosione, che ha spazzato via metà della carreggiata del ponte, con l’altra metà ancora attaccata.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La fucilata prima dell’alba di domenica a Zaporizhia è stata la seconda del genere contro la città in tre giorni.

Gli aerei russi hanno sparato almeno 12 missili, distruggendo parzialmente un condominio di nove piani, raso al suolo altri cinque edifici residenziali e danneggiandone molti altri, ha detto alla televisione di stato Oleksandr Starukh, il governatore della regione di Zaporizhzhia.

READ  Quello che sappiamo sulla diffusione del governo cinese - 19

Almeno 13 persone sono morte e 87 sono rimaste ferite, 60 delle quali sono state ricoverate in ospedale, hanno detto i funzionari regionali. Tra i feriti c’erano 10 bambini.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condannato il “male assoluto” di quelli che ha definito “barbari e terroristi” e ha promesso che i responsabili sarebbero stati assicurati alla giustizia.

La città di Zaporizhzhia, a circa 52 km (30 miglia) dalla centrale nucleare controllata dalla Russia, è stata oggetto di frequenti bombardamenti nelle ultime settimane, provocando la morte di 19 persone giovedì.

I soccorritori e i vigili del fuoco hanno circondato l’edificio di nove piani e scavato per i sopravvissuti e le vittime tra le macerie fumanti di un’enorme sezione centrale che è crollata.

Le auto sono state distrutte nell’esplosione e gli infissi metallici dei finestrini, i balconi e i condizionatori d’aria strappati penzolavano dalla facciata distrutta dell’edificio.

Gran parte della regione di Zaporizhia, compresa la centrale nucleare, è stata sotto il controllo russo sin dai primi giorni dell’invasione russa a febbraio. La capitale della regione, Zaporizhia, è sotto il controllo ucraino.

stretto di Kerch

Il vice primo ministro russo Marat Khuznulin ha detto che i subacquei inizieranno a lavorare domenica per rilevare i danni al ponte sulla Crimea e che un’indagine dettagliata sul corso d’acqua dovrebbe essere completata entro la fine della giornata, hanno riferito le agenzie di stampa locali.

“La situazione è gestibile – è spiacevole, ma non pericolosa”, ha detto ai giornalisti Sergei Aksyonov, il governatore russo della Crimea. “Certo, le emozioni sono eccitate e c’è un sano desiderio di vendetta”.

I treni merci e i treni passeggeri a lunga percorrenza che attraversano il ponte partiranno nei tempi previsti domenica, ha affermato il ministero dei Trasporti russo. Sabato, 10 ore dopo l’esplosione, è ripresa la circolazione stradale limitata.

READ  Daniel Snyder considera "possibili scambi" per i comandanti di Washington

“Fino a quando non verrà emesso un ordine speciale, solo le autovetture utilizzeranno il tratto stradale del ponte di Crimea. La linea ferroviaria funzionerà normalmente. Tutti i tipi di autobus e veicoli pesanti saranno trasportati in traghetto”, ha scritto Aksionov sull’app di messaggistica di Telegram .

Non è ancora chiaro se il bombardamento di sabato sia stato un attacco pianificato, ma il danno a una struttura di così alto profilo arriva nel mezzo di una serie di sconfitte sul campo di battaglia per la Russia e potrebbe oscurare ulteriormente le assicurazioni del Cremlino che il conflitto era pianificato.

Aksionov ha detto che la penisola ha un mese di carburante e più di due mesi di cibo. Sabato il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le sue forze nell’Ucraina meridionale potrebbero già essere “completamente rifornite” da rotte terrestri e marittime.

La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014 e un ponte di 19 km (12 miglia) che collega la regione alla sua rete di trasporti è stato aperto con grande clamore dal presidente Vladimir Putin quattro anni dopo.

Kiev chiede che le forze russe lascino la penisola del Mar Nero, così come il territorio ucraino che hanno conquistato in un’invasione lanciata da Putin a febbraio.

Il ponte è un’arteria vitale per le forze russe nell’Ucraina meridionale e nel porto di Sebastopoli, dove ha sede la flotta russa del Mar Nero.

Tre persone sono state uccise nell’esplosione all’inizio di sabato, hanno detto funzionari russi. Al livello superiore del ponte, sette vagoni cisterna di carburante di un treno di 59 carri diretti alla penisola hanno preso fuoco.

READ  Ondata di caldo negli Stati Uniti: le temperature pericolosamente alte dureranno per tutto il fine settimana, con milioni di americani che sperimenteranno un caldo a tre cifre

L’agenzia centrale antiterrorismo russa ha dichiarato sabato che un camion merci è esploso sulla strada del ponte. Diceva che due campate del ponte stradale erano parzialmente crollate, ma l’arco che attraversava il canale marittimo tra il Mar Nero e il Mar d’Azov non era danneggiato.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporti di Max Hunder, Jonathan Landay a Kiev, Sergiy Chalyi a Zaporizhzia e uffici Reuters; Di Jonathan Lande e Frances Kerry; Montaggio di Reisa Kasolowski e Alex Richardson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews